BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’ora di Islam spacca politici e cattolici video

L'ultimo no alla proposta dell'ora di religione islamica nelle scuole ?? quello di Maroni. "La Lega ?? nettamente contraria", ha detto il ministro dell'Interno.

Più informazioni su

La proposta dell’ora di religione islamica nelle scuole incassa il no di Maroni. "La Lega è nettamente contraria", ha detto il ministro dell’Interno Roberto Maroni, intervistato nel corso della trasmissione Mattino 5 sull’idea avanzata dal viceministro allo Sviluppo economico Adolfo Urso di An. Il Carroccio cestina il suggerimento che ha raccolto invece il favore trasversale di Gianfranco Fini, presidente della Camera, e di Massimo D’Alema, Pd. "Se la proposta servisse a migliorare l’integrazione – spiega Maroni – saremmo tutti d’accordo, ma questo è certamente il modo più sbagliato per farlo". E’ preoccupato il ministro dell’Interno perché "mentre l’ora di religione cattolica è rappresentata dalla chiesa, con valori precisi che si possono trasmettere, l’imam interpreta il Corano liberamente: non c’è un messaggio chiaro da trasmettere".
Intanto la Cei frena. Sul tema la Chiesa si è espressa con pareri contrastanti. L’apertura mostrata dal cardinale Renato Raffaele Martino, presidente del Pontificio consiglio per la giustizia e la pace, che già in passato aveva accarezzato l’idea di un’ora di Corano a scuola "con i debiti controlli però", si è scontrata con il pensiero del cardinale Angelo Bagnasco presidente della Conferenza espiscopale. Mentre monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, città con forte immigrazione islamica, e presidente della Commissione Affari giuridici della Conferenza episcopale italiane, assicura che non c’è "nulla in contrario all’ora di Islam nelle scuole", il presidente dei vescovi boccia la proposta senza appello: "L’ora di religione cattolica nelle scuole si giustifica in base al Concordato, in quanto essa è parte integrante della nostra storia e della nostra cultura. Non mi pare quindi che l’ora di Islam ipotizzata corrisponda a questa ragionevole e riconosciuta motivazione".
Il mondo politico resta diviso. Per il ministro leghista Roberto Calderoli "è una mattana di cui non abbiamo bisogno". Distinguo anche dalla stessa area politica del vice ministro Urso. Italo Bocchino, presidente Pdl alla Camera, prende le distanze dal collega di An e definisce "la proposta palesemente non percorribile". Pure il ministro Andrea Ronchi parla di "idea inattuabile a partire dalla necessità di dover difendere le radici cristiane della nostra società". Divisi i partiti d’opposizione. Al sì convinto di Massimo Donadi, capogruppo alla Camera dell’Italia dei Valori – che parla di "valido strumento di arricchimento culturale e di conoscenza" – , risponde il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini secondo il quale "l’idea è senz’altro generosa, ma rischia di essere avventata".

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da wka

    queste persone sono ospiti in quest italia cristiana e se gli concediamo il classico dito si prendono la mano,purtroppo al giorno d oggi è una moda essere contro la religione cristiana,secondo il mio modesto parere lo stato deve essere piu deciso a riguardo , meno male che esistono alcuni partiti o movimenti che ancora tengono duro altrimenti sarebbero guai per tutti noi.
    visto e considerato che le maggior festivita riportano alla religione cristiana come si puo negare che l italia non lo sia?

  2. Scritto da mario59

    @ 34 wka
    Se ti sta bene… a casa tua fai tutti i predicozzi che ti conviene.. quando si parla dello stato… per cortesia… la chiesa fuori dalla discussione… per quei cittadini che vogliono professare la religione cattolica, continuino pure a seguire le indicazioni della chiesa.. nessuno impedirà a loro di “guadagnarsi il paradiso” ma non pretendano di imporre il loro paradiso, a chi non vuole mantenere il paradiso in terra, a pochi privilegiati e sfruttatori dei più deboli.

  3. Scritto da wka

    l italia deve essere cristiana.
    DIO PATRIA FAMIGLIA

  4. Scritto da Maverik

    In alternativa all’ora di religione cattolica propongo che agli studenti mussulmani sia offerta un’ora settimanale per imparare i principi della Costituzione Italiana, soprattutto dove divergano dagli insegnamenti del loro Corano.
    Prima di tutto che imparino che la donna ha pari dignità rispetto all’uomo
    Chi frequenterà tale ora scolastica con profitto potrà accedere più facilmente all’ottenimento -a tempo debito- della cittadinanza italiana

  5. Scritto da Marco Cimmino

    Mi pare che si tenda un tantino a confondere il sacro col profano: per insegnare a tutti quali sono le regole della convivenza civile, basta l’educazione civica. Non solo la Costituzione, ma le consuetudini e la tradizione giuridica di fatto, sono alla base di una comunità. Ovvio che chi ne voglia far parte debba accettarle, tutte. Altro è lo studio delle religioni, che è una branca della filosofia: se si vuole si faccia, ma si affidi agli storici delle religioni, non agli imam o ai preti.

  6. Scritto da mario59

    Bravo Maverik
    Allora forse è meglio che costituzione, e educazione civica vengano insegnate pari pari..a tutti i nostri rampolli, e non solo agli stranieri..la prima cosa da insegnare ai nostri figliuoli, è il rispetto degli altri.. sono pronti a lagnarsi se qualcuno manca nei loro confronti, ma non ha rispettare, inoltre manca il rispetto di ciò che è di tutti..sono bravi a distruggere ogni cosa che non sia loro.. non serve la religione..ma la buona creanza..quella, è uguale in tutto il mondo.

  7. Scritto da wka

    bisogna cambiare la costituzione e mettere come primo articolo “l italia è e deve essere cristiana ” punto e basta TUTTE e sottolineo TUTTE le altre religioni devono essere messe al bando.

  8. Scritto da sep

    “E-ducare” significa “tirar fuori”. Significa dunque anche saper sottrarre per qualche ora bambini e ragazzi dai riti religiosi cui sono costretti da famiglie spesso credulone e violente. L ´unico valore che deve trasmettere è “sapere aude”: “abbi il coraggio di pensare con la tua testa”. Altro che catechismi cattolici o musulamani che siano…

  9. Scritto da mario59

    @ 28
    Esatto sep… insegnare a pensare con la propria testa liberamente.. e senza indottrinamenti di qualsiasi provenienza.. purtroppo le divisioni fra popoli e culture sono quasi sempre causate dalle religioni, colpevoli da sempre di aver scatenato guerre assurde e cruente nel corso della storia.

  10. Scritto da Giuseppe

    Io voglio un’ora di educazione alla religione del sesso, è possibile??????

  11. Scritto da kappero

    giuseppe giuseppe… fallo un po’ di sesso, invece di guardare guardare giardare e adesso studiare studiare… è una cosa naturale e bella

  12. Scritto da tamtam

    ma mandateli a casa loro a fare l’ora islamica….. sempre peggio….

  13. Scritto da mario59

    Ma perchè continuano a fingere di non capire che la religione a scuola non è opportuna.. i genitori che vogliono educare i figli alla religione, li portino in chiesa, o nella moschea.. o nei luoghi sacri che ogni credo ha.. ma fuori dalla scuola.. se anche gli islamici avranno la loro ora di religione, poi la vorranno anche i buddisti, gli indù.. i testimoni di geova e chi più ne ha più ne metta… ribadisco.. le religioni…tutte.. fuori dalla scuola pubblica.
    al ga öl po mia tat a capila.

  14. Scritto da Bella Ciao

    Se possibile, abolirei completamente l’ora di religione nelle scuole.. sostituendola con un’ora di insegnamento della Costituzione italiana!

  15. Scritto da mario

    Non ci sono bastati millenni di oppressione subita dal cattolicesimo? Adesso dovremmo sorbirci anche l’Islam? Basta con le religioni, soprattutto nella scuola pubblica: che si insegni educazione civica piuttosto!

  16. Scritto da Giuseppe

    kappero non preoccuparti che oltre a guardare e studiare faccio molto e pure troppo!!!!!

  17. Scritto da enrico

    X Paolo Comi. Il problema sta proprio lì. Non deve esistere un’ora settimanale in cui un prete interpreta con i propri preconcetti e pregiudizi dei fatti di vita. Queste cose vanno bene all’oratorio, dove ognuno è libero di andarci o meno.

  18. Scritto da Leonardo

    Nè islamica nè cattolica: fuori la religione dalle scuole!!

  19. Scritto da massimo tengatoni

    contrario all’ora di islam nelle scuole pubbliche. così come sono contrario a qualsiasi ora di religione. per l’educazione religiosa ci sono luoghi preposti e non sono la scuola, ma le chiese, le moschee, le sinagoghe.

  20. Scritto da Valter Grossi

    @ Comi. E’ penoso dover parlar d’altro per farsi ascoltare dagli allievi, da parte di questi insegnanti, pagati dallo Stato, ma scelti dal Vescovo.
    Ciò avviene perchè ipocritamente in Italia, al contrario di quanto avveniva ai primi 900, occorre far domanda per farsi esonerare dall’ora di religione. E’ un retaggio concordatario ripreso dalla Costituzione Repubblicana (grazie a PCI e DC), di cui è meglio sbarazzarsene.
    Meglio l’educazione civica, sessuale e lo studio delle religioni.

  21. Scritto da ex lega

    potrei essere contranio, ma visto le porcate della lega & company, ho deciso di darle sempre torto

  22. Scritto da Paolo Comi

    Gent.mo Valter Grossi quegli esecrati insegnanti entravano in classe con 3/4 giornali di correnti politiche diverse e ci mostravano le notizie riportate cercando di trovare la giusta strada confrontandoli.Trovo che discutere fatti di cronaca sia molto utile.Molto probabilmente l’avvversione alcattolicesimo porta a non riconoscere la storia millenaria dell’europa ricoscendo però quella di altri continenti.Mah!Quanto populismo.

  23. Scritto da Valter Grossi

    Quegli insegnanti facevano benissimo, ma così non insegnavano la religione. Non nutro avversione verso alcuna religione (sono agnostico), apprezzo molti pensatori cattolici come Antiseri, politici come De Gasperi, scrittori come Manzoni, ho amici sacerdoti, ma non mi piace uno Stato dove i precetti diventano leggi e i peccati reati.
    Ciò ovviamente vale a maggior ragione per l’Islam.

  24. Scritto da Marica

    @paolo comi
    Come mai l’ora di religione si chiama “ora di religione” e non “ora di attualità” o “ora di educazione civica” e l’idoneità dell’insegnante è stabilita dal vescovo?

  25. Scritto da mario59

    Se nelle aule vogliamo provare a integrare tra loro le varie culture..il modo migliore per fallire l’obbiettivo è istituire l’ora delle varie religioni..nella scuola pubblica tutti devono essere uguali..a dire il vero dovrebbe essere così anche in quella privata, ma si sa, se è dei preti è un po’ difficile impedirgli di insegnare la religione..comunque a me interessa la scuola pubblica, li non trovo giusto l’insegnamento della religione..chi la vuole studiare, può andare in una scuola cattolica

  26. Scritto da madalì

    stiamo freschi, con queste professoresse che non sanno nemmeno l’italiano! Non si dice “questo scambio può accrescere tutti”, ma “può far crescere tutto”, accrescere è un verbo intransitivo!

  27. Scritto da kaci

    MEGLIO STUDIARE ETICA ET STORIA DELLE RELIGIONI. ANCHE DIO SAREBBE FELICE CHE SIA SCELTO DA GENTE CONVINTA NON CONQUISTATA, SECONDO ME!

  28. Scritto da Marco Cimmino

    Per la verità, accrescere è un verbo transitivo: un normalissimo verbo transitivo. Accresco la mia noia, accresco la mia gloria, accresco il numero degli interventi bislacchi su Bgnews…E sì che non è tanto difficile: basta guardare il lemma sul dizionario: c’è scritto “v. trans:” che non sta per “vergine transessuale”. Per quel che riguarda l’ora di Islam, ci mancherebbe anche questa! Io eliminerei l’ora di religione…Sta a vedere che la scuola debba assumersi anche il babysitting dell’Islam!

  29. Scritto da Marica

    Ma eliminare l’ora di religione punto e basta no eh? Chi è interessato alla religione e alla catechesi può tranquillamente rivolgersi alle rispettive chiese (come del resto già fa).E non mi si venga a dire che l’ora di religione è intesa in generale blabla, dato che la chiesa ha dichiarato esplicitamente che di cattolicesimo si tratta. Propongo di sostituire l’ora di religione con lo studio accurato della Costituzione italiana. Sarebbe utile a tutti, italiani e non, credenti e non.

  30. Scritto da Valter Grossi

    Che la sfera religiosa sia un’importante aspetto della personalità individuale nessuno lo nega, ma che la scuola di Stato debba ospitare le varie forme di catechismo, incluso quello “concordatario” mi pare sbagliato. Che a tutti venga fornito un’adeguato grado di conoscenza sulle religioni e che ciascuno faccia catechismo nella propria comunità, se lo vuole. LIBERE CHIESE IN LIBERO STATO!

  31. Scritto da berghem

    D’accordissimo con @4.Se vuoi fare catechismo vai al sabato in oratorio, se vuoi diventare un buon kamikaze vai in viale jenner ecc…a scuola si dovrebbe insegnare altro.La costituzione e l’etica sarebbe perfetto…

  32. Scritto da Diego

    D’accordo con Marica 4. Insegnamenti laici in una scuola laica.

  33. Scritto da Paolo Comi

    Ma che scule avete frequentato?L’ora di religione nei licei era soprattutto improntata ad una discussione di filmati,avvenimenti di cronaca etc.etc..Il catechismo ed altri insegnamenti riferiti al cattolicesimo non riguardavano l’ora di religione.Questo accadeva negli anni 80,90,ed anche ai ns giorni.Mia figlia infatti frequentando le magistrali statali non ha mai e poi mai dovuto studiare i testi religiosi cattolici.Siete come al solito fuorviati dalla politica.Penoso Walter Grossi.