BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Comark beffata nel derby con Brescia

Derby doveva essere, e derby ?? stato: si chiude al 40??? con un pallone recuperato da Crow nel cestone dell???immondizia, dopo che Musso ce lo butta con una scelta che definire scellerata sarebbe un eufemismo.

Più informazioni su

Tratto da Basketnet.it

Derby doveva essere, e derby è stato: si chiude al 40’ con un pallone recuperato da Crow nel cestone dell’immondizia, dopo che Musso ce lo butta con una scelta che definire scellerata sarebbe un eufemismo. Vince Brescia, con un po’ (un po’?) di fortuna, con Reati che finisce in infermeria dopo 8’ di totale dominio del parquet: al 40’ coach Furlani è decisamente onesto e corretto: “Siamo stati più cinici dei nostri avversari, nonostante i tanti errori nostri e loro.
Temevo questa gara e speravo si giocasse sul filo del rasoio in un finale punto a punto, con la pressione su Treviglio. Per quanto riguarda la mia squadra, abbiamo fatto dei passi in avanti, ma siamo ancora alla ricerca della nostra vera identità: ci vorrà ancora del tempo. Adesso il pensiero corre già a venerdì sera: la gara interna con Verona sarà fondamentale per noi”. E fondamentale era la gara interna con Brescia per Treviglio, che domenica prossima scenderà in campo al Pala Romiti di Forlì e poi osserverà il turno di riposo: il calendario ha tirato un brutto scherzo a Minessi e compagni, incapaci contro la Leonessa di mettere a frutto il massimo vantaggio (39-27 al 15’) e poi di crollare nell’ultimo giro di lancette con la vittoria in pugno. Non fa drammi negli spogliatoi Morandi che riconosce a Brescia il proprio valore: “Brescia è tosta, completa e ci ha messo in difficoltà. Quando si gioca una partita tirata come questa, spesso il risultato è condizionato da singoli episodi: siamo stati penalizzati dall’infortunio di Reati”. Brescia rischia di scomparire per mano di una Treviglio coraggiosa e compatta che, perso Reati, punta tutto su De Min e sui ragazzi terribili che a Bologna avevano fatto tremare la Fortitudo: ma il secondo tempo dei bresciani è da riscossa pura.

Sugli scudi Super Musso che alla fine è contentissimo: “Il gusto di una vittoria sofferta è pari alla soddisfazione che essa porta. Adesso però piedi per terra. Abbiamo raddrizzato una partita incredibile: mentre tornavamo negli spogliatoi ci guardavamo negli occhi e ripetevamo che non era possibile giocare così male e concedere 46 punti a Treviglio in due quarti.” Infatti il terzo quarto è un tripudio della difesa bresciana che tiene Treviglio a quota 13. Chi ha mal digerito la sconfitta è Nicola Minessi: “Brescia è tosta, lo sapevamo. Gara condizionata dall’uscita di Reati. Un peccato perché il calendario non ci aiuta ma soprattutto perché ci mettiamo il cuore e ci alleniamo con molta intensità. Speriamo in tempi migliori”.

Comark Treviglio-Basket Brescia 75-76

COMARK TREVIGLIO: Demartini 14, De Min 12, Minessi 10, Reati 17, Degli Agosti, Moruzzi 9, Da Ros 5, Zanella 2, Planezio, Milani 6. All.: Morandi.

BASKET BRESCIA LEONESSA: Musso 30, Rezzano 7, Crow 14, Quaroni 8, Alberti 2, Maiocco 9, Rossetti 2, Maggio 4, Marelli D. ne, Petrucci ne. All.: Furlani.

ARBITRI: Pisoni di Gorgonzola (MI) e Bernacchi di Canegrate (MI).

NOTE – Parziali: 25-21, 46-39, 59-59. Tiri liberi:Treviglio 10/13, Brescia 13/17. Percentuali dal campo: Treviglio19/39 da 2, 9/21 da 3; Brescia 15/32 da 2, 11/23 da 3. Rimbalzi: Treviglio 30, Brescia 32. Usciti per 5 falli: nessuno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.