BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gli rubano il casco, scende con la mannaia

Un furto provoca la dura reazione di un 29enne, che sfascia gli scooter dei ragazzini ladri. Poi la polizia sale in casa sua e gli trova della droga nascosta.

Più informazioni su

Il furto di un casco ha movimentato il giovedì pomeriggio di via Mozart. Tutto è iniziato quando un gruppo di minorenni ha strappato l’elmetto dal sottosella di uno scooter parcheggiato. Il legittimo proprietario, un 29enne che risiede nelle vicinanze, se ne è accorto ed è sceso in strada per farsi giustizia sommaria impugnando una mannaia. A dargli man forte un amico di 23 anni. Vista la malparata, il gruppo di ragazzetti si è dato alla fuga e ha chiamato la polizia, autodenunciandosi pur di non correre altri rischi. Gli altri due hanno però iniziato a infierire sugli scooter dei fuggitivi, rubando carte di circolazione e denaro custoditi sotto le selle. Poi, finita l’incursione, sono rientrati in casa. A quel punto ha citofonato la polizia, che chiesto conto dell’accaduto al 29enne. Gli agenti hanno iniziato a perquisire l’abitazione in cerca della mannaia. Oltre all’arma, al denaro sottratto e alle carte di circolazione, è saltato fuori anche il kit del piccolo spacciatore: 20 grammi di hashish, un tagliere e un bilancino. Più delle bustine di plastica trasparente personalizzate con disegni vari, destinate probabilmente al confezionamento delle dosi.  Alla fine sono fioccate denunce per tutti: detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, minacce, furto aggravato e possesso d’arma imporpria per il 29enne, furto e danneggiamento per l’amico 23enne. Quanto ai ragazzini, un 18enne, due sedicenni e un 17enne, sono stati indagati per il furto in concorso del casco.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.