BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Centro commerciale e area rifiuti? No grazie

Un gruppo di residenti e negozianti ha creato un Comitato e ha inviato una lettera al sindaco in disaccordo con la scelta di costruire un grande insediamento vicino al centro.

Più informazioni su

Un gruppo di residenti e commercianti di Gorlago si è costituito in Comitato perché in disaccordo con la scelta dell’Amministrazione comunale di costruire un grande insediamento, a ridosso del centro cittadino, composto da un centro commerciale, migliaia di metri cubi di nuovi appartamenti, e un grande centro per la raccolta differenziata dei rifiuti.
Il Comitato sta organizzando iniziative di protesta e ha inviato una lettera aperta al sindaco. Eccola.

Buongiorno,
siamo un gruppo di residenti e di commercianti che vivono e lavorano a Gorlago.
Molti di noi risiedono in prossimità dell’area A. Volta, interessata al Programma Integrato di Intervento adottato con deliberazione del Consiglio Comunale il 21 aprile e successivamente il 17 giugno 2009, altri sono titolari di attività commerciali in paese.
Esprimiamo con forza tutte le nostre perplessità in merito alla scelta compiuta di costruire nell’area situata vicino alle nostre case un grande insediamento costituito da un centro commerciale, migliaia di metri cubi di edilizia residenziale e di un grande centro per la raccolta dei rifiuti.
Innanzitutto ci saremmo aspettati di essere consultati dalla nostra Amministrazione Comunale, in quanto cittadini direttamente interessati all’intervento edilizio ed urbanistico. Questo non è avvenuto e riteniamo la mancanza grave, indicante la poca considerazione che, apparentemente, l’Amministrazione riserba ai suoi cittadini.
Ma forse si è trattata solo di una dimenticanza, a cui è possibile rimediare. Questo progetto, se attuato, sconvolgerà le nostre vite e cambierà non solo l’urbanistica del nostro paese, ma anche il nostro modo di vivere.
Costruire un centro commerciale in un territorio che in pochi chilometri quadrati già ne ospita altri, oltre che una scelta incomprensibile, produrrà effetti negativi per le decine di commercianti che investono quotidianamente risorse economiche e duro lavoro nelle proprie piccole e medie attività a Gorlago.
Per quanto riguarda invece il nuovo centro per la raccolta differenziata dei rifiuti riteniamo che la sua collocazione in una zona abitata determini una serie di gravi problemi sia di natura ambientale che viabilistica, peggiorando sensibilmente la qualità della nostra vita.
E’ giusto chiarire che non siamo contrari alla razionalizzazione della raccolta dei rifiuti: la riteniamo anzi necessaria e utile all’intera comunità. Contestiamo però la scelta inopportuna di realizzare il centro raccolta davanti alle nostre case e in prossimità del centro cittadino.
Non sarebbe più saggio individuare una zona del territorio comunale più isolata, ove l’impatto ambientale sia meno devastante?
E che senso ha dare il via alla costruzione di nuovi appartamenti quando nel nostro Comune ve ne sono moltissimi vuoti e non abitati?
Signor Sindaco, Signori membri della Giunta Comunale, Signori Consiglieri chiediamo di poterVi incontrare prima della deliberazione del Programma Integrato di Intervento in una assemblea pubblica. Chiediamo inoltre che la nostra voce venga presa in considerazione. E’ questo un diritto riconosciuto in ogni paese civile.
Comitato residenti e commercianti di Gorlago

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luca salvi

    Grande Lu ho capito che cerchi la polemica a tutti i costi ma hai sbagliato soggetto. Il mio impegno (il mio gruppo comunque era civico di centrodestra, Idee in Movimento) e della Lega al nostro comune e’ di evitare la realizzazione dell’ennesimo centro commerciale. Sono stato eletto a Gorlago non a Seriate e mi concentro sulla mia realta’ mantenendomi coerente con gli impegni presi nel nostro programma.

  2. Scritto da GRANDE LU

    O Caro Salvi: Neanche a me piace il progetto di Gorlago. Anche se non ricade nel mio paesello, cercherò – in tutta modestia – di fare qualcosa per aiutare chi vuol fermarlo. Questa è solidarietà dovuta, anche perché le operazioni sbagliate in un paesello ricadono a largo raggio in tanti altri paeselli. Mi auguro di ritrovarti a dare una mano anche a chi cerca di contrastare le operazioni sbagliate nel paesello accanto, e non a dar man forte a chi le fa.

  3. Scritto da luca salvi

    @Enrico: nessuno mette in dubbio l’utilita’ derivante dal recupero di una vecchia area dismessa, ma cosa centra concedere un centro commerciale e 90 nuove abitazione quando nel nostro paese c’e’ gia un sacco di invenduto?

  4. Scritto da libertà

    Le motivazioni sichiamano oneri di urbanizzazione ed ICI. Le imposte che finanziano la prima le opere pubbliche e la seconda la spesa corrente. E’ chiaro che l’ICI prima casa è abolita ecco perchè si preferisce fare il centro commerciale. Un Sindaco che è al suo secondo mandato e quindi non può essere rieletto non vorrei che agisse senza tener conto della volontà dei cittadini.

  5. Scritto da GRANDE LU

    Rassicurato da Luca S., che è consigliere PDL e non Lega (è tutta un’altra cosa, anche se con la Lega è alleato), e il mio entusiasmo raddoppia perché sono risaputi la serietà, l’impegno, la COERENZA di tutto il PDL (da Berlusconi a Formigoni e oltre) per fermare e ostacolare i centri commerciali e la speculazione edilizia! Della COERENZA della Lega, che difende i piccoli commercianti, abbiamno già scritto l’altro giorno

  6. Scritto da enrico

    Ma scusate, preferite tenervi dei vecchi capannoni con il tetto in eternit? Contenti voi.

  7. Scritto da Luca Salvi consigliere IIM-LEGA

    Dietro la motivazione di recuperare l’area ex-enel e di ottenere opere “a costo zero” la maggioranza sta portando avanti un piano che stravolgera’ non poco il nostro paese, non solo da un punto di vista residenziale, quasi 90 casa in piu’ delle quali non se ne sente il bisogno visto l’invenduto, ma inoltre concendendo la possibilita di realizzare un centro commerciale che mettera in difficolta i nostri commercianti. Il tutto senza consultare i cittadini. In bocca al lupo al comitato.

  8. Scritto da milly67

    Basta centri commerciali !! Nella sola lombardia ce ne sono quasi 500!!I clienti sono sempre quelli e hanno sempre meno soldi.Perfavore finiamola con le aperture domenicali inutili che non servono a nessuno.Visto e considerato che al centro commerciale difficilmente ci si và a piedi domandatevi quante macchine sono in circolazione….. e l’inquinamento?Cari sindaci e regione lombardia smettela di prendere soldi x deliberare le aperture domenicali !! Domenica ecologica….mah. Sono con voi !

  9. Scritto da GRANDE LU

    Luca S.,consigliere Lega: finalmente un leghista contro i centri commerciali, esattamente come il Sindaco leghista di Albano (raddoppio Outlet Ca’ Longa e altre 3 o 4 strutture commerciali), quella (leghista) di Seriate (centri comm. a iosa) o l’ex-sindaca di Castelli Calepio (progetto Centro Commerciale di Quintano) e altri…

  10. Scritto da luca salvi

    Caro Grande Lu mi spiace vivamente deludere il tuo entusiasmo, la poca informazione causa poi equivoci.
    Io non sono leghista ma area PDL e il mio gruppo consiliare nasce dall’unione della mia lista Idee in movimento con la Lega sulla base di un programma che prevedeva la revisione di questo piano urbanistico in primis no al supermarket. Se altri non sono coerenti non e’ affar mio.

  11. Scritto da luca salvi

    Per Grande Lu che evidentemente non e’ informato, il mio gruppo consiliare e’ nato dall’unione di Idee in movimento,cui appartengo, (area centrodestra PDL) e Lega Nord. Non sono un leghista e con la Lega del mio paese ci siamo presentati uniti con un programma coerente che non prevedeva centri commerciali e operazioni cementificatorie come questa. Che gli altri paese facciano altre scelte non mi riguarda io penso a Gorlago.