BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Nontuttoinunanotte”, in discoteca contro le stragi del sabato sera

Riparte il tour di NONTUTTOINUNANOTTE il progetto itinerante per la sensibilizzazione attiva contro gli effetti della guida in stato di ebbrezza. Venerdì appuntamento allo Shiva di Arcene.

Più informazioni su

Riparte dopo la pausa estiva il tour di NONTUTTOINUNANOTTE il progetto itinerante per la sensibilizzazione attiva contro gli effetti della guida in stato di ebbrezza. NON TUTTO IN UNA NOTTE  si rivolge al “popolo della notte” a tutti coloro che amano stare insieme e divertirsi con gli amici e per farlo frequentano locali notturni dove si balla e si beve….E inevitabilmente si trasformano in soggetti a rischio, possibili protagonisti di una delle tante stragi del sabato sera. Dopo aver viaggiato tra i locali del novarese, il chill out del sabato sera ora si sposta in Lombardia finanziato dall’Assessorato Giovani, Sport Turismo e Sicurezza della Regione Lombardia, in collaborazione con Risorsa Sociale Gera D’Adda – Azienda Speciale Consortile del Distretto di Treviglio e ai due soggetti attuatori sul campo, la Cooperativa Sociale Spaziogiovani (www.spaziogiovani.it) e Vedogiovane (www.vedogiovane.it). Per informare i ragazzi e sensibilizzarli, per far loro conoscere i propri limiti e anche quelli  imposti dalle legge nel rispetto dei termini di una guida sicura, NONTUTTOINUNANOTTE li aspetterà fuori dai locali e ospiterà all’interno di un ampio gazebo montato per l’occasione tutti coloro che avranno tempo e voglia di fermarsi. Questo grande “chill out” itinerante sarà presente all’esterno di tutti i locali di intrattenimento notturno e nei luoghi più frequentati dai giovani della provincia di Bergamo. Un angolo di relax, uno spazio accogliente con sdraio e musica soft per riposare un po’ prima di ripartire e rimettersi in auto dopo una nottata passata con gli amici. Un luogo dove scambiare ancora qualche chiacchiera, magari bevendo un caffè, acqua o un succo di frutta. Un momento in cui raccogliere materiale informativo e, se si ha voglia, sottoporsi al test dell’etilometro per capire se sia meglio fermarsi ancora un po’. Ma il progetto non si ferma qui. All’interno del Camper NONTUTTOINUNANOTTE una vera e propria troupe televisiva intervisterà i ragazzi che potranno anche recitare in uno spot che verrà successivamente trasmesso da emittenti televisive locali e nazionali.

Videobergamo è media partner di Nontuttoinunanotte. Trasmetterà dalla prossima settimana ogni giovedì alle 20,10 i filmati raccolti durante gli eventi nelle discoteche. Queste immagini forniranno una testimonianza preziosissima sulle modalità di divertimento dei giovani della provincia novarese e costituiranno materiale importante per promuovere una cultura della prevenzione. Per intavolare un vero dialogo con i giovani è essenziale utilizzare il loro stesso linguaggio se si vuole essere capiti e soprattutto ascoltati. Ecco perché questo progetto di prevenzione attiva sfrutta una prassi e una metodologia innovative: la costruzione di un ambiente “amico” (il gazebo itinerante) all’interno del quale sentirsi liberi di parlare e di confrontarsi con la certezza di essere anche capiti; la possibilità di esprimersi davanti alle telecamere con la sensazione di essere ascoltati e di fare 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da The dub soldier

    é un iniziativa interessante, anche se la regione dovrebbe proccuparsi di mettere di notte i mezzi pubblici. A l’estero la gente beve molto di più, e nessuno o quasi non ne fa un dramma sociale come qua, dove i moralisti sono pronti a sbraitare su le stragi del sabato sera. Qualcuno si chiede comemai da noi c’è un numero elevato di incidenti stradali nei weekend? Se ci fossero i mezzi e i taxi fossero meno costosi, ce ne sarebbero molti di meno. Basta tutelare la lobi dei taxisti!