BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Non ci sar?? la caccia all’Euro 2” Pronta la deroga per le auto nuove

Il vicecomandante Di Nardo parla spiega la linea rispetto al blocco delle auto inquinanti: controlli ordinari, nessun accanimento. Chi acquista nuovi veicoli pu?? utilizzare il vecchio ancora per 90 giorni.

Più informazioni su

“Non andremo a caccia di auto inquinanti per fare cassa”: la polizia locale di Bergamo definisce la sua linea nel giorno di inizio di un blocco stradale contestatissimo, quello che riguarda le auto benzina Euro 0, e diesel Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 (proprio sull’Euro 2 le maggiori polemiche). Nessuno di questi veicoli potrà circolare dal 15 ottobre al 15 aprile, dalle 7,30 alle 9,30, dal lunedì al venerdì. In caso contrario, per chi venisse pizzicato ad utilizzare un’auto non autorizzata, la multa sarà di 150 euro.
“Non vogliamo in alcun modo metterci a cercare auto inquinanti da multare – spiega il vicecomandante della polizia locale Arcangelo Di Nardo -. Procederemo con i controlli ordinari, come sempre accade. Accanto alle solite verifiche su patente e libretto ci sarà anche il controllo sulla classe ambientale dell’auto, come prevede la legge. Ma nulla di più. Per qualsiasi dubbio o chiarimento invitiamo i cittadini a contattare la centrale operativa della polizia locale”. La centrale si contatta chiamando lo 035399559 (e digitando due volte 1 al risponditore automatico).
La Regione Lombardia ha intanto confermato la possibilità di deroga, vincolata all’acquisto di una nuova auto, per chi possiede veicoli inquinanti, fino ai diesel Euro 2: chiunque ha ordinato un’auto che sia almeno Benzina Euro 1 o diesel Euro 3, ma non l’ha ancora ricevuta, può richiedere una deroga di 90 giorni per continuare a circolare con il suo veicolo inquinante. Sul sito della Direzione Ambiente della Regione dovrebbe comparire il link per scaricare il modulo da far firmare al concessionario o comunque al venditore dell’auto. Per ora, o il link è ben nascosto tra le pagine, oppure non c’è ancora.

Le strade su cui si può comunque circolare

La testimonianza, starò più di 12 ore fuori casa

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lele

    a saperlo.. non cambiavo la macchina..

  2. Scritto da Elio

    Come si pone il “bollino” blù” in questa vicenda? Bisognerà pagare ancora la verifica sui gas di scarico?

  3. Scritto da angelo

    L’acquisto di un nuovo mezzo è un impegno finanziario notevole in tempi di vacche grasse ma , in tempi di crisi vuole dire mettere in ginocchio i cittadini costretti a cambiare auto magari alle prese con muti e lavoro precario
    Vorrei ricordare ai politici che la Rivoluzione Francese partì proprio in seguito all’aumento del prezzo del pane ( allora non c’erano automobili ).Togliere la possibilità di usare l’auto vuol dire impedire di fatto alla gente di lavorare.

  4. Scritto da Apo

    ma stiamo scherzando?!?…calo del fatturato del 30% problemi a riscuotere dai propri clienti, impossibilità di avere finanziamenti e in mezzo a tutto ciò ci si inventa il balzello dell’auto che inquina in una città si e in un altra forse no? é proprio vero che chi lavora nello stato non si è ancora reso conto di quante difficoltà, sia i lavoratori che i piccoli imprenditori si stanno accollando. Cari miei politici svegliatevi, siete in sogno tutto vostro che crea solo incubi a spese nostre.

  5. Scritto da orazio

    Io ho fatto lo sforzo ed ho cambiato la macchina.Ora i soliti furbi chiedono deroghe a gran voce perchè non arrivano alla terza settimana.Io voglio respirare l’aria pulita ed uno dei sistemi è eliminare le auto vecchie .Poche balle .Tutti fanni i belli a casa degli altri e si riempiono la bocca con l’ambiente etc tec.Basta, tutti devono fare la loro parte.Perchè non tagliano le spese per il telefonino ed altre amenità e contribuiscono a mettere a posto le cose di tutti?

  6. Scritto da che stato

    ABITO A CAROBBIO E LAVORO AD ORIO..
    SECONDO GLI “INTELLIGENTONI” A CAROBBIO POSSO GIRARE, A GORLAGO PURE, A MONTELLO NO, A COSTA MEZZATE SI, PER BRUSAPORTO NO, SERIATE NO, ORIO NO… BELLO SLALOM LA MATTINA PER LA SOLITA STRADA CHE FACCIO (NON INTERESSE) OBBLIGATO A CAMBIARE UN’AUTOMOBILE DI 8 ANNI (TENUTA BENE) NON CI PENSO NEMMENO!!E NON FATE GLI ECOLOGISTI, NON è LI L’INQUINAMENTO!! ORIOCENTER, AEROPORTO, MEZZI PUBBLICI E CALDAIE DEL ’40, ECC..

  7. Scritto da angelo

    NO EURO 2 PER LAVORARE
    SI AUTO BLU’ PER CAZZEGGIARE
    Questo bisogna far sapere ai Politici con un volantino esposto in bella mostra appicicato sul cruscotto posteriore..

  8. Scritto da mario59

    Cosa vuol dire non ci sarà la caccia all’euro 2.. ma scherziamo.. sembra quasi messa li come per dire; va behh.. entrate pure con le vostre euro2 nelle zone vietate, noi chiudiamo un occhio.. se però passate di li mentre lo riapriamo, 150 eurozzi ve li fumiamo… ma che vergogna.. oltre tutto questa legge iniqua per i cittadini, e inutile per l’ambiente, è una trovata della regione lombardia.. si avete capito bene.. nel resto dell’Italia il problema non esiste.. mandiamo a casa Formigoni & C.

  9. Scritto da andrea

    una legge cosi’ ignorante non potevano fare
    chissà cosa ne pensa l’EUROPA ……

    LEGHISTI : i miglior complimenti x la banca del sud …….

    … la vostra è fallita ……

  10. Scritto da wka

    si certo come no!