BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sottoscritto il patto per i precari della scuola

Il Patto siglato oggi, già firmato il 7 settembre tra Regione Lombardia e Ministero dell’Istruzione, mette a disposizione 15 milioni di euro da parte di Regione Lombardia

Più informazioni su

Oggi, 13 ottobre 2009, è stato sottoscritto definitivamente il Patto territoriale a favore dei precari della scuola tra Regione Lombardia, Ufficio Scolastico regionale, sindacati confederali e Flc CGIL, CISL Scuola UIL Scuola, SNALS Confasl Lombardia.

Il Patto siglato oggi, già firmato il 7 settembre tra Regione Lombardia e Ministero dell’Istruzione, mette a disposizione 15 milioni di euro da parte di Regione Lombardia che si andranno a sommare con le ulteriori risorse economiche a carico dell’INPS e ha recepito in toto l’accordo del 7 settembre, andando ben oltre le condizioni poste dallo stesso «Grazie alla disponibilità e accoglimento delle richieste sindacali dell’Assessore Rossoni per una soluzione decorosa per tanti che non hanno trovato collocazione quest’anno scolastico, inserendo nei potenziali beneficiari anche i non percettori di sussidio di disoccupazione ed il personale percettore di sussidio di disoccupazione che abbia avuto un contratto di durata annuale o fino al termine delle attività didattiche nell’anno scolastico 2008/09». Spiega Carlo Giuffrè, segretario generale di Uil Scuola. «Queste ultime 2 categorie, escluse dal Decreto Ministeriale grazie al Patto sottoscritto oggi rientrano a tutti gli effetti nelle tutele e serviranno alle istituzioni scolastiche per ampliamento dell’offerta formativa della quale la scuola lombarda in questo periodo di riduzione di organici ne ha proprio necessità». Sin dal 15 di ottobre ed entro il 26 di ottobre i precari interessati potranno presentare le istanze di messa a disposizione su modelli che la Regione renderà disponibili.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.