BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Settimana calda sul fronte Tenaris

La crisi e gli esuberi protagonisti a TeleLombardia e in Rai da Santoro, ad Anno Zero. Marted?? 13 lo sciopero con presidio a Costa Volpino.

Inizia una settimana calda sul fronte Tenaris per gli stabilimenti bergamaschi di Dalmine/Sabbio e Costa Volpino. Una settimana in cui i problemi della fabbrica e gli esuberi annunciati nel piano di riorganizzazione saranno al centro dell’attenzione in più di una occasione. 
Si è cominciato lunedì sera con una dibattito nel corso della trasmissione Iceberg su Telelombardia, dibattito a cui hanno partecipato alcuni sindacalisti bergamaschi della Fiom proprio per descrivere la situazione Tenaris, situazione che, stando agli annunci, finora sempre confermati dell’azienda, vede la necessità di 836 tagli tra Costa Volpino (119) e Dalmine (717). Anche RaiDue dedicherà uno spazio alla questione, delicatissima, per l’intera provincia bergamasca già alle prese con la crisi del tessile che ha investito pesantemente la valle Seriana: la trasmisisone di Michele Santoro, Annozero, giovedì 15 ottobre infatti concentrerà l’attenzione su questo tema, con l’inviato Corrado Formigli che nei giorni scorsi ha ascoltato le testimonianze dei lavoratori di Dalmine.
Programmi televisivi a parte, i riflettori si accendono martedì 13 ottobre, sui dipendenti di Costa Volpino che hanno proclamato una giornata (otto ore) di sciopero e mobilitazione con l’obiettivo di contrastare il quasi dimezzamento della fabbrica dell’alto Sebino.
Intanto proseguirà, giovedì 15, il confronto tra sindacati e azienda: i responsabili della Tenaris concluderanno l’esposizione del piano di riorganizzazone e spiegheranno proprio il progetto per Costa Volpino.  

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cassaintegrato

    Beh stasera da Santoro era piu importante parlare di Berlusconi che della Dalmine e della crisi della valle Seriana
    Mah…………………….

  2. Scritto da Joe Strummer

    ..ma si parla già di ricollocamento??? ma dove vivono? Non è il caso di rompere i maroni sul piano aziendale prima di parlare di ricollocamento? se no questi alla prima difficoltà lasciano a casa 800 persone, alla seconda capaci di smantellare.. Comoda così, finora hanno guadagnato grazie ai lavoratori, appena perdono fanno pagare ai lavoratori.. Capace anche io di fare il manager così..

  3. Scritto da Bella Ciao

    Sara’ molto importante la buona riuscita dello sciopero di Martedi… Secondariamente sara’ altrettanto importante “sfruttare” una trasmissione seguita in media da oltre 5 millioni di telespettatori x far conoscere e tenere alta l’attenzione sulla grave situazione occupazionale della Dalmine Tenaris e piu’ in generale in tutta la Bergamasca!! ..e x far capire a tanti PECORONI che il peggio della crisi NON e’ X NIENTE alle nostre spalle come qualcuno vuol far credere all’opinione pubblica

  4. Scritto da uno spettatore

    è singolare che gli stessi operai che hanno votato lega e pdl, chiedano dove sia l’opposizione.
    l’opposizione non esiste più,oramai in Italia gli unici problemi sono quelli di berlusconi sia legali che di letto. poi basta sentire i tg la crisi è ormai alle spalle, auguri a tutti

  5. Scritto da roberto fugazzi

    SCIOPERO GENERALE PROVINCIALE A DIFESA DEI POSTI DI LAVORO!
    se non adesso …….QUANDO?

  6. Scritto da mario59

    X il 7 Joe Strummer
    Se leggi i giornali e ascolti i notiziari,avrai sentito pure tu dell’impegno di Calderoli a ricollocare gli esuberi della Tenaris..pare che abbia già contatti con altre aziende..ma allora perchè Calderoli non aveva pensato di ricollocare almeno qualcuno delle migliaia di già da tempo, disoccupati bergamaschi?
    Per il resto do ragione a roberto fugazzi..dove sono i sindacati? Se non facciamo proteste forti e continuate, finiamo nel dimenticatoio..dobbiamo farci sentire e forte.

  7. Scritto da eugenio

    Ada mariosinquantanof derfò bè l’oregie:
    Tal set chi l’è stach a daga atrà Al Calderol?
    La casada de met fò i crapù de bonanni e alfano!
    Isè ‘nvece de andà a tratà ol fugassi l’è ndac ol calderol a tratà!
    Spol mia nda innach issè, per vens bisogna dovrà ol cò mia i crapù!
    Ma la Lega Nord e l’UGL ‘ndoei? E i crapù de calderol e la polverini?

  8. Scritto da Bella Ciao

    Adesso ci si chiede che fine abbiano fatto le opposizioni e il sindacato?? Piuttosto ci si dovrebbe chiedere xche’ molti operai del Nord abbiano votato Lega e PdL, visto che NON HANNO MAI DIFESO E PORTATO AVANTI GLI INTERESSI DEGLI OPERAI IN TUTTA LA PROPRIA STORIA POLITICA!!! Purtroppo la VERA SINISTRA e’ rimasta fuori dal Parlamento!! Bossi, Calderoli e compagnia bella hanno sempre e solo difeso i piccoli padroncini!! OPERAI, CERCHIAMO DI APRIRE GLI OCCHI!!!!

  9. Scritto da Bella Ciao

    Come si puo’ notare ogni giorno, il peggio NON e’ passato e la crisi NON e’ alle nostre spalle come continuano a sostenere Berlusconi e company!! ..e poi dicono di continuare a mantenere lo stesso stile di vita, di spendere e di essere ottimisti… VORREI BEN VEDERE COSA FAREBBERO QUESTI SIGNORI AL GOVERNO CON 750.euro DI CASSA INTEGRAZIONE E UN MUTUO SULLE SPALLE!! VERGOGNATEVI!!!

  10. Scritto da eugenio

    Brao bellaciao, sirca anche de dovrà ol cò mia i crapù de bonanni e alfano!

  11. Scritto da Bella Ciao

    Gli Operai della INNSE ci hanno insegnato che solo con la LOTTA e la DETERMINAZIONE si puo’ raggiungere qualcosa di concreto!

  12. Scritto da eugenio

    Brao, spol mia mandà ol calderol a tratà, LOTTA SI’ ma mia faga i piaser al calderol coi crapù del bonanni e dell’alfano!
    Fugassi al post del Calderol sobet !!!

  13. Scritto da Nicola Carrara

    Credo che la battaglia per la sopravvivenza della Dalmine Tenaris sia irrinunciabile. Un No secco, invece, alla proposta del ministro Calderoli (qualora, quella di Calderoli si tratti di un’ipotesi praticabile.

  14. Scritto da andrea

    speriamo che ad annozero non parlino solo della tenaris ma di tuta la bergamasca vedi anche gli edili che in un anno perso 2000 unità
    ps: stavolta voglio vedere i leghisti ……
    …. DIGA AMO’ OL VOTO LA PROXIMA OLTA ……..

  15. Scritto da nick70

    ma l’opposizione di questo governo che ca….. sta facendo?? ma dove sono?? certo che gente come berlusca, gelmini, tremonti, e i leghisti di roma ladrona vanno a nozze con questa opposizione e soprattutto con questo sindacato!!!

  16. Scritto da mario59

    La tenaris è un’azienda enorme e bisogna fare in modo di evitare i licenziamenti, diversamente si aggiungerebbero in un solo colpo..un migliaio di nuovi disoccupati, alle migliaia già da tempo senza lavoro..della Bergamasca.
    La proposta di Calderoli, non mi sta bene..o ad una possibile ricollocazione coinvolge tutti i disoccupati, in un raggio di almeno 30 km. dalle aziende disponibili ad assumere, oppure il ministro sta platealmente facendo delle preferenze.
    No ai disoccupati di serie A.. B e C