BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Sicilia di “Baar??a” doppia il Nord del “Barbarossa”

Il duello si ?? consumato in pieno centro cittadino, il San Marco di Bergamo, dove le due sale hanno messo uno contro l'altro due simboli del cinema italiano.

Il duello si è consumato in pieno centro cittadino, il San Marco di Bergamo, dove le due sale hanno messo uno contro l’altro due simboli del cinema italiano: da una parte il Nord, il film fortemente voluto da Bossi & Co, quel "Barbarossa" del regista Renzo Martinelli che racconta la ribellione del popolo lombardo all’invasore Federico Barbarossa con le eroiche gesta di Alberto da Giussano, dall’altra il Sud, l’affresco siciliano di Giuseppe Tornatore, "Baarìa" (Bagherìa) con l’intreccio tra politica e famiglia nell’isola nel periodo compreso tra la seconda guerra mondiale e i giorni nostri.
Insomma, padani contro terroni, con la conquista del potere e la ribellione al potere a fare da comune denominatore: quasi un faccia a faccia creato appositamente. E com’è andata, nella Padania profonda? Non tanto bene per i lumbard doc: in pieno centro cittadino, nonostante fosse alla seconda settimana di proiezioni, "Baarìa" nel weekend appena concluso ha doppiato il "Barbarossa". Al San Marco: due sale soltanto, due pellicole soltanto, tra Martinelli e Tornatore, non c’è stata storia: i bergamaschi hanno fatto la loro scelta, mettendo in secondo piano l’emblema del Carroccio rispetto al carretto siculo.
Non è andata meglio nel resto d’Italia (salvo all’Uci Cinemas di Curno dove la situazione si è invertita): tra le nuove uscite del fine settimana nelle sale dello Stivale "Barbarossa" ha registrato un afflusso medio ritenuto "deludente" dagli analisti del botteghino. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Bella Ciao

    Non si puo’ negare che la Lega abbia dato grande importanza alla creazione di questo film, ad oggi risultato un mezzo “flop” …ma non darei cosi’ risalto a queste statistiche ..e penso sia sbagliato contrapporre in questo modo “Film settentrionali” contro “Film meridionali” ..Sono semplicemente film italiani… uno + seguito dell’altro!! ..non ne farei una questione di cosi’ grande rilevanza politica

  2. Scritto da timoteo

    Barbarossa è una bufala, ad uso e consumo dei leghisti. Il suo Medio Evo è sintetico, come la polenta precotta venduta in Australia. E dovrebbe rappresentare la Cultura del Nord? Martinelli non ha avuto il coraggio nemmeno di usare dialoghi che ricordino la lingua lombada, con la scusa di venderlo all’estero. Vi ricordate la grande poesia dell”Albero degli zoccoli” girato in bergamasco, e che ha vinto a Cannes? E senza nemmeno un finanziamento di 30 milioni, pagati da noi

  3. Scritto da crespi

    Trenta milioni pagati da Mamma Rai per uno spot ad uso della Lega. Andatelo a raccontare a quelli della Tenaris.

    “Brunetta dove sei? “

  4. Scritto da Annalisa

    Non andrò a vedere Baaria perché non sono interessata alla pseudo arte di chi per fare cassetta non si fa scrupolo di uccidere un bue riprendendolo mentre gli viene conficcato un punteruolo in fronte e sgozzato. Se questa è cultura …

  5. Scritto da cuìn

    22, pure nell’albero degli zoccoli c’era una scena con la macellazione di un maiale. detto questo baarìa e barbarossa non li vedrò, nemmeno scaricati.

  6. Scritto da cuìn

    evvai, baarìa prodotto da medusa (berlusca) è candidato all’oscar, barbarossa dalla rai (noi) ed è un flop! ridere o piangere? dai padani, su, al cinema! :D

  7. Scritto da uno spettatore

    il buon brunetta ,si è scagliato contro quei registi-attori-maestranze varie indicandoli come parassiti di sinistra.come vogliamo indicare tutto il circo di barbarossa,prodotto dalla rai,quindi pagato da tutti noi, per far bello il popolo leghista e il suo capo.

  8. Scritto da berghem

    questo è davvero un articolo del caxxo…scusate la volgarità, ma cercare lo scontro nord-sud anche al cinema è alquanto ridicolo…soprattutto perchè si lega la scelta ad uno schieramento politico! E non venitemi a dire che è stato fatto in maniera ironica….

  9. Scritto da burkino

    ok. I dati di affluenza sono li da vedere. Ma a parte questo, io ho sentito degli amici che ci sono stati a vedere BAARIA e mi spiace dirlo ma l’ affluenza alta non rispecchia di certo il commenti del dopo film … non mi è stato descritto proprio come un gran capolavoro !!!!

  10. Scritto da c.zap.

    Caro berghem, non legga nell’articolo quello che non c’è. Si tratta semplicemente di una curiosità. Nello stesso cinema di Bergamo, città in cui la Lega ha tanta parte (quella Lega che ha attribuito al film un significato politico), gli spettatori tra Baarìa e Barbarossa hanno preferito il primo. Per noi è una cosa curiosa e non siamo andati oltre. Ognuno può leggerci quello che vuole, naturalmente. Senza però attribuire intenzioni non dimostrabili. Grazie

  11. Scritto da berghem

    Sarà pure una curiosità…ma legare un film ad uno schieramento politico dei cittadini è quantomeno forzato…i cinespettatori, nella scelta di un film, sono influenzati dalla pubblicità e dai commenti dei critici…non tanto dalla politica!E la risonanza mediatica di Baaria rispetto a Barbarossa è imparagonabile

  12. Scritto da onu

    ma non sono stati Bossi, Berlusconi, Formigoni ecc ad andare alla prima del film al Castello Sforzesco? Non è stato il senatur a dire che questo film rappresenta la vera storia del nord? berghem non faccia l’ingenuo. o almeno non pretenda che altri lo siano. Libero lei di credere che Renzo Martinelli abbia fatto un film qualsiasi. Ma ci crede solo lei, abbia pazienza.

  13. Scritto da berghem

    @onu: se legge bene io ho criticato l’articolo perchè mette in relazione il risultato del botteghino con una scelta politica…non ho mai commentato le motivazioni per cui sia stato prodotto quel film piuttosto che un altro.

  14. Scritto da ansemiabambi

    Ma la lega non diceva di non pagare il canone rai nelle sue battaglie dei tempi “duri e puri”? Ora invece fanno ne piu’ ne meno come i ladroni di roma o i sinistrorsi…. usano i soldi di tutti per fare i film che piacciono solo “ai loro capi”… a quando un bel film sui festini di Villa Certosa o palazzo grazioli ? Tinto Brass sta aspettando :)
    Che ergogna marsa! A ie ke i nuovi ladru’!

  15. Scritto da sep

    Forse il popolo preferisce qualcosa di più fresco che sapere cosa accadde nel 1176 ; e poi ricordiamo che l’imperatore Federico I Hohenstaufen fu un buon fedele cristiano del papa Gregorio VIII partecipando alla III Crociata dove ci rimise la vita.
    Aspettiamo il prossimo film storico : .andando a ritroso torneremo agli UNNI e poi …per forza di cosa agli amati-odiato ROMANI DI ROMA !

  16. Scritto da Marco Cimmino

    A leggere i commenti dei critici sui giornali, pare che questo “Barbarossa” sia una porcheria talmente formidabile da essere indigeribile perfino per il più fanatico leghista. E credo che il punto sia proprio questo: è possibile che si usino i soldi pubblici, oggi di cdx e ieri di csx, per finanziare sempre e soltanto delle pellicole inguardabili, anzichè coltivare i giovani talenti, che pure esistono? Il cinema di Stato è sempre esistito, ma, almeno, la Riefenstahl era una grande regista…

  17. Scritto da bindibondi

    AH AH AH !!! BARBAROSSA = CHE BARBA !! AH AH AH !!!

  18. Scritto da pm

    Ma che persone suscettibili ci sono in giro – è brutto quando ci si prende troppo sul serio, e si perde anche la capacità di fare un po’ di autoironia.

  19. Scritto da vero..

    tolto l’articolo riguardante l’attentato esplosivo..ma questo è rimasto!! azz..che coerenza!! si tenta davvero di strumentalizzare l’assurdo.. dal centro cittadino arrivano notizie di festeggiamenti, la vecchia giunta ha perso si l’e elezioni ma i risultati al botteghino del S.Marco parlano chiaro, stappate bottiglie di bollicine!! ehehe

  20. Scritto da terrone

    sono daccordo con berghem…anche per me l’articolo allude troppo…però… è possibile che i leghisti non si smentiscono più?!…hanno fatto il film assoldando soltanto attori che tutto sono tranne padani!!! anzi sono proprio extracomunitari… ma per favore!!! un pò di coerenza…un pò…solo un pò…almeno… che barba che noia!!

  21. Scritto da Mx

    Tornatore e’ indagato per violenza gratuita su animali, visto che e’ andato apposta a girare la scena in tunisia dove la non c’e’ rispetto per l’uomo, figuriamoci per gli animali…io Dx Sd o centro non andro’ mai a vederlo per questo motivo!

  22. Scritto da luciano015

    Lega ladrona e Brunetta uniti nella lotta

  23. Scritto da mau filmgratis

    il fatto è che, storicamente parlando, il Barbarossa vale quanto “Robin Hood princpe dei ladri” ma i legaioli già l’hanno assunto a Verità Storica ….quando si dice ” l’ignoranza al potere!”.
    Io penso che lo vedrò, dato che sono apassionato di fumetti, ma non certo al cinema….il mulo elettronico ci aiuta.