BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da luned?? il vaccino contro l’influenza A

L'assessore regionale Bresciani: "Sar?? l'Asl a contattare le persone da vaccinare. Curatevi a casa senza andare al pronto soccorso"

Saranno disponibili in Lombardia a partire da lunedì 12 ottobre le prime dosi del vaccino contro il virus influenzale A/H1N1. "Siamo pronti per iniziare le prime vaccinazioni – spiega l’assessore regionale alla Sanità, Luciano Bresciani – per proseguire poi nelle prossime settimane secondo i tempi prefissati. Abbiamo già organizzato tutta la procedura: saranno le Asl a coordinare la somministrazione del vaccino, contattando direttamente le persone interessate".
Le ASL e le Aziende ospedaliere provvederanno alla somministrazione, da subito, a partire dagli operatori sanitari maggiormente coinvolti nelle attività di assistenza: medici di famiglia, pediatri di libera scelta, addetti al pronto soccorso e alle somministrazione delle vaccinazioni.
In un secondo momento, non appena disponibili le ulteriori dosi, si procederà a vaccinare gli operatori degli altri servizi essenziali (forze dell’ordine, addetti ai servizi di pubblica utilità, ecc) e i soggetti con patologie croniche: saranno le stesse ASL ad avvertire operatori e cittadini sulla data di inizio e sulle modalità di somministrazione.
Regione Lombardia diffonde ogni settimana, attraverso un apposito bollettino, che raccoglie le segnalazione dei medici sentinella (medici e pediatri di famiglia), l’andamento delle forme influenzali, non necessariamente da nuovo virus A/H1N1.  I dati dimostrano che non ci sono motivi di particolare
preoccupazione (anche se la settimana scorsa si è registrato un incremento di casi rispetto alla settimana precedente) anche perché comunque i servizi sanitari sono pronti ad affrontare eventuali maggiori richieste di assistenza sanitaria da parte dei cittadini.
Tutti i dati sui casi sinora segnalati, a livello nazionale e internazionale, confermano che il quadro clinico della nuova influenza è modesto: è prevista sì una notevole diffusione, ma una gravità decisamente inferiore alla normale influenza. E’ quindi rinnovato l’invito, in caso di presenza di sintomi,(febbre, tosse e comuni sintomi influenzali) a restare a casa e ad attuare le normali misure igieniche.
"Monitoriamo costantemente la situazione – prosegue Bresciani – e siamo preparati ad affrontare questa malattia. Bisogna sempre ricordare che si tratta di una influenza con sintomi lievi, meno grave della normalissima influenza stagionale e come tale va trattata. Se ci si ammala, bisogna curarsi tranquillamente a casa, consultando il proprio medico di famiglia o il proprio pediatra, che sono in grado di dare tutte le indicazioni necessarie. L’invito è di non andare al pronto soccorso, tranne in caso di complicanze, comunque rare, sia perché non serve, sia per evitare di portare il virus in ospedale dove potrebbe essere pericoloso per le persone già ammalate e ricoverate".
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da johanna gallo

    vorrei sapere questo benedetto vaccino quando si può fare,io sono operatore socio sanitario lavoro presso l’ospedale san gerardo di monza,attualmente ha casa in malattia,vorrei sapere dove devo andare per il vaccino.grazie.

  2. Scritto da wka

    spero proprio che quello che si detto in tv e cioe che sarebbe stata vaccinata anche la nazionale di calcio e la protezione civile non corrisponda a realtà perchè altrimenti sarebbe un segno di quanto litalia sia caduta in basso.
    (per quel che riguarda la protezione civile io faccio riferimento alle persone dei due paesi dove ho abitato e dove vivo)