BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tre Comuni e tre seminari contro il bullismo

"Stop al bullismo": è il titolo di un progetto formativo, promosso dalla fondazione ISB (Istituto Sordomuti) e dai Comuni di Torre Boldone, Ponteranica e Gorle.

Più informazioni su

"Stop al bullismo". Questo il titolo perentorio di un progetto formativo denominato "Bullismo: il rischio percepito tra i giovani bergamaschi", promosso dalla fondazione ISB (Istituto Sordomuti) e dai Comuni di Torre Boldone, Ponteranica e Gorle, in collaborazione con l’assessorato alla Sicurezza della Regione Lombardia.
Un ciclo di tre seminari formativi, rivolto a giovani di età compresa fra i 12 e i 30 anni, che punta ad aiutare i ragazzi a evidenziare lo stretto rapporto fra bullismo e cultura diffusa della prevaricazione e a rendersi conto delle conseguenze di comportamenti a rischio. Inoltre, aiutare i ragazzi ad avvicinarli al mondo del volontariato di cui, soprattutto gli enti di primo soccorso, hanno grande bisogno. "Il progetto è innovativo per la provincia di Bergamo – spiega il responsabile del progetto, Simone Nava, funzionario della fondazione ISB di Torre Boldone – E’ risultato meritevole del bando regionale sulla sicurezza percepita, promosso dall’assessorato alla Sicurezza nello scorso mese di giugno. In pratica, un progetto rivolto al miglioramento della sicurezza percepita, mediante iniziative di educazione e sensibilizzazione del cittadino, nel nostro caso i giovani, che possano accrescere la responsabilità singola o collettiva e indurre comportamenti di prevenzione di situazioni di pericolo per la sicurezza personale".
"Un progetto di prevenzione molto interessante – spiega il sindaco di Torre Boldone, Claudio Sessa – Un progetto che ha visto da subito tre Comuni recepire e condividere le urgenze del territorio, promuovendo pronte risposte in un’ottica di prevenzione. Il successo del nostro progetto sta proprio nella bontà della proposta, concertata fra più Comuni e sostenuta da un ente di formazione qualificato qual è la Fondazione ISB".
Il primo incontro è in programma venerdì 9 ottobre, alle 20.30, alla sala consiliare di Torre Boldone. Il relatore è Luigi Regoliosi, docente di Metodologia del lavoro socio-educativo della facoltà di Scienze della formazione dell’Università Cattolica di Brescia. Un esperto in materia, perché anche docente di Sociologia della famiglia e dei comportamenti deviati della facoltà di Sociologia dell’Università Cattolica di Milano.
"Ovviamente, gli incontri sono aperti anche agli adulti – afferma il presidente della Fondazione ISB, Luigi Cortesi – In particolare educatori ed operatori sociali, in un’ottica formativa, cercando di dotarli degli strumenti pedagogici adatti alla gestione del conflitto e alla diffusione del ‘senso di comunità’, perché il bullismo non è una dimensione di tipo individuale, chiusa nella dinamica bullo-vittima, ma una realtà sociale, nella quale bisogna attivare azioni di prevenzione e di risoluzione".
Gli altri incontri sono in programma il 19 ottobre a Ponteranica e il 22 ottobre a Gorle. Inoltre, il 6 novembre, alla Fondazione ISB, è previsto un incontro assembleare con gli allievi delle classi prime del Centro di Formazione Professionale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.