BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sconto del 30%? Sì, ma su prezzi aumentati”

Un lettore chiede spiegazioni sull'iniziativa di una catena commerciale che ha lanciato una promozione ma su prezzi che sarebbero stati aumentati in precedenza.

Più informazioni su

Negli ultimi giorni sono state consegnate nella cassetta delle lettere le promozioni di alcuni supermercati.
Tra queste quella degli IPER, che prevede la restituzione del 30% della spesa sotto forma di buono acquisto da usare a fine promozione nella stessa struttura. Peccato che i prodotti su cui si applica la promozione, in particolare quelli alimentari, risultano decisamente più cari, proprio circa del 30% (anche più a volte!), rispetto agli stessi identici prodotti venduti in altre catene (prezzi di promozioni contemporaneamente in vigore).
Esempio: lasagne surgelate "4 salti in padella" 500g a 3.69, vendute invece al "Fresco mio" a 2,59.
Oppure Perline "Lo scoiattolo" (ravioli e simili") 250g a 2,34€ invece di 1,70€ nei Comprabene.
Per non parlare dei sughi Barilla, 400g, ad 1,65€ piuttosto che 0,95 al "Fresco mio", e dei fagioli borlotti "Arrigoni" 3x400g a 1,79€ invece che 1,40 al Comprabene.
Considerato che all’Iper il risparmio è differito e legato a nuovi acquisti nella stessa catena a fine promozione, mentre negli altri supermercati è immediato, mi piacerebbe chiedere chiarimenti alla Direzione su questa straordinaria convenienza!

Lettera firmata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da forza viglili

    Ma i comuni non potrebbere mandare i viglili a controllare.?Piuttosto di dare le multe per divieto di sosta controlliami sti tizi e portiamo a casa qualche euro viste le condizioni delle casse comunali.

  2. Scritto da GI61

    SIETE SOLO BLA BLA BLA SPENDETE PER QUELLO CHE SERVE E NON IN FUTULITA E VEDRETE CHE RISPARMIERETE.

    PROVATE AD ANDARE A FARE la spesea ALLA BENNETT,alla GS,ecc,ecc,Sono tutti uguali non si fanno guerra.
    è come con i saldi quanti co… comperano con i saldi eppure di sconti non ne vedo,se terreste d’occhio il prezzo oggi ad arrivare ai saldi vedi che aumenti.i soldi non vanno buttati ma spesi quà o là sono tutti uguali.

  3. Scritto da teresa

    sono perfettamente daccordo. è una storia che va avanti da parecchio
    anch’io non sono più cliente IPER da un pezzo e sono contenta che
    altri comincino a capire, comunque qualcuno dovrebbe intervenire

  4. Scritto da Damiano

    Quanto descritto dal lettore corrisponde a verità; non è la prima volta che mi accorgo che all’Iper fanno questi giochetti.
    Nelle corsie dedicate alle offerte, intercalano dei bancali di prodotti non in offerta, traendo in inganno i clienti, che, convinti si tratti di settore con prodotti tutti in offerta, passano e riempiono il carrello senza farci troppo caso.

  5. Scritto da Davide

    Si si, è tutto vero! E’ una strategia di marketing per attirare clienti che non stanno molto a pensare! Guardate anche i prodotti di elettronica: i rincari sono lampanti!
    Grazie a BergamoNews per aver pubblicato la lettera! Fortunatamente c’è anche chi non censura per fare un favore ai “poteri” forti…

  6. Scritto da liberto

    Dicono che e’ il primo supermecato in italia,se’continua cosi ti saluto.

  7. Scritto da wwd

    Nessuno regala niente.

  8. Scritto da Mx

    E’ successa la stessa cosa l’anno scorso quando c’era lo sconto del 25%.
    Ho trovato prodotti visti la settimana prima a prezzo minore del prodotto scontato all’inizio promozione, avevo aspettato apposta che iniziasse lo sconto per comprare, ma sono uscita e tornata nella mia cara esselunga!

  9. Scritto da Matteo

    Ringraznio colui che ha scritto l’articolo.Però mi stupisce di come la gente sia “pilotata” e non se accorga. Da sempre confronto il prezzo finale invece che la percentuale di sconto. E’ quello che conta. Inoltre è “bellisimo” vedere persone che si lamenta per il caro spesa per poi comprare i prodotti pubblicizzati ed escludere a priori quelli meno famosi o col marchio del supermercato. Per esempio, sfido chiunque a notare la differenza pulente tra ilCif originale e quello Esselunga…

  10. Scritto da Il solito

    Devo dire che l’iniziativa di controllare i prezzi è stata apprezzata da molti e mi domandavo se, tramite Bergamo News, si poteva creare una sorta di nucleo antifregatura e cioè creare un elenco di prodotti, 50/100, e monitorarli settimanalmente. Basterebbe inviare alla redazione la lista di quello che compriamo, con nome e cognome dell’esercente così da segnalarlo a tutti. Per non fare discriminazioni si dovrebbe aggiornare la lista dei prodotti ogni bimestre/trimestre. Cosa na pensate?

  11. Scritto da pavel

    in ogni caso il 30% di buono per aquisti successivi non è il 30% di sconto, ma solo il 23%

  12. Scritto da pavel

    infatti:
    30% di sconto: prendo 100 pago 70, 70/100=0,7, quindi 30% sconto
    30% di buono: prendo 130 pago 100, 100/130=0,77, quindi 23% sconto

  13. Scritto da Gianni

    L’IPER applica la politica del miglior prezzo, ovvero rimborsa la differenza se viene trovato un prezzo più conveniente nel raggio di, mi sembra, 20 km).

    questo è quello che, almeno a Busnago, ma penso anche negli altri punti vendita, appare da un grosso cartello presso il centro assistenza clienti.

    Se così è , questo dovrebbe essere il mezzo per “punire” l’eventuale furbizia.

    CONTROLLARE ED AGIRE

    saluti

  14. Scritto da Mx

    Per Matteo:
    Molte volte i prodotti a marchio del supermercato sono prodotti fatti dalle stesse ditte grosse ma che trovi a meta’ prezzo, ed esempio i biscotti esselunga, molti, sono fatti a Cosio Valtellina da Galbusera; il latte Esselunga e’ prodotto da Soresina, ma costa la meta’…e cosi’ tanti prodotti…impariamo e leggere bene le etichette, tutto, e scopriremo un sacco di cose utili!!!

  15. Scritto da leo

    Sei un grande!
    tempo fa comprai all’iper seriate delle lattine di birra non in promozione ad 1 euro l’una, dopo circa 4 mesi la stessa lattina costava 1,45 ma in offerta 1,1!!
    10 cent in più del prezzo di partenza e..
    fate attenzione ai super veri sconti alimentari! sono prodotti a cui manca poco alla scadenza e (vi giuro!) che ho visto il mese scorso con i miei occhi in un supermercato dei salami (di grand.media) scaduti da circa un mese e in vendita mi sembra al 30 o 40% in meno!!
    OCIO!!!

  16. Scritto da Parsifal

    Un servizio prezioso. Che NESSUN altro news fa x quel che so. Grazie.
    Un osservazione. Controllare le etichette dice Mx n. 16. ok, vero.
    Ma che fare di tutto quello che NON viene detto sulle etichette?
    Guardate che non è poco.
    Condivido l’idea di un controllo trimestrale dei prezzi di un paniere tipo, con segnalazioni di lettori-consumatori.
    Ultimam, x esempio, la carne ha costi medi un po’ meno alti. ma dopo anni di incrementi…

  17. Scritto da las palmas

    Ragazzi nn è la prima volta che fanno questi giochetti,io conosco dipendenti dell’iper e vi posso dire che loro stessi mi sconsigliano di aquistare questi prodotti in”offerta” xkè più cari.
    Cordialità

  18. Scritto da karajan

    Allora, prezzo di 10 sacchetti per l’aspirapolvere folletto = 35 Eu + sconto del 30% = 25 eu circa. Stessi sacchetti marca vorwerk, confezione però da 8 sacchetti in un noto negozio di v. Moroni = 13 eu.
    Tv stessa marca, 32 pollici, in un’altro store di Bg ad un prezzo inferiore di min. 50 eu e senza sconto. Non ho la possibilità finanziaria, ma c’è qualche magistrato che può mettere mano a questa presa in giro? Fa niente se magari dopo potrebbe essere tacciato di comunismo. Coraggio, dai.

  19. Scritto da a

    secondo me serve solo a fare cassa “soldi contanti subito” non si va in finanziaria/ banca a pagare tassi d’interesse e i prodotti li pagheranno a 120 giorni

    .. comunque i prezzi sono piu’ alti …

    ma qualcuno autorizza queste vendite ??????

  20. Scritto da BobRock

    Di sicuro nessuno ti regala niente.
    Io comunque ho preso il pellet ed ho risparmiato.
    E’ anche vero che qualche tempo fa nelle promozioni tutto a 1 euro, a 5 euro e 10 euro nel volantino hanno messo a 10 euro un paio di prodotti che la settimana prima costavano 9,90 (e durante la promozione li ho visti a 9,90).
    I supermercati comunque guadagnano sul rapporto pagamenti/riscossioni

  21. Scritto da Passaparola

    Grazie al lettore che per primo ha segnalato il problema e grazie a bergamonews per averlo pubblicato.
    L’unica arma che abbiamo è il controllo e la libera informazione, diventiamo consumatori intelligenti e non succubi di strategie commerciali poco trasparenti, premiamo i commercianti corretti e evitiamo le campagne promozionali esca.
    Tengo a precisare che sono un cliente IPER e mi piacerebbe avere una loro risposta in merito al problema sollevato.

  22. Scritto da pierangelo

    Personalmente guardo sempre con attenzione queste promozioni e almeno per quanto riguarda prodotti di elettronica è facile confrontare i prezzi su web. Il prezzo pieno risulta così non certo allettante, ma con il 30% del buono talvolta lo è. Ho acquistato la Playstation per mio figlio al prezzo di 299, che è lo stesso che trovate in tanti negozi e ho ricevuto un buono di circa 90 euro e almeno in questo caso il risparmio c’è. Naturalmente bisogna essere vigili e accorti.

  23. Scritto da karajan

    non sono più cliente IPER, perlomeno abituale, da un bel pò di tempo e cioè da quando ho constatato che il rapporto qualità/prezzo dell’IPER è il meno conveniente. Lo so che anche gli altri superm. pensano solo al guadagno,ma mi incazzo parecchio quando sento queste prese per i fondelli e fra i grossi distributori l’IPER è primo della classifica. QUALCUNO CONTROLLI!!!!!!!!

  24. Scritto da c

    vigilantibus non dormientibus….
    Grazie al lettore. continua così segnala perche molti non hanno tempo e capacità per confrontare.
    Grazie.

  25. Scritto da marilena

    ringrazio il lettore di bergamonews per questo articolo utile che ha messo a disposizione di tutti. Cercherò di informare più persone mie amiche, grazie! purtroppo io non sono in grado di dare spiegazioni, spero che qualche lettore più informato lo faccia.

  26. Scritto da Maurizio Mariani

    Buongiorno, la ringrazio per aver sollevato la faccenda, sono solo specchietti per le allodole, la grande distribuzione è avvezza a tali sotterfugi, inoltre oltre al caso citato, vi è mai capitato di vedere dei prodotti senza prezzo indiicato stoccati nelle corsie riservate ai prodotti in offerta??? fateci caso, a volte si trova anche dello champagne, che strano vero??
    Cordialita’.

  27. Scritto da LIGABUE

    PENSANO CHE CI SONO ANCORA I POLLI DA SPENNARE,CAMBIATE MESTIERE.