BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Otto per mille, a Bergamo niente: la Lega cosa dice?

Della quota che i contribuenti hanno destinato allo Stato nenche un euro andr?? a Bergamo, ai 4 progetti ritenuti finanziabili: "Una presa in giro dei cittadini", spiega il parlamentare del Pd.

La Commissione bilancio della Camera ha iniziato l’esame della ripartizione dell’otto per mille che i cittadini contribuenti han deciso di destinare allo Stato. A fronte di una quota Irpef di 130,6 milioni di euro (ha indicato lo Stato l’11,18% dei contribuenti), a causa dei tagli decisi dal 2003 in avanti, l’ammontare effettivamente disponibile risulta di molto inferiore: 44 milioni di euro.
Sono pervenute 974 domande (in calo rispetto alle 1.168 presentate nel 2008), e di queste hanno ricevuto parere favorevole 768.
Gli interventi effettivamente finanziati sono in totale 95, di cui:
32 per il terremoto in Abruzzo (14,7 milioni)
9 per il sisma dell’Emilia-Romagna (4,1 milioni)
16 per altre calamità naturali (11,2 milioni)
26 per i beni culturali (10,6 milioni)
3 per l’assistenza ai rifugiati (2,6 milioni)
9 per la fame nel mondo (0,8 milioni).
Per quanto riguarda le domande provenienti dalla Provincia di Bergamo ne sono state presentate 7, di cui 4 hanno ricevuto parere favorevole, 1 respinta perché non pervenuta nei termini e 2 con parere sfavorevole.
Nessuna domanda bergamasca dovrebbe ricevere finanziamenti.
Commenta Antonio Misiani, deputato Pd e segretario della Commissione bilancio della Camera: "Sull’otto per mille statale si ripete anche quest’anno una inaccettabile presa in giro dei cittadini. Stando alle scelte dei contribuenti Irpef, all’otto per mille statale sarebbero dovuti andare oltre 130 milioni. In realtà, a causa dei tagli effettuati dal 2003 (pressoché tutti decisi dai governi di centrodestra), mancano all’appello 86 milioni di euro, utilizzati per scopi del tutto differenti. Dei 44 effettivamente disponibili, secondo la proposta del Governo 18,8 milioni dovrebbero finanziare domande provenienti dalle zone terremotate (Abruzzo ed Emilia-Romagna). Giusto e comprensibile. Quello che invece è ben poco comprensibile è il fatto che dei 25,2 milioni rimanenti alla regione più grande d’Italia (la Lombardia) dovrebbero andare letteralmente le briciole (2 interventi finanziati per un totale di 113 mila euro), mentre neanche un euro dovrebbe essere destinato ai progetti bergamaschi, nonostante 4 siano stati dichiarati finanziabili per un totale di 1,6 milioni di euro. E’ una ripartizione assolutamente non equilibrata. La Lega Nord non ha nulla da dire in proposito?"

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Beppe P.

    Misani non è ancora un deputato della Camera? Perchè al posto di incolpare gli altri non ci dice in che modo ha lavorato per cercare di portare i finanziamenti a Bergamo?

  2. Scritto da mario59

    Ma quale 8 x 1000… svegliatevi…ma di quali dimostrazioni avete ancora bisogno per capire che questi personaggi, ci stanno prendendo in giro tutti quanti?
    Continuano a promettere fumo negli occhi a gente onesta che la mattina si alza per andare a lavorare..(chi un lavoro ancora c’è l’ha).. e loro ingrassano sempre di più giù a Roma ladrona..e si fanno fare gli emendamenti a personam, per allargare un altro po’ la loro villa, tanto chi papani de bergamasch.. i ma vota amò a la prossima olta.

  3. Scritto da Claudia T.

    Che tristezza, poveri bergamaschi beceri, rozzi e ignoranti, nonostante questa ennesima presa per i fondelli alla domanda che cosa voti la risposta più in voga è: “pota me vote lega” . La lega potrebbe anche candidare un suino che verrebbe eletto

  4. Scritto da genioge

    Claudia a centrato il problema………..quando si SVEGLIERANNO???!!!!!!!

  5. Scritto da Diego

    Ma Belotti e Calderoli di questo non parlano? Non sono forse cose importanti per i bergamaschi? Certo, meglio pensare al dialetto e a Impastato.
    Misiani, e tu dove c… eri quando hanno fatto passare lo scudo fiscale in Parlamento?

  6. Scritto da EH

    Belotti e Calderoli assenti ingiustificati..

  7. Scritto da GI61

    Ma il federalismo che tanto viene acclamato ma …….
    STATO, REGIONE, PROVINCIA, COMUNE,
    QUALI DI QUESTE LA LEGA HA TOLTO NESSUNA ANZI SI SONO INGRASSATI BEN BENONE CALDEROLI A VEDERLO IN TV FA’ PENA HA LA CAMICIA CHE SCOPPIA E LA GIACCA NON SI CHIUDE E PENSARE CHE NEL 1992 ERA 15KG IN MENO.

    Ma non è ingrassato perchè magna a sbaffo come tutti i politici e non lavora più.
    Nò lui ingrassa perchè vivendo in città alta e facendo poco è stressato
    vivere in città alta è faticoso poverino.beh

  8. Scritto da gigi

    pensa ai cartelli in dialetto ………………una cosa alla volta non esageriamo !

  9. Scritto da luigi

    La Lega è troppo impegnata a spartirsi poltrone e potere per pensare ai cittadini di Bergamo.
    Ci pensa solo quando si deve votare

  10. Scritto da Je suis

    “LA LEGA è UN PARTITO SUL TERRITORIO”
    Aldegani – Sindaco di Ponteranica

  11. Scritto da wwd

    Perchè c’era qualche ingenuo che si aspettava qualcosa ?
    L’unica cosa certa è che il cittadino (in particolare quello sottoposto alla trattenuta alla fonte) deve pagare le tasse e stare zitto.

  12. Scritto da marilena

    sono felicissima di non aver destinato l’otto per mille allo stato, non ho dato la mia fiducia a questa manica di …..

  13. Scritto da alberto

    Misiani occupati dei problemi veri dell’Italia

  14. Scritto da Diego

    I parlamentari della Cdl e Lega si dimostrano una volta di più per quello che valgono: inutili

  15. Scritto da cuìn

    6, ha ragione, visto che non lo fanno quelli al governo.