BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuove rotte, vogliamo tutela per la nostra salute!

"In questi primi giorni ho visto che solo due volte gli aerei han virato sull'autostrada, quasi tutti virano sulla parte est di Colognola. Per chi abita qui le cose sono peggiorate".

Più informazioni su

Egregi Signori,
abito a Colognola quartiere Azzanella e da quando è iniziata la fase di test delle nuove rotte sto controllando i passaggi degli aerei durante la giornata. In questi primi giorni ho potuto osservare che solo due volte gli aerei hanno virato sull’autostrada, la quasi totalità dei velivoli virano sulla parte est del quartiere di Colognola alcuni virano su via Einstein, altri sui giardini e altri più ad ovest. E’ chiaro che per le persone che abitano in queste zone le cose sono peggiorate. Gli aerei continuamente virano a bassa quota sui tetti delle abitazioni e provocano un cono di rumore che perdura di più rispetto alle vecchie rotte.
L’aria che si respira è caratterizzata da odore di cherosene.
Lunedì 28 -9 è stata una giornata terribile
, ai giardini alcuni genitori tappavano le orecchie ai figli che giocavano per proteggerli dal rumore. Prendo atto che l’ENAC si sia impegnata ad affrontare il problema dell’impatto ambientale cercando soluzioni, ma noi del quartiere Azzanella non possiamo accettare una tale mortificazione della vita quotidiana e subire rumore, inquinamento e potenziale pericolo che queste nuove rotte comportano.
Gli abitanti di Stezzano stanno organizzando la raccolta di firme per contestare il rumore provocato dal sorvolo a bassa quota sulle loro case; Stezzano dista da Colognola circa 2 km,  immaginate il sorvolo di Colognola che è ancora a quota minore che cosa comporta!
Sulla base di quali elementi certi si potrà decidere il da farsi se non vedo la presenza di centraline di monitoraggio rumore, inquinamento atmosferico, rispetto fasce orarie, nella parte del quartiere più esposta?
Esiste un ente a Bergamo preposto alla valutazione rischi e relativo piano di intervento in caso di incidenti al decollo che come sappiamo è la fase più delicata del volo visto che contrariamente alle vecchie rotte ora i velivoli puntano e virano proprio sul centro abitato? In caso positivo sono previste simulazioni di incidenti e piani di evacuazione? Non sono tutte procedure che dovrebbero essere rese pubbliche?
E’ stato scritto che l’aeroporto di Orio rappresenta il 7,5% del PIL della provincia di Bergamo, ma qual è la percentuale di salute e di ecosostenibilità che sottrae ai cittadini? E chi decide per loro? La SEA?
Stiamo assistendo alle conseguenze di mancata tutela e gestione del territorio nella provincia di Messina! A Bergamo da circa 20 anni stiamo segnalando i problemi e potenziali pericoli comportati da un aeroporto troppo vicino alla città.
Paradossalmente dal 15 di ottobre non potranno circolare a Bergamo le auto diesel Euro2 a causa dell’inquinamento che compromette la salute degli abitanti. Ma allora chi si preoccupa della nostra salute compromessa dagli autoveicoli come mai non gestisce con uguale sensibilità il problema aeroporto visto poi che a differenza degli autoveicoli gli aeromobili possono caderti sulla testa!
Ringrazio per l’attenzione e per l’ospitalità,
Gianna Bonvini
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da avidad69

    Egr. Sig. Andrea come lei non ho interessi nell’areoporto. Ma diversamente da lei non mi sono limitata a guardare la cartina ma ci sono sulla cartina. Venga a stezzano per colazione (dalle 6.40 primo volo della ventina che passano nell’alrco di 1 ora), per tutta la mattinata, per pranzo, per cena e pure per una camomilla attorno alle 23.30. Siamo 11.000 persone solo a stezzano (dati 2008) altrettanti a colognola e via discorrendo per tutti gli altri paesi. Vedrà che la sua visita sarà istruttiva

  2. Scritto da MarinoBonanomi

    Signori Walter e Paolo: Molto probabilmente avete interessi nel lavoro dell’aeroporto. Cio’ non significa che ad ogni notizia che compare su BGnews, riguardante Orio ,per forza di cose voi due dobbiate SPAPARANZARE in elogi all’aeroporto. 40.000 cristiani,forse adesso anche di piu,non hanno piu diritto alla salute grazie all’aeroporto.Voi 2 e qualche altro lavoratore …potete trovarvi lavoro anche da altre parti.Come fanno tanti altri Bergamaschi,o a milano,o all’estero.

  3. Scritto da andrea

    Io NON HO interessi nell’aeroporto,e non conosco paolo e walter.Ma invito il sig. MarinoBonanomi, che ad ogni notizia che compare su BGnews, riguardante Orio,per forza di cose deve SPAPARANZARE in CRITICHE all’aeroporto, a guardare una cartina e spiegarmi come è possibile che ora siano coinvolte più persone,se gli aerei sono stati spostati da un’area + urbanizzata(treviolo-lallio-dalmine) all’A4 (-urban).Possibile che Colognola sia ugualmente coinvolta,ma è allineata alla pista,è inevitabile!

  4. Scritto da Fausto

    La coperta purtroppo è corta, è difficile trovare una soluzione che possa star bene a tutti…
    Abito a Colognola, all’altezza del semaforo di Via per Azzano/Stezzano.
    Dalla mia analisi, ho verificato che Ryanair vira piuttosto in alto creando un disagio forte, ma sopportabile.
    Sono altre compagnie low-cost che probabilmente non stanno rispettando le nuove rotte…
    In ogni caso, sottoscrivo in toto quanto detto dalla signora Gianna, con riguardo sia alla sicurezza che all’ecosostenibilità.

  5. Scritto da paolo

    Ci si sveglia come al solito quando il problema tocca il tuo nasino. Sapete che l’ aereoporto c’e’ quasi da 100 anni e che negli ultimi decenni le rotte disturbavano molti piu’ abitanti dei “firmaroli” di adesso.
    la guerra tra i “poveri” (scusate l’eccezione) non conduce a niente ma nemmeno spostare un problema, prendetela come una turnazione.

  6. Scritto da walter

    Certo..cosi montichiari crea sviluppo!

  7. Scritto da BASTA VOLI

    ORA BASTA……….BASTA VOLI!!!!
    INVADIAMO L’AEROPORTO E PORTIAMO STI VOLI A MONTICHIARI.
    PER CHI VA IN VACANZA ANCHE 2 VOLTE ALL’ANNO NON CREDO SIA COSI PESANTE FARSI 30 MIN DI AUTOSTRADA PER PRENDERE L’AEREO.
    COMITATO AEROPORTO SVEGLIA E ORGANIZZA QUALCOSA DI ECLATANTE!!!!!
    BASTA VOLI E BASTA PAROLE AL VENTO