BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Losma: dopo le auto rottamare le macchine utensili

Dopo le auto e gli elettrodomestici occorre rottamare anche le macchine utensili. Ne ?? convinto il presidente di Ucimu, il bergamasco Giancarlo Losma.

Più informazioni su

Dopo le auto e gli elettrodomestici occorre rottamare anche le macchine utensili. Ne è convinto il presidente di Ucimu, il bergamasco Giancarlo Losma che ha inaugurato l’edizione 2009 di "Emo-Milano", la rassegna internazionale dei macchinari per produrre.
La richiesta di Losma parte dal presupposto che "la crisi sta lasciando cicatrici profonde nel settore dei sistemi per produrre, fatto soprattutto di piccole e medie imprese a forte innovazione, da cui dipende la competitività dell’intero sistema industriale italiano". In particolare Losma ha citato le previsioni per la fine del 2009 che vedono, in tutta Europa, ordinativi ai minimi, con un indice pari a 45,2 punti contro i 100 punti raggiunti nel 2005. La crisi del 2003 aveva portato gli ordinativi a quota 85 punti, mentre nel 2007 il settore ha toccato un picco di 155 punti.
Con la ripresa prevista per il 2010, secondo Losma, resteremo sotto ai livelli della crisi del 2003. Dunque è necessario "dare una accelerazione al sistema prevedendo incentivi per la rottamazione delle macchine utensili". In questo modo le imprese italiane potrebbero dotarsi di "macchinari più moderni, che assicurano flessibilità produttiva, minor impatto ambientale e maggior sicurezza sui luoghi di lavoro".
Il provvedimento però, per essere incisivo deve essere attuato a livello comunitario: "Chiediamo una revisione di Basilea 2 che non dispiacerebbe neanche alle banche, che credo si sentirebbero un po’ più libere di decidere la cessione di alcuni crediti ad aziende che adesso, secondo i parametri di Basilea 2, sarebbero non meritevoli di credito". 
Anche le imprese virtuose "soffrono se quelle non virtuose non vengono aiutate, perchè è tutto il sistema che deve funzionare. È necessario che le banche possano dare un sostegno andando al di là della valutazione dei bilanci, cercando di capire quali sono le aziende che sanno fare business e che hanno tutti i numeri per riprendersi".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Parsifal

    Quoto rf.

  2. Scritto da off topic

    Gli unici che non si riescono a rottamare sono i nostri politici che si riclano ad ogni stagione, la gerontocrazia al potere.
    L’evoluzione della specie: dai saggi padri costituenti della republica di ieri, ai dissoluti papi papponi e padrini di oggi

  3. Scritto da ex elettore

    L’importante che a pagare siano sempre i contribuenti, cioè i lavoratori dipendenti e i pensionati………..

  4. Scritto da GI61

    Penso sia giusto dare un contributo per rottamare la propia auto,quello che non capisco è perchè se la mia auto la cedo alla concessionaria auto dove la ritirano dandomi questo contributo vorrei sapere perchè la RIVENDONO visto che dovrebbero rottamarle invece la vedi in strada magari in mano a qualche EXTRACEE.
    GIA’ ACCADUTO

  5. Scritto da rf

    A quando la rottamazione dei nostri imprenditori così “creativi”?