BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ma la Lega vuole creare contrapposizione sociale?

Dopo la manifestazione di Ponteranica, un lettore, Enea Guarinoni, legge una strategia precisa nelle scelte e nelle provocazioni del Carroccio

Più informazioni su

Caro Direttore,
ho letto le tue considerazioni dopo la manifestazione di Ponteranica.
Naturalmente contengono alcuni elementi di verità, che in parte condivido.
Vorrei però introdurre un altro elemento di riflessione: la scelta di Aldegani non è casuale, non è solo uno scivolone che, apparentemente, ha provocato un effetto contrario alle sue intenzioni. Penso che levare la targa di Impastato (e dichiarare che leverà anche quella posta davanti all’ulivo del Bopo) sia una scelta politica precisa e coerente con la linea del suo partito. Come precise e coerenti sono state le scelte che la lega in questo ultimo anno ha assunto: ne ricordo alcune: la lotta ai Kebab, l’opposizione fiera alle moschee, la militarizzazione, di questo si tratta, di via Quarenghi sotto gli occhi compiaciuti dell’assessore Invernizzi ( la maggior parte delle operazioni di polizia-vigili-carabinieri servono a intercettare stranieri senza permesso di soggiorno), la "battaglia culturale" per il dialetto nelle scuole, l’idea di Belotti dei centralini in bergamasco ecc ecc.
Questa è una strategia politica, coordinata e condotta con tenacia. Con quale obiettivo? Con lo scopo di cambiare radicalmente il nostro territorio, di chiuderlo a tutte le persone e le realtà che non sono come la Lega vorrebbe.
La "bergamaschità" tanto invocata, la sua tutela con ogni mezzo rischia di diventare una forma di repressione di ogni diversità culturale, sociale e politica.
E c’è un altro rischio gravissimo, che anche sfilando per le vie di Ponteranica ho colto: contrapporre le persone fra di loro crea tensione.
Sabato molti manifestanti mi hanno detto di essere stati apostrofati duramente da alcuni abitanti del paese, alcuni insultati, altri dileggiati. La notte prima qualcuno ha tagliato un albero; un gesto orribile, non solo una provocazione. Un gesto violento, definitivo. Durante gli interventi finali qualcuno, nascosto dalla vegetazione, ha fatto esplodere un grosso petardo.
Niente di chè, però sono tutti segnali preoccupanti, che evidenziano un innalzamento della contrapposizione. E’ questo che vuole le Lega? E’ questo l’obiettivo del viceministro Roberto Castelli?
Se è questo prepariamoci a una fase pericolosa di scontro sociale e politico, con il rischio che non ci si limiti agli insulti, al taglio degli alberi, e ai petardi sparati contro una manifestazione di settemila
persone pacifiche.
Enea Guarinoni

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da enea

    criminale, terrorista, assassino, ha ucciso a sangue freddo…quando scrivo qualcosa a Bergamonews, è successo tre volte in un anno, alcuni commentatori non perdono occasione per insultarmi. Avevo deciso di ignorarli, ma credo sia giusto chiarire che: 1) non ho ucciso nessuno, quindi non sono un assassino – lo scrive la sentenza che mi ha condannato – Ho partecipato a un episodio grave di lotta armata, sono stato arrestato e, giustamente, condannato. Ho ammesso le mie responsabilità…….

  2. Scritto da enea

    …espiato la pena, che era costituita da anni di carcere, semilibertà, tre anni di libertà vigilata e interdizione perpetua da pubblici uffici e diritti civili. Questo è successo fra il 1979 e il 1989. I conti con i miei errori e il mio passato li faccio tutti i giorni. Vi assicuro, cari detrattori, che sono pienamente consapevole della sofferenza che ho contribuito a provocare a altre persone. Questa consapevolezza non mi impedisce di continuare a vivere, pensare, parlare e scrivere……

  3. Scritto da enea

    …non ho niente da insegnare a nessuno, nemmeno a voi, ma se il vostro intento è quello di farmi tacere temo di deludervi. Non ci riuscirete in nessun modo. Tutto il resto, i sentimenti, il dolore, la sofferenza, sono cose troppo importanti e profonde da spiegare a dei nomignoli che appaiono nei commenti di un sito web. Grazie a bergamonews, loro fanno semplicemente il loro mestiere.

  4. Scritto da cesare zapperi

    Con questo intervento di Enea Guarinoni chiudiamo un confronto che avrebbe dovuto riguardare il tema della lettera e che invece ha investito tutt’altre questioni. Tutti hanno avuto modo di dire la loro, ognuno si è fatto la propria idea. Ora è giusto voltare pagina.

  5. Scritto da Marco Cimmino

    Perdoni, signor Marino, ma non so se ho capito il senso del suo intervento: vuol sapere se, personalmente, vorrei in parlamento dei pregiudicati? Certamente no, nemmeno uno. Ma cosa c’entra? E cosa c’è di schierato politicamente nel ricordare, a chi non c’era, un episodio storico, che aiuta a leggere il presente? Ovvio che io abbia le mie idee e che non corrispondano alle sue: ma questo non dovrebbe ottenebrare le facoltà intellettive nè sue nè mie. Non si faccia guidare dall’odio: paga poco!

  6. Scritto da MarinoB.

    Signor Cimmino di professione storico.Siccome il fatto da lei sottolineato, riguardante il sig. Guarinoni ,fa parte della storia recente Italiana, lei uomo non di parte,? Se afferma che :onorevoli sedutisi in parlamento,condannati in via definitiva e salvati dalla galera da leggi ad personam non sono da nominare essendo parte di altro argomento.Lei da la sensazione d’essere schierato politicamente. Libero.Ma le ricordo che:I popoli senza memoria sono popoli senza futuro.la sotria e’ memoria

  7. Scritto da bergamasco doc

    ho partcipato alla manifestazione e con sorpresa ho trovato dei leghisti,molto in incognita, in disaccordo con le loro rappresentanze…e per Dio! meno male che qualche non lobotomizzato esiste anche tra loro…Ci sono quindi leghisti e leghisti…e con loro recito soddisfatto un BEL ROMA LADRONA, riferito a tutto l’arco parlamentare ,rappresentanze padane comprese…Perchè forse alla gente la vita è cambiata?..il gusto del potere poco conta se poi ti ritrovi con il c…o x terra!

  8. Scritto da MarinoB.

    Tutti voi signori di destra,si,BENPENSANTI, che vi definite liberi cittadini ,vi state dimenticate che la liberta’ non sta’ da una parte sola.
    Pontificate contro una persona che ha avuto il coraggio delle proprie azioni ,e x questo ha pagato.Il Dott. Zapperi ben fa ha pubblicare il suo pensiero.Questa e’ democrazia. Democrazia che la gente di DX ,specialmente in Italia,non conosce.Aggiungo:Con la destra attuale siamo retrocessi al 75esimo posto nel mondo,assieme ai paesi africani

  9. Scritto da L'Antiopinionepoliticallycorrect

    No, signor direttore. Un arruffapopoli con la fedina penale sporca sparato in pagina va al di là della libertà di opinione: è una licenza che si prende lei in quanto padrone del vapore. Nessuno scandalo, ma almeno eviti di offendere l’intelligenza delle persone oneste (qualità che un assassino non può reclamare). Quanto alla strenua difesa del dibattito libero e democratico, non mi pare che su questo giornale si dia risalto alle lettere di agricoltori o manovali di professione.

  10. Scritto da Maverik

    No
    Ma con Guarinoni stiamo parlando di un terrorista che ha ammazzato un carabiniere davanti agli occhi del figlio di 10 anni
    In tempo di pace

  11. Scritto da cesare zapperi

    Cari Antiopinione…, non capisco dove avrei offeso l’intelligenza dei lettori. La lettera di Guarinoni è stata pubblicata come tutte quelle che ci vengono inviate, siano esse di agricoltori, fabbri, benpensanti e malpensanti. Questo giornale non è nato per distinguere i buoni dai cattivi, per stare da una parte o dall’altra. Diamo spazio alle idee, tanto più utili se provengono da chi la pensa diversamente da noi. Un giornale per noi non è un Paradiso per pochi, ma la rappresentazione della società, in cui ci sono le persone dalla fedina penale immacolata e chi ce l’ha macchiata (anche gravemente, come in questo caso), chi è onesto e chi disonesto (anche intellettualmente), chi è simpatico e chi antipatico. Non abbiamo la pretesa che tutti condividano questa impostazione. Ma con la stessa libertà con cui abbiamo raccontato la vicenda dell’omicidio Gurrieri, ora diamo ad Enea Guarinoni la possibilità di esprimere le sue idee politiche. Questa per noi, lo ribadisco convinto, è democrazia. Senza aver bisogno di scomodare Voltaire…

  12. Scritto da cecco58

    Guarinoni … le lettere le scriva alla famiglia di Giuseppe Gurrieri, che spero non la possa mai perdonare per quello che ha fatto.
    o al suo amico di sangue Narciso Manenti, per ricordare il bel tempo che fu.
    che le prediche di un ASSASSINO, aggiornate, ma sature degli stessi concetti, luoghi comuni, e frasi fatte di 30 anni fa … c’ero, (a sinistra del PCI) e me li ricordo bene, SCHIFANO, se messe in bell’evidenza su questo giornale!!! le tenga su un blob per fossili viventi come lei.

  13. Scritto da andreaemme

    Egr. Sig. Zapperi, le riflessioni e le idee di agricoltori, fabbri e muratori si mettono in ordine cronologico e si elencano qui, nella zona commenti, ma forse per bergamonews, questo signore è una celebrità bergamasca che merita uno spazio sotto i riflettori. e poi, vi permettete pure di raccontare il Cagliù e la sua visionaria ingenua malata follia, ridicolizzandolo senza pietà con un filmino in cui viene trattato come una scimmietta ammaestrata da un deficiente che lo riprende con il cell.

  14. Scritto da cittadino libero

    caro direttore, mi congratulo per le sue scelte democratiche e intelligenti, cose difficili oggi da capire, dove prevale l’ingoranza e il totalitarismo. Sono felice che finalmente a bergamo ci sia un organo di stampa libero da ogni influenza, CI MANCAVA. sono felice che ci sia uno scambio di oppinioni nella rubrica dei commenti, forse non sta bene a qualcuno visto che certi scommenti si commentano da soli. Non perda del prezioso suo tempo a rispondere a dei scommenti siamo in tanti con lei Graz

  15. Scritto da unodeitanti

    quindi in nome della pruralità e del diritto di espressione …. a quando un bel programma rai condotto a turno da curcio, concutelli, balzerani, viscardi, fioravanti, mario moretti e gallinari ? …. ci manca davvero il loro punto di vista e le loro lezioni su democrazia, rispetto, tolleranza, pacifismo e libertà. … un idea per santoro? … o per Zapperi … che nel frattempo potrebbe ospitarli qui con una “rubrichetta” settimanale.

  16. Scritto da LEGA ILLEGALE

    Provocazioni e tensioni provoca la Lega Nord.

  17. Scritto da a

    Secondo me la lega E’ in tensione perché in realtà ha ottenuto ben poco dal potere centrale. Il “bilinguismo” è una provocazione (non so se volontaria o involontaria) al centralismo nazionalista e non certo agli stranieri perché l’italiano non è una lingua straniera. A livello nazionale hanno ottenuto un ministero antistranieri e un finto federalismo, poco per chi vorrebbe la secessione. A Bergamo, Invernizzi alla sicurezza. Molto rumore per nulla.

  18. Scritto da karajan

    EVVIVA LEGA LADRONA. UNA VOLTA ERA ROMA LADRONA

  19. Scritto da damiano

    basta voler mettere il cappello alla manifestazione di sabato: io c’ero, ma mica sono comunista, nè simpatizzo per la sinistra, e come me tanti altri;allo stesso modo però non dico che tutti gli assenti siano razzisti o filo-mafiosi.basta dietrologie.qui c’è solo qualcosa di molto umano:un gesto di ripicca che è sfuggito di mano, un capriccio che l’orgoglio non consente di riconoscere e correggere.chi ha vinto governa,ovvio,ma il voto non è un’assegno in bianco, non azzera il diritto di critica

  20. Scritto da stanco di voi...

    Con questi signori vestiti di verde è meglio lasciar perdere, davvero viene lo sconforto. Ma come si fà a dare una risposta simile all’articolo di Guarinoni? Ma come diavolo si fa a non capire che con certe decisioni e con atti vergognosi e violenti come il taglio dell’ulivo a Poneranica si esaspera la civile convivenza? Ma che società volete? Quali sono i vostri modelli? Volte una società fatta di Ultras? Quando finirà il sonno della ragione? Sono stanco di sopportarvi.

  21. Scritto da marilena

    per sergio: lei è immorale! sono d’accordo in tutto con stanco di voi, anch’io sono stanca dell’arroganza analfabeta della lega.

  22. Scritto da Bergamasca

    Chiaramente la Lega provoca e chiaramente i Comunisti abboccano.Mentre questa altalena perenne oscilla come il moto perpetuo del pendolo di Faucault il mondo sotto gira ed impara a fregarsene del pendolo della politica.

  23. Scritto da un bergamasco che non dimentica

    la lega (mov democratico votato dal 35% dei bg e dal 28% dei veneti, 22% lombardi) vuole lo scontro sociale e politico? Il taglio di un albero è un gesto violento, definitivo? Ma guarda un po’ da chi arriva la predica: da quell’enea guarinoni condannato per terrorismo armato (gruppo Guerriglia proletaria) e componente del commando che nel 1979 uccise a sangue freddo sotto gli occhi del figlio di 10 anni un povero appuntato dei carabinieri, Giuseppe Gurrieri! Mi viene da vomitare.

  24. Scritto da enrico

    Non sapendo fare politica, la Lega si limita volontariamente a creare confusione. E’ una partita a tennis con i propri elettori, si rimandano di continuo dubbi, paure e – appunto – confusione per mantenere le poltrone. La Lega non ha alcun interesse a vivere in una società civile e, laddove ci sono tracce di civiltà (ad esempio l’intitolazione di una biblioteca ad un eroe antimafia), tende a distruggerle. Chi non sa costruire, preferisce rompere.

  25. Scritto da enrico

    La Lega sembra quel bambino che osserva l’amico più sveglio fare una costruzione con i lego per poi distruggergliela compiaciuto. La frustrazione del non saper governare fa brutti scherzi.

  26. Scritto da Arrigo

    Singolare lezione da parte di una persona in passato tutt’altro che pacifica

  27. Scritto da BOSSIRE

    E se anche la Lega volesse la guerra noi saremo sempre al suo fianco…VIA GLI IMMIGRATI e VIA I MERIDIONALI….TUTTI A CASA OLE’!!!!!
    Quanto siete ridicoli voi di sinistra….FATE SEMPRE PIU’ RIDERE E NON CONTATE UN CxxxO!!! SIETE COME IL DUE DI COPPE IN ITALIA E AVETE ANCORA IL CORAGGIO DI PARLARE. Risparmiate il fiato x quando ci sarà la guerra che dovrete scappare a gambe levate

  28. Scritto da BOSSIRE

    Marilena sei tu l’analfabeta….o meglio l’alfabeto lo sai ma non sai dire una cosa sensata….AH AH AH AH

  29. Scritto da Marco Cimmino

    Leggendo mi è sorta una curiosità, da storico: quanti di voi hanno colto il senso del breve, ficcante e garbato intervento di Arrigo (12)? La mia non è una domanda polemica: solo che, occupandomi di memoria di mestiere, mi chiedo quale sia la capacità di rimozione della memoria della mia gente. Perchè è da questa che, in realtà, dipende la scarsa profondità di certe riflessioni: non solo l’analisi conta, ma, a volte, anche l’analista ha un suo peso. Aspetto fiducioso e vi saluto.

  30. Scritto da Giorgio

    I leghisti si qualificano da soli: tipo BOSSIRE (ma dove l’hai scovato questo ridicolo nick-name!?) capaci solo di insultare,berciare ed abbaiare alla Luna. Sono anni che dicono di fare la guerra, di imbracciare i fucili,di fare la secessione ma più che le loro becere manifestazioni da ubriaconi non fanno.Non che ci sia da pretendere: le vedete le facce dei loro rappresentanti? Poveri!!

  31. Scritto da ureidacan

    Nella Lega vige il centalismo democratico, anzi l’editto dell’Imperatore.
    Bossi manda dei messaggi e i soldatini fedeli eseguono. A Pontida nellla primavera scorsa e l’ha ripetuto a Venezia, Bossi ha parlato di “dialetto e territorio”. Calderoli,Belotti e i sindaci eseguono sin a quando il capo dei capi darà il contrordine.

  32. Scritto da 44

    E’ una vergogna che questo giornale abbia pubblicato la lettera! Non sapevate chi era il Guarinoni? Se è vero quello che scrive il n. 9 dovevate respingerla al mittente per non offendere i Vostri lettori e tutte le persone normali.

  33. Scritto da c.zap.

    Egr. sig 44,
    questo giornale è stato l’unico, in occasione dei trent’anni dell’omicidio Gurrieri, a rievocare la vicenda, con nomi e cognomi. Forse lei era distratto o pensava a dare i numeri. Guarinoni ha pagato il suo conto con la giustizia e al di là di ciò che ciascuno pensa di lui e di ciò che ha fatto ha il diritto, come ogni cittadino, di esprimere le sue opinioni. Questa si chiama democrazia.

  34. Scritto da Marco Cimmino

    Sciocchezze, 44: Bgnews ha fatto benissimo a pubblicare la lettera e Guarinoni ha tutto il diritto di scrivere quel che gli pare. Così si usa in democrazia. Allo stesso modo, i lettori hanno, però, il diritto di sapere che chi scrive non è un semplice “lettore”, ma un personaggio che ebbe un certo peso negli anni di piombo orobici. Il che, ovviamente, rende un tantino meno credibile la sua pacata e pacifistica analisi. Ma com’è che a sinistra tutto tace: esaurito lo sdegno o semplice fiatone?

  35. Scritto da Maverik

    Otto anni di galera per l’omicidio di un carabiniere davanti al figlio di 10 anni non è pagare: specie se non ha risarcito le vittime: la vedova e l’orfano che per mano sua hanno avuto l’ergastolo e la tortura

  36. Scritto da Maverik

    A parte ciò, io noto che i leghisti sono insultati a più non posso dai sinistri che poi si lamentano se qualche abitante di Ponteranica ha cercato di rimandarli ai loro di paesi. E’ legittimo che la popolazione di Ponteranica che si è eletta il proprio sindaco democraticamente, abbiano visto con grande fastidio la strumentalizzazione di una legittima decisione di Aldegani per permettere alla sinistra extraparlamentare cioè buttata fuori dal Parlamento a furor di popolo di rialzarsi dalla batosta

  37. Scritto da 44

    Non è democrazia ma servilismo come in tante altre occasioni

  38. Scritto da caty

    di fronte ad uno come il 44 non resta che dire: Dio perdonalo perchè non sa quello che dice….

  39. Scritto da s.s.

    servilismo di fronte ad un soggetto che conta meno di zero’ Va là, 44, sembri proprio uno che dà i numeri. a meno che il tuo interesse sia solo spargere fango. dalla malafede con cui ti esprimi ci sono pochi dubbi

  40. Scritto da MarinoB.

    Per lo storico Cimmino.Guarinoni (personaggio che ebbe un certo peso negli anni di piombo orobici, rende meno credibili le sue dichiarazioni da pacifista.)…!…?..Da storico cosa dice ai lettori di BGnews,su tutti gli ex fascisti,fascismo che, ricordo, porto l’Italia al disastro con milioni di morti, che ora siedono in parlamento e legiferano dietro dettatura di Berlusconi,a sua volta ,durante il conflitto, riparato in svizzera con tutta la sua famiglia.Questi personaggi sono credibili..???.

  41. Scritto da Marco Cimmino

    Non mi serve la professione per risponderle, caro Marino: mi basta il semplice buon senso. Le legioni di fascisti che lei (stra)vede in Parlamento non scrivono a proposito di rischi per la pace e la democrazia su BGnews e non partecipano a questa discussione. Se vuole, apra un dibattito apposito. Mi sembra un po’ fuori luogo questa digressione. Da storico, dico ai lettori di Bgnews di non badare ai soliti discorsetti apologetici come il suo: debolissimi tentativi di evitare temi imbarazzanti.

  42. Scritto da Marco Cimmino

    Stai a vedere che, siccome in Italia c’è stato il fascismo, ogni volta che si affronta un argomento fastidioso per una certa parte politica, ci si deve sentir dire che, però, comunque, i fascisti hanno fatto questo e hanno fatto quello. Benissimo: stabilito che i fascisti sono cattivissimi, le dispiace se affrontiamo anche la questione della credibilità di Guarinoni come testimone di pacifismo e di democrazia? Oppure si può parlare soltanto di fascisti, di fascismo e di fascisteria? Ossequi. MC

  43. Scritto da Klavdij

    un criminale rosso (scontata o no la pena, sempre di un assassino a sangue freddo si tratta!!!) si mette a fare la verginella spaventata…
    CHE SCHIFO!!!
    degno portabandiera dei manifestanti di professione: basta fài ‘nda a fa ü gir che i è töcc contécc!!!

  44. Scritto da ab1

    Scritto da qualcun altro, potrei, forse e in parte, condividere il contenuto della lettera. Ma scritta da chi ha assassinato (sparandogli) un Carabiniere, NO! Non mi è chiaro perché il compagno Enea Guarinoni abbia scontato così poca galera: forse perché così sono le leggi italiane, forse perché la discrezionalità dei giudici funziona solo a senso unico. Spero solo che al momento giusto il Padreterno sia meno accomondante della magistratura terrena.

  45. Scritto da Bella Ciao

    uno.. due.. tre.. quattro.. cinque.. dieci.. cento passi!! Togliere la targa e cercare di ridimensionare (se non addirittura cancellare) la memoria di Peppino Impastato, lo si deve sicuramente considerare un atto di sfida e di contrapposizione sociale ..oltretutto condito da una “venatura” razzista/anti-meridionalista e (permettetemi di pensarlo) di profonda ignoranza politica.. 1.. 2.. 3.. 4.. 5.. 10.. CENTO PASSI.. viva Peppino!!

  46. Scritto da Sergio

    La lega e’ stata eletta e fa quello che la legge gli consente di fare, ossia decidere quello che ritiene giusto. Dovrebbe fare invece quello che volete voi perche’ in caso contrario siete pronti alla violenza (come da lei prevista se si va avanti cosi’) ? Fate pure, se questo e’ il vostro metodo. Si vedra’.