BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“E’ il momento dell’unità di tutti i lavoratori”

I delegati sindacali di Tenaris Dalmine chiedono unità e invitano le segreterie confederali a proclamare uno sciopero generale dell'industria "per arginare gli effetti della crisi".

I delegati sindacali della Dalmine hanno scritto una lettera alle tre segreterie provinciali dei sindacati:

"Come è ormai noto a tutti, il 28 settembre, Tenaris Dalmine ha presentato alle organizzazioni sindacali un pesantissimo piano di ristrutturazione che prevede per i prossimi due anni 1.024 euberi, di cui 836 negli stabilimenti bergamaschi. Ciò contribuisce ad aggravare una fase in cui ogni giorno che passa si allunga la lista delle aziende che annunciano chiusure e licenziamenti, peggiorando sempre di più la situazione occupazionale della nostra provincia. La crisi si sta, ora , abbattendo come uno tsunami sulle spalle dei lavoratori. Le aziende che fino a ieri hanno incamerato (e Tenaris continua a farlo) fior di profitti oggi si affrettano a scaricare come una zavorra inutile il “capitale umano” che tutti dicevano di voler preservare per agganciare la futura ripresa. Nel nostro caso ci viene prospettata la chiusura di alcuni stabilimenti, il ridimensionamento di impianti ritenuti strategici e il drastico peggioramento delle condizioni di lavoro. Per noi, delegati sindacali e lavoratori della Tenaris-Dalmine, tutto ciò è inaccettabile e per questo ci siamo mobilitati con 10 ore di sciopero giovedì 1 e venerdì 2 ottobre. Di fronte a quello che sta accadendo riteniamo, però, indispensabile che le segreterie confederali CGIL, CISL e UIL, decidano in tempi brevi uno sciopero generale provinciale dell’industria per arginare gli effetti della crisi, unificando tutti i lavoratori coinvolti in processi di ristrutturazione aziendale. Nella storia centenaria del movimento operaio bergamasco i lavoratori della Dalmine hanno una lunga tradizione di solidarietà verso lavoratori di altre fabbriche in difficoltà. Adesso è il momento di ricevere altrettanta solidarietà".

L’articolo sul presidio del 2 ottobre

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberto fugazzi

    occorre che da tutte le fabbriche in lotta parta il segnale verso LO SCIOPERO GENERALE PROVINCIALE A DIFESA DEL LAVORO!!!!

  2. Scritto da genioge

    non bastano le pacche sulle spalle, occorre che il mondo del lavoro tutto si dia una mossa prima che sia troppo tardi e il sindacato ha senso se è in grado ancora di organizzare i lavoratori perchè oggi tocca alla dalmine e domani puo toccare ad ognuno di noi, in questo a ragione Bersani quando dice che la crisi per i lavoratori stà arrivando adesso.

  3. Scritto da Lavoratore Brembo Curno

    Complimenti, siete da esempio.