BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cava di Caravaggio, l’Arpa far?? un’indagine

La decisione ?? stata presa dalla Regione Lombardia. L'indagine servir?? per chiarire in modo certo l'impatto che la cava potrebbe avere sul santuario di Caravaggio.

Più informazioni su

Tratto da Cremaonline.it

“Un’indagine idrogeologica supplementare dell’Arpa per chiarire in modo certo l’eventuale impatto che la cava potrebbe avere sul santuario di Caravaggio. Come spiegato durante la conferenza stampa che si è tenuta oggi presso la sede della Provincia di Cremone, la decisione è stata presa dal presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, dal vicepresidente Gianni Rossoni e dal presidente della Provincia di Cremona Massimiliano Salini: un’intesa che consentirà di dare risposte chiare e fondate ai preoccupati interrogativi sollevati dalla Diocesi di Cremona, dai Comuni e dai cittadini”.

Indagine suppletiva
“Sull’ambito estrattivo di Caravaggio – si legge nella nota ufficiale diffusa dalla Provincia di Cremona – la Regione Lombardia intende dunque fare chiarezza e muoversi con serietà e responsabilità. Il presidente Massimiliano Salini si è attivato fin da subito per dare risposte concrete alle istanze della Diocesi di Cremona, dei Comuni e delle associazioni di categoria del cremasco: ha approfondito la questione col presidente Roberto Formigoni e quest’ultimo, in accordo col presidente Salini, ha deciso di attivare l’assessorato alla Qualità dell’Ambiente della Regione Lombardia per affidare ad Arpa una specifica indagine idrogeologica con l’obiettivo di verificare quanto già relazionato in sede tecnica di approvazione del piano cave di Bergamo”.

Ente terzo
“Si tratta dunque – proseguono dall’amministrazione – di un’indagine fatta da un ente terzo e indipendente quale è Arpa, per fare veramente chiarezza sull’eventuale impatto idrogeologico della cava sul Santuario, nonché sull’area dei fontanili. L’esito sarà consegnato all’assessorato Qualità dell’Ambiente, che di conseguenza prenderà decisioni sulla base dei riscontri effettuati”.

Sentenza del Tar
Dall’amministrazione provinciale, per quanto riguarda la Sentenza del Tar, si precisa: “in premessa, va precisato che l’individuazione di un ambito estrattivo non è l’autorizzazione a cavare, bensì la previsione di un vincolo amministrativo in vista di un’escavazione che dovrà poi essere autorizzata dalla Provincia. Il Tar di Milano aveva dato ragione all’impresa che aveva presentato un progetto per realizzare un ambito estrattivo nel territorio di Caravaggio, ambito che il Consiglio regionale aveva stralciato con voto segreto dal Piano cave della provincia di Bergamo. Le motivazioni della sentenza del Tar sono fondate sulla mancanza di motivazioni tecniche che il Consiglio regionale avrebbe dovuto esporre per giustificare lo stralcio dell’ambito estrattivo dal piano cave”.

Santuario di Caravaggio
“Il rettore del Santuario di Caravaggio – prosegue la nota della Provincia – ha avanzato preoccupazioni inerenti la possibile interferenza delle attività di cava in alveo sugli acquiferi a monte dell’area di scavo, in particolare sull’acquifero che alimenta il Sacro fonte, con possibili ripercussioni per il Santuario”. Al riguardo, “la risposta di Regione e Provincia. L’azione politica dei presidenti Formigoni e Salini, unita all’intervento dei tecnici Arpa, sono l’unica strada in grado di dare risposte concrete alle giuste richieste del rettore del Santuario di Caravaggio e ai timori del territorio, colmando nel contempo la lacuna individuata dalla sentenza del Tar che dichiarava la mancanza di documentazione tecnica nella decisione del Consiglio regionale. Ai riscontri dell’Arpa seguiranno decisioni concrete e coerenti. Insomma: si tratta di veri e propri passi avanti per chiarire i termini della questione e dare risposte fondate alle richieste della società, abbandonando la strada delle iniziative di facciata e non fondate dal punto di vista giuridico”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mala Tempora

    Dalla stampa locale leggo che il presidende della provincia di cremona e il vicepresidente della regione lombardia si sono incontrati per il problema della cava di Caravaggio. Il Presidente Caravaggino della nostra Provincia non aveva tempo ?

  2. Scritto da M.A.

    Vengo dalla fiaccolata di caravaggio a sostegno della cancellazione della cava. Cava già dichiarata inutile dal piano della regione lombardia e rientrata per altre strade dalla finestra. Bene la presenza di sindaci e politici cremaschi (di svariati colori politici) e di qualche sindaco bergamasco, bene la presenza di Benigni e Saponaro. Non ho visto il sindaco di caravaggio e i leghisti della zona. Ma i fontanili minacciati non sono il simbolo delle radici della bassa?