BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pedemontana: dimissioni di massa, azzerato il cda

Il consiglio di amministrazione di Pedemontana Lombarda Spa è decaduto in seguito alle dimissioni della maggioranza dei consiglieri.

Il consiglio di amministrazione di Pedemontana Lombarda Spa è decaduto in seguito alle dimissioni della maggioranza dei consiglieri. Fabio Terragni, presidente e amministratore delegato uscente, si legge in un comunicato, ha convocato d’urgenza l’assemblea dei soci per la nomina del nuovo cda. L’assemblea è convocata per il 19 e il 21 ottobre. Secondo quanto riferisce una fonte vicina alla società chiamata a realizzare l’autostrada che unirà le province di Varese e di Bergamo, "le dimissioni della maggioranza dei consiglieri sono il risultato delle pressioni" che da tempo sta esercitando il presidente della Provincia di Milano, Guido Podestà, espressione del Popolo delle Libertà. Terragni era stato insediato dal precedente numero uno di Palazzo Isimbardi, Filippo Penati.
In particolare, secondo la fonte, Podestà "ha convinto (Corrado) Passera a far dimettere i consiglieri espressi da Intesa Sanpaolo per fare piazza pulita".
Intesa Sanpaolo, attraverso Equiter e Biis, controlla il 26% del capitale di Pedemontana. Nel giugno scorso, l’istituto guidato da Passera aveva orchestrato un consorzio – formato anche da Ubi Banca e dalle Bcc – che aveva rilevato il 32% del capitale di Pedemontana da Milano Serravalle, la società di gestione autostradale che fa riferimento alla Provincia di Milano.
Secondo la fonte, le dimissioni del cda comporteranno "un importante rallentamento della procedura (per la realizzazione della Pedemontana), a poche settimane dal via libera del Cipe".
Da tempo Serravalle è in trattative per cedere un’ulteriore quota del 33% di Pedemontana a soci industriali. Il presidente di Impregilo, Massimo Ponzellini, ha dichiarato l’interesse della società di costruzioni a rilevare una quota del 10%.
Impregilo guida il consorzio – formato anche da Astaldi, ACI Scpa Consorzio Stabile e Pizzarotti – che si è aggiudicato il contratto per la realizzazione della tratta A della Pedemontana e dei primi lotti delle tangenziali di Como e Varese, per un controvalore di 630 milioni di euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mau nobrebeminotav

    …e pensa a quei babbei che dicono : “…è tutta colpa dei Verdi se non si fanno le infrastrutture”.

  2. Scritto da Mauro

    Dietro Podestà c’è Silvio Berlusconi in persona. Ricordiamocelo.

  3. Scritto da matteo

    Sempre a tirare in ballo Berlosconi… ma altri argomenti non ne avete???

  4. Scritto da Maurizio

    E quale miglior modo per far lievitare i prezzi ? Paghiamo,paghiamo o popolo !

  5. Scritto da CDA

    E te pareva . Chissà che bei vantaggi ne avremo noi contribuenti .
    Chissà che ce lispieghino

  6. Scritto da angi

    Un bel “vaffa” a tutti quanti..

  7. Scritto da nicola

    per un totale di quanti milioni di euro di buoneuscite?

  8. Scritto da Anna

    Giochi di potere sulla pelle dei cittadini, anzi nelle tasche dei cittadini.