BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il sogno di Maurizio Ganz: “tornare all’Atalanta come tecnico” video

Ha vestito sia la maglia nerazzurra che quella del Milan. Ma ?? particolarmente legato a Bergamo. Chi meglio di lui quindi pu?? introdurre la sfida di domenica al Comunale?

Più informazioni su

“Al segna sèmper lù”. A Milano, quando giocava nell’Inter, lo avevano soprannominato cosi, ed è facile capirne il motivo. Maurizio Ganz, uno dei cannonieri più prolifici in assoluto del campionato italiano, nel corso della sua prestigiosa carriera ha vestito anche la maglia dell’Atalanta, dove con i sui gol e le sue furiose esultanze ha lasciato un ricordo indelebile tra i tifosi nerazzurri. Ma non solo, il bomber di Tolmezzo ha giocato anche nel Milan per alcune stagioni. Chi meglio di lui quindi può introdurre la sfida di domenica al Comunale: “Atalanta-Milan arriva in un brutto momento perché le due squadre stanno attraversando un periodo molto difficile –ha dichiarato Ganz- il Milan ha cambiato tanto ed è partito piuttosto male. Stesso discorso per l’Atalanta, anche se la squadra rossonera ha sempre grossi campioni che possono decidere la partita da un momento all’altro. La sfida la vedo apertissima a qualsiasi risultato, e se dovessi fare un pronostico giocherei una tripla”.
Una partenza di campionato deludente quella dell’Atalanta, che ha portato all’esonero di Gregucci e all’arrivo di Conte: “Mi dispiace molto per Gregucci perché l’ho avuto a Firenze e lo ritengo un allenatore capace, preparato e serio. Conte lo conosco come avversario sul campo, ma a Bari ha fatto bene e spero si possa ripetere. La squadra che è stata allestita, come ho già detto in estate è competitiva, e credo che a questo punto abbia solo bisogno di sbloccarsi. E per far questo ci vogliono risultati e punti”.
Nella scorsa campagna acquisti l’Atalanta ha cambiato totalmente il suo reparto offensivo, con le partenze di Floccari e Plasmati e gli arrivi di Acquafresca e Tiribocchi: “Tiribocchi è un giocatore che mi piace molto perché è sempre pronto, anche se subentra dalla panchina, e ha un grande senso del gol. Acquafresca non ha ancora brillato, ma credo che a Bergamo potrà fare molto bene perché è il posto ideale per una punta per esprimersi al massimo. Non dimentichiamoci poi di Cri (Doni n.d.r.), che farà senza dubbio un altro grosso campionato”.
Ha vissuto due avventure con la maglia dell’Atalanta, prima dal 1992 al 1995 e poi nella stagione 2000-2001, condite da numerosi gol e tanti bei ricordi: “I ricordi più belli che conservo di Bergamo son proprio tutti i miei gol segnati con la maglia dell’Atalanta. Quello che ricordo con maggiore piacere, tanto per restare in tema, è un gol segnato al Milan in rovesciata che valse l’uno a uno in una partita di campionato giocata in notturna al Comunale. Quella fu una delle serate più belle della mia vita. Segnai anche un altro gol ai rossoneri, nel 1993, che valse ancora un pareggio in casa dopo un gol di Papin un minuto prima. L’Atalanta  mi resterà sempre nel cuore, perché è la squadra che mi ha permesso di fare il grande salto nel calcio che conta e di arrivare fino alla nazionale”.
Dopo aver appeso le scarpe al chiodo nel 2006/07, adesso Ganz allena gli esordienti dell’U.S. Aldini Bariviera, una società milanese, ed è collaboratore del settore giovanile del Milan: “Ora penso ad allenare i più piccoli, ma spero un giorno di poter sedere su una panchina di Serie A. Uno dei miei sogni è quello di tornare all’Atalanta da allenatore. Vedo molte giovani promesse nel nostro campionato, e se dovessi individuare un mio possibile erede direi Alberto Paloschi, perché ha dimostrato di essere un attaccante con un grande senso del gol, un rapinatore d’area, un po’ come me e Filippo Inzaghi”.

 

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nostalgico

    quanto ci manchi uraGanz in questo momento!!!!E che bello risentirti.

  2. Scritto da Katy Leporatti

    Che piacere risentire Ganz; no, non era e non è stato un bidone, dovunque ha giocato il suo peso è stato importante. Anche nell’Inter, dove vi erano giocatori Top e fenomesi …….alla fine appunto, segnava sempre Lui. E’ uno di quei giocatori che a raccolto molto meno di ciò che poteva ….. ecco, questo sì; ma in area di rigore era un Numero1.
    Auguri Maurizio ……. sarebbe bello riaverti un giorno a Bergamo.
    Con stima

  3. Scritto da Maurizio

    Come giocatore è stato molto più fumo che arrosto in qualunque club abbia giocato e pertanto ,visto che di bidoni non ne abbiamo bisogno,…….

  4. Scritto da Orobico

    Potrebbe allenare il Milan..