BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Area Riuniti, Bonometti: subito una nuova gara

"C'è una situazione di oggettiva difficoltà nel mercato dell'edilizia. Credo che questo abbia pesato non poco nel mandare deserta la gara" commenta il direttore generale dei Riuniti.

Più informazioni su

"C’è una situazione di oggettiva difficoltà nel mercato dell’edilizia. Credo che questo abbia pesato non poco nel mandare deserta la gara". Carlo Bonometti, direttore generale degli Ospedali Riuniti, commenta quasi con disincanto il risultato negativo dell’asta indetta da Infrastrutture Lombarde per la vendita dell’area ora occupata dai padiglioni. Anche se si affretta a precisare: "Dobbiamo sederci attorno ad un tavolo con la Regione e vedere il da farsi. E’ chiaro che ci manca qualche soldino (eufemismo, visto che la nuova gara passerà da un offerta minima di 95 ad una di 85 milioni di euro, ndr). Sicuramente sarà indetto un nuovo bando in tempi ristretti". I soldi ricavati dalla cessione dell’area servono infatti a pagare i costi di realizzazione del nuovo ospedale. Chi teme che il mancato introito, per ora solo momentaneo, possa bloccare il cantiere riceve rassicurazioni dal direttore generale: "No, nessun problema. Tutti gli stati di avanzamento sono coperti da una linea di credito aperta in tempi non sospetti. Andiamo avanti secondo i programmi fissati. Anche se è evidente che alla fine i conti dovranno tornare e quindi bisognerà trovare, d’intesa con la Regione, una soluzione".  
Giovedì mattina, a partire dalle 10,30, la Commissione regionale Sanità farà un sopralluogo al cantiere del nuovo ospedale. Sarà un’ulteriore occasione per verificare come procedono i lavori e per approfondire i problemi apertisi con l’annullamento della prima asta per la vendita dell’area dei Riuniti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fai i conti

    Dall’area destinata ad edificazione 75000 mq. (Area totale meno quella del campus si sarebbero dovuti ricavare nel 03-04, 76 mil.) Rimane l’area del campus ca. 80000 mq. valutabile sugli 80-100 mil.
    E l’asta era partita da 95! Bell’affarone portarsi via il tutto per ca. 100 milioni e guadagnarne (370000×400 al mc.=150 mil) che poi diventerenno 200-250! chi farà l’affare?

  2. Scritto da incazzatissimo

    La vendita dei Riuniti è la più grande speculazione edilizia della città e viene coperta con la necessità di denaro per il nuovo Osped., aumento costi, trasloco nuove strutture. Dalla vendita della sola metà, come da accordi precedenti, si ricaverebbe il denaro necessario. la vendita di 370000 mc realizzerà a Lombardia infrastrutture ben oltre 200 mil di euro. A vantaggio di chi? sono riusciti con la fola del bisogno di denaro per il Nuovo acoprire la speculazione. Bergamo svegliati, sei in tempo

  3. Scritto da un bergamasco

    per informazioni vedere archivio-settembre pagina 6 n. 53 dal 23 al 27. Diversi bergamaschi esprimono informazioni e pareri.

  4. Scritto da un ultraincazzato

    Com’è possibile che un’area di destinazione pubblica venga venduta in asta privata? Non occorre una nuova variante da discutere ed approvare in consiglio comunale? Lasciamo fare al colpo di mano di Bruni? Sig. sindaco, sig. Assessore dovete decidere. L’area è di interesse pubblico. Deve essere utilizzata per la città e non per gli speculatori sia pure Lombardia infrastrutture

  5. Scritto da new town per i giovani

    L’area è pubblica:
    facciamoci una “new town” per i giovani.

  6. Scritto da ancora più incavolato

    Parliamo seriamente. Nel 2003/2004 si erano fatti conti precisi che con il Campus universitario compreso, l’area di Largo Barozzi valeva 75 milioni di euro.
    Come è possibile che cancellando il campus e privatizzando l’area con relativa possibilità edificatoria di 370.000 metri cubi il ricavo sia di appena 85 milioni di euro? Urgono chiarienti ala Città! Non parliamo dei milioni di euro che Infrastrutture lombarde spa (società della regione) porterà a casa.

  7. Scritto da rododendro

    certo potrebbe rimanere pubblica.. farci tante belle cose.. ma.. servono necessariamente i 90 milioni per il completamento del nuovo ospedale + i milioni che servirebbero per adattare la vecchia struttura dei riuniti per realizzarvi una struttura pubblica. Fantascienza.

  8. Scritto da Bergamo svegliati

    Per 8)La vera fantascienza è rappresentata dalla privatizzazione e dalla vendita dell’area. Niente campus e pochi soldi! Proviamo a capire chi ci guadagna e chi ci perde. Un vero capolavoro!

  9. Scritto da uno incavolato

    I costruttori stanno aspettando i saldi d’autunno. L’area dei Riuniti come le braghe dei negozi di abbigliamento.