BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Pi?? di 22 mila in cassa, serve una mobilitazione”

Sono sostanzialmente invariati rispetto ai mesi scorsi i dati sul settore metalmeccanico. Mirco Rota, segretario provinciale: serve una grande manifestazione, rischio di deindustrializzazione.

Più informazioni su

Un lieve calo, ma sostanzialmente la situazione resta invariata rispetto ai mesi scorsi: parliamo dei dati della Fiom Cgil sulla cassa integrazione, ordinaria e straordinaria, e sulle procedure di mobilità aperte in provincia di Bergamo nel settore metalmeccanico. La stessa Fiom arriva a chiedere e auspicare una "mobilitazione generale, con una grande manifestazione in autunno". (Apri e scarica i dati forniti dalla Fiom, con i nomi di tutte le aziende)
I lavoratori coinvolti, alla fine di settembre, sono 22.368, comprendendo appunto le procedure di mobilità, la cassa integrazione già in essere oppure quella per ora solo richiesta dagli imprenditori. Il numero è leggermente più alto di quello dell’aprile scorso (22.291), ma più basso rispetto a giugno (24.334) e luglio (23.148), anche se fa segnare una risalita rispetto ad agosto (22.298). I dati non comprendono il recente piano industriale presentato da Tenaris Dalmine.
"Sostanzialmente la situazione non cambia – spiega il segretario provinciale della Fiom Mirco Rota -. I numeri dicono chiaramente che siamo dentro la crisi, non ne stiamo uscendo. C’è un rischio di deindustrializzazione molto pesante e crediamo sia sempre più necessario fare squadra per trovare nuove idee”.
La Fiom lamenta anche lo scarso utilizzo dei contratti di solidarietà da parte delle: per ora, nel settore metalmeccanico, ce n’è solo uno in essere alla Body Cote di Madone. “E’ chiaro che la Dalmine ha sempre fatto e fa tuttora storia a sé, a livello sindacale e industriale – prosegue Rota -. Ma il problema della Dalmine non è solo un problema dei lavoratori di quella grande azienda, e il problema rappresentato dalla situazione odierna non riguarda naturalmente solo la Dalmine. La Fiom Cgil è sempre più convinta che serva una mobilitazione generale, probabilmente tra fine ottobre e inizio novembre, affinché sia ascoltata la voce dei lavoratori e non si abbassi la guardia rispetto alla situazione”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Santo R.

    Belotti avanti con il dialetto i cartelli in bergamasco e la sciarpa verde al collo per organizzare le ronde……

  2. Scritto da Vanessa

    “rischio deindustrializzazione” ? Ecchissenefrega , io da grande posso fare la velina , l’escort o partecipare al grande fratello. Va bene anche “Amici”.
    Vorrete mica che faccia la biologa precaria a 700 euro al mese !

  3. Scritto da Enzo

    Diamo una speranza a chi lavora. contrastiamo chi chiude e licenzia.

  4. Scritto da Lavoratore in cassa della Valle seriana

    La crisi è un’onda che ci sta travolgendo in modo brusco. Il Sindacato deve dare una risposta concreta anche nella provincia di BG a tutto campo. Insieme alla politica alle istituzioni, ai movimenti è giusto dare una visibilità dei lavoratori operai impiegati e precari. Serve solidarietà.

  5. Scritto da roberto fugazzi

    La RETE OPERAIA VALSERIANA,nata proprio per collegare tra loro le lotte delle singole fabbriche,ritiene che difendere TUTTI I POSTI DI LAVORO,non solo è possibile ma NECESSARIO,ma per fare questo occorre che i lavoratori stessi si autorganizzino,senza aspettare che sia il sindacato a farlo e,come ci ha insegnato la lotta della INNSE di MILANO,se gli operai sono determinati,anche il sindacato verrà dietro.Quello che è fondamentale è che siano i lavoratori in prima persona a mantenere l’iniziativa

  6. Scritto da Silvano

    Se continuano a votare lega i lavoratori non avranno speranza. svegliatevi e mobilitatevi perchè ci stanno beffando.

  7. Scritto da Marina

    Non è il momento delle divisioni e degli egoismi che già ci sono. La nostra provincia rischia di grosso. speriamo che adesso anche con la crisi Dalmine ci si occupi più di lavoro che delle baggianate dei leghisti, cartelli in dialetto, ronde, gabbie salariali ecc…..

  8. Scritto da dirk

    e ma che rottura che siete, l’economia sta migliorando, i soldi per la fiat ci sono …..cosa volete di + dalla vita ??

  9. Scritto da w la lega

    tranquilli che appena la lega sistema la cartellonistica e il tg in dialetto
    e lo smalto per le unghie mette tutto a posto lei