"C'?? crisi, posticipiamo il blocco degli Euro 2" - BergamoNews
Lega nord

“C’?? crisi, posticipiamo il blocco degli Euro 2”

Posticipare di un anno il blocco degli autoveicoli commerciali e industriali Euro 2 Diesel. ?? la proposta che il consigliere regionale leghista Daniele Belotti ha avanzato al Consiglio regionale presentando una mozione al Pirellone

Posticipare di un anno il blocco degli autoveicoli commerciali e industriali Euro 2 Diesel. È la proposta che il consigliere regionale leghista Daniele Belotti ha avanzato al Consiglio regionale presentando una mozione al Pirellone per impegnare la Giunta a posticipare lo stop alle auto Euro 2 al 2010. “Il blocco della circolazione – spiega il consigliere – previsto per i veicoli “pre Euro1” e per gli Euro1, è stato esteso dalla Giunta regionale anche agli autoveicoli Euro2 diesel, a partire dal 15 ottobre 2009.
Il blocco, che riguarda anche i mezzi commerciali, penalizzerebbe in maniera eccessiva l’economia e le aziende lombarde, dato che si tratta di autoveicoli immatricolati e messi in vendita 6/7 anni fa, un periodo relativamente breve per un autoveicolo industriale. Dobbiamo inoltre considerare – continua l’esponente della Lega Nord – che la crisi economica ha messo in gravissima difficoltà migliaia di imprese, che non possono quindi sostenere in questo periodo la sostituzione del proprio parco mezzi. In particolare le piccole aziende di autotrasporto, molto spesso ditte individuali, finirebbero per dover chiudere i battenti, non avendo la possibilità economica di acquistare nuovi autoveicoli.”
La mozione “impegna la Giunta a posticipare al 15/10/2010 il blocco degli autoveicoli commerciali e industriali euro 2 diesel.”

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it