Bossi "boccia" anche l'inno di Mameli - BergamoNews
Ponte di legno

Bossi “boccia” anche l’inno di Mameli

Dal luogo di vacanze , il ministro della Lega Nord esalta il Va' Pensiero e annuncia un disegno di legge per rivalutare i dialetti

Da Ponte di Legno, in provincia di Brescia, luogo dove da sempre trascorre le sue vacanze, il ministro Umberto Bossi sferra il suo attacco a un altro simbolo della Repubblica. Questa volta a farne le spese, dopo il tricolore, è l’inno di Mameli. Secondo, il Senatùr quando la gente padana canta il Va’ pensiero, tutti lo cantano perché ne conoscono le parole.A differenza dell’inno italiano che non sarebbe altrettanto conosciuto. L’inno adottato dai leghisti, ovvero il Va’ pensiero è tratto dalla parte terza del "Nabucco" di Giuseppe Verdi (1842), dove viene cantato dagli Ebrei prigionieri in Babilonia.
Nelle mani di Bossi, ci sarebbe anche una bozza di legge riguardante i dialetti. Già nel 2006 il Carroccio aveva presentato una proposta di legge costituzionale per  la tutela delle lingue locali. 
Nell’occasione è stato proiettato anche un trailer del film Il Barbarossa , la cui prima nazionale è prevista per  il 2 ottobre al Castello Sforzesco a Milano.
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it