BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sulle caserme solo annunci” fotogallery

Francesco Macario, Rifondazione: "Vogliono rimescolare le carte già date, ma di fatto l'intesa con il Demanio c'è già. La partita di Sant'Agata deve restare separata da quella delle caserme". Pezzotta, Pdl: "Nessuno vuole prendersi meriti non propri. Nell'accordo vorrei includere l'ex carcere".

Più informazioni su

“Ma quale accordo sulle caserme? Questa è la classica politica degli annunci, di chi vuole rimescolare le carte che erano già state date, per far vedere che riesce a concludere qualcosa”: l’ex assessore all’Edilizia privata Francesco Macario, Rifondazione comunista, è durissimo nei confronti della nuova Giunta comunale. La stampa annuncia i contenuti della Giunta di oggi, mercoledì 29 luglio, parlando di “accordo pronto” tra il Comune di Bergamo e il Demanio sulle ex caserme dismesse (Montelungo, Flores, Colleoni, Corridoni e Scotti). Sostanzialmente la bozza di protocollo di intesa è simile a quella già varata dalla precedente Amministrazione. Si valorizzano i volumi dei vecchi immobili militari, cercando di portare vantaggi economici sia al Demanio sia al Comune, che otterrebbe anche spazi alla Montelungo.
Davvero non capisco quale sia la novità annunciata dall’avvocato e assessore Andrea Pezzotta – dice Macario -. La bozza di protocollo c’è già, ma per essere formalizzata e concretizzata ha bisogno di alcuni punti fermi che verranno dalle destinazioni d’uso degli edifici indicate nel nuovo Pgt. E credo che l’assessore all’Urbanistica sappia bene che fino al 31 luglio sono aperte le osservazioni dei cittadini al Pgt, che è quindi ancora in itinere: la verità è che il 29 luglio la Giunta non può proprio formalizzare nulla di nuovo su questo fronte. Non solo il Demanio ma qualsiasi cittadino potrebbe presentare entro il 31 luglio osservazioni anche sulle caserme. Forse hanno semplicemente preso atto che una bozza di protocollo d’intesa c’è già, l’hanno ereditata”.
Replica l’assessore all’Urbanistica Andrea Pezzotta: “Qui non c’è il desiderio di prendersi meriti degli altri. Nessuno vuole negare che la pratica è stata istruita dalla precedente Amministrazione. Ma in questo primo periodo di lavoro abbiamo messo a punto alcuni particolari, limato cose che non andavano e ora il protocollo è pronto. Deve passare in Giunta prima di eventuali firme e ufficializzazioni. Ci sarà una migliore definizione della percentuale che il Comune otterrà da tutta l’operazione”.
Resta fuori dalla partita di cui si parla l’ex carcere di Sant’Agata, in Città Alta, colpito di recente dal parziale crollo della torretta di controllo. “Nel documento che va in Giunta non si parla di Sant’Agata – conferma Pezzotta -. Ma la nostra intenzione sarebbe riuscire ad includere anche quella partita”. “Quindi si porta un protocollo d’intesa in Giunta nel quale Sant’Agata non c’è, ma allo stesso tempo si dice che la si vorrebbe includere – critica Macario -. Si fa prima a dire che la strada scelta in precedenza era quella giusta. Tenere separate le due partite; caserme da una parte e Sant’Agata, da legare al Carmine, dall’altra”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Diego

    Per TiZiAnO – La maggior parte delle attività dei due ex in questione stà proseguendo con la nuova amministrazione, con una continuità stupefacente. Il problema è se i nuovi amministratori sarebbero mai stati in grado di avanzare soluzioni e proposte così brlllanti? Infatti il fatto che li abbiano mandati a casa dimostra solo l’atteggiamento ideologico e idiota degli elettori bergamaschi, taci che è meglio.

  2. Scritto da Valter Grossi

    Non vedo ragione per arrabbiarsi, la pratica era matura e durante la fase di approntamento del PGT è stata ulteriormente affinata(incontri tecnici).
    Si è solo scontata una certa dispersione di tempo per la tornata amministrativa, che purtroppo ha condizionato la disposnibilità del Ministero (Tremonti) a chiudere (solita partigiamneria politica).
    Jannone ne è la corrente essendo stato a suo tempo da me sollecitato ad intervenire.
    Tutto bene quel che finisce bene!

  3. Scritto da Valter Grossi

    S.Agata segue un iter a parte perchè era una pratica già aperta con un annoso contenzioso, brillantemente risolto da Macario.
    La sue destinazioni urbanistiche sono comunque gà definite in accordo col Demanio all’interno di un Programma Speciale per Città alta comprendente anche il Carmine.

  4. Scritto da - TiZiAnO -

    Macario: ottimo lavoro
    Bruni: ottimo lavoro
    risultato: VI HANNO MANDATO A CASA!!

    eh… già…. colpa di Tremonti…. maledetto Tremonti…..

    dai Grossi, avete lavorato talmente bene che molti assessori uscenti (anche tu) siete rimasti fuori dal consiglio comunale….. ed ora fate i saggi e i professorini…. un po’ di amor proprio Grossi e un po’ di umiltà non farebbe male ogni tanto