BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cassa integrazione in Lombardia: Bergamo in testa

"Dall'inizio dell'anno sono 21 le aziende lombarde che hanno chiuso e 1.200 i dipendenti che hanno perso il posto di lavoro". Il settore metalmeccanico spiega il segretario della Fim Cisl Lombardia Nicola Alberta, in regione ?? colpito sempre pi?? duramente, con "un quarto dei lavoratori in cassaintegrazione o mobilit??".

Più informazioni su

"Dall’inizio dell’anno sono 21 le aziende lombarde che hanno chiuso e 1.200 i dipendenti che hanno perso il posto di lavoro: noi temiamo che nel prossimo semestre questi dati possano triplicare". Il settore metalmeccanico, come ha spiegato il segretario generale della Fim Cisl Lombardia Nicola Alberta, in regione è colpito sempre più duramente, con "un quarto dei lavoratori in cassaintegrazione o mobilità".
Secondo il 26° rapporto Cisl presentato mercoledì 29 luglio mattina, sono 4.412 le aziende in difficoltà, contro le 971 di sei mesi fa (+354%) mentre gli operai coinvolti sono passati da 49.033 a 137.989 (+181%). In forte aumento la cassa integrazione ordinaria, cresciuta del 338 per cento per le società e 175 per cento per i lavoratori, e ancora di più quella straordinaria (+967% e +344%). "Questo dato – ha commentato Alberta – è allarmante perchè può essere l’anticamera del licenziamento, una volta terminato anche questo ammortizzatore sociale".
Nella localizzazione geografica della crisi, Bergamo conquista, suo malgrado, il vertice della classifica con il 21 per cento degli interventi di cassa integrazione attivati negli ultimi sei mesi; a seguire Milano (17%), la Brianza (11%), Brescia (11%) e Varese (9%). Per contrastare il fenomeno, conclude il segretario regionale Fim, servono tre interventi: "Vanno attuate politiche pubbliche di sostegno all’accesso al credito, va tutelata l’occupazione con i contratti di solidarietà e attivata una politica di progettazione del territorio da parte degli enti locali per supportare strategie di rilancio per le aziende".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.