BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Superstrada seriana, quei semafori sporchi di fango…

Una turista scrive dei semafori agli ingressi delle gallerie lungo la superstrada della Valle Seriana: "Non funzionano mai e in caso di emergenza non servirebbero. Sono ricoperti da fango e polvere".

Più informazioni su

Buongiorno,
come d’abitudine, frequentando spesso la superstrada Nembro-Cene per motivi turistici, da e per la Valle Seriana, mi sono trovata anche stamattina a fare una considerazione sulle due gallerie che si incontrano (oltre a quella di Montenegrone, che abitualmente non percorro).
A parte riscontrare un notevole numero di automobili che non rispettano né i limiti di velocità né le doppie strisce, e che vi transitano senza accendere i fari (accenderli è un obbligo non solo in galleria, ma anche sulle strade extraurbane): non ho mai visto controlli, eppure quelle gallerie le ho percorse tante volte.
Ma a parte questo vorrei porre l’accento sui semafori posti all’ingresso delle gallerie stesse. Essi dovrebbero essere uno strumento d’elezione per regolamentare gli ingressi, e soprattutto per fermare le auto fuori dal tunnel, in caso di incidente. Ebbene, un buon funzionamento credo debba prevedere un verde in caso di perfetta agibilità, un giallo in caso di attenzione, un rosso in caso di stop. Sembra ovvio, ma non è così.
Andate a vedere i semafori: sono completamente spenti (illo tempore…) e soprattutto letteralmente ricoperti da fango e polvere, al punto che ritengo rimarrebbero completamente invisibili anche in caso di accensione.
Ad oggi, viene da dire: a che pro sono stati collocati? Perché la manutenzione non viene compiuta? Perché non vengono ripuliti e soprattutto messi in funzione? E se accadesse un grave incidente per mancata segnalazione? Di chi sarebbe la responsabilità? Soprattutto: nessun addetto ai lavori si è accorto che non funzionano praticamente da sempre? Sarei lieta di avere qualche risposta.

Grazie per l’attenzione e un cordiale saluto

Carmen Ansi
Lodi
car.an@virgilio.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pendolare della neve

    in condizioni di traffico regolare, specie nei weekend, il limite ridicolo di 70 orari non è nemmeno raggiunto , perchè c’è sempre qualcuno che che scambia la superstrada per il parchèggio del supermercato, mantenendo andature da cicloamatore fuori allenamento.
    Non lamentiamoci se la doppia linea continua non viene rispettata.

  2. Scritto da cris

    Caro pendolare della neve, se hai pruriti da pilota di Formula 1, vai (o resta) a Monza. In galleria si deve viaggiare a non più di 70 all’ora e spero che chi fa il gradasso si becchi delle belle multe!

  3. Scritto da Pendolare lavoro

    La velocità di questo sentiero ( è ridicolo chiamarla superstrada) è talmente bassa che ti devi fare ore di code per tornare a casa la sera da fuori BG, e per chi come me fa circa centodieci km solo al ritorno, il trovarsi in colonna in Val seriana per i limiti di cinquanta e settanta rende la vita da pendolare veramente insopportabile. Oltre ai limiti ci sono i turisti dei centri commerciali che fanno colonna risalendo a velocità da lumaca. Non dico di superarle, ma almeno mantenerle! Grazie

  4. Scritto da lem

    dorse è più ridicolo chiamarla “superstrada”: così gli Shumacher di turno pensano di essere sul circuito di Monza. Questa strada è nata vecchia, o non si poteva fare di più? Una “superstrada ” a due corsie totali (con qualche innesto veramente azzardato) non può essere percorsa a velocità supersonica. Le code sono inesorabili. Se non si vuole farle, basta prendere la vechcia strada, ora è spesso libera…

  5. Scritto da Paolo

    perfettamente d’accordo,il più delle volte i limiti non vengono rispettati,nel senso che dove c’è il 70 km/h un sacco di gente va a 50 Km/h quando va bene! questi signori dovrebbero imparare a prendere le strade secondarie se non si sentono in grado di andare un pochino più sveltini…
    tralasciamo poi commenti sugli over 70 di come circolano bene sulla strada….

  6. Scritto da cris

    Pendolare lavoro, il problema secondo me non è il fatto che le persone rispettano la max velocità consentita, ma che questa strada è nata già inadeguata per la mole di traffico che deve sopportare oltre che per la presenza di veri e propri “imbuti” che si potrebbero sistemare: vedi zona Cene, in prossimità del ponte “Olsa”. Se una strada è inadeguata non è aumentando la velocità a scapito della sicurezza (soprattutto in galleria) che si risolve il problema.

  7. Scritto da lem

    devo notare che si parla solo di velocità. Ma siamo partiti per commentare la mancanza di sicurezza, o no?Mi sembrava questo il fulcro della lettera. E’ significativo notare invece che il solo problema di qualcuno è non poter andare più forte. C’è da meditare.

  8. Scritto da cris

    Appunto ….

  9. Scritto da per paolo

    paolo, pensi solo a correre?pensi che bisogna sempre andare ai limiti? anche se lavori, e sei un pendolare, guarda che non è correndo che si arriva prima. e se qualcuno va a 50 anziché a 70, perdi solo pochi minuti.A volte correndo troppo non si arriva affatto. Li leggi i giornali? Le vedi le TV? Non ti basta?

  10. Scritto da pendolare della neve

    pruriti da formula 1? sicurezza? …ma che c’entra? 1 superstrada , in quanto tale è concepita per andature superiori ai 50-70 orari (fatto salvo alcuni tratti segnalati). Non dico di certo di sfrecciare a 150, ma 80-90 mi sembra una velocità ragionevole, infatti nel tratto Gazzaniga-Casnigo il limite è 90. Sicurezza vuol dire mantenere le distanze, non viaggiare a rilento

  11. Scritto da SAM

    ..credo che nessuno di coloro che fino ad ora si è lamentato degli stretti limiti pensi ad una galleria come ad una pista ma effettivamente il tratto permetterebbe di alzare il limite perlomeno a 90 km orari onde evitare di addormentarsi al volante visto che con il limite a 70 km orari qualcuno viaggia a 50 kmh di contachilometro vale a dire 45 km/h effettivi!!!!…(p.s. non ci sono autovelox!)..
    …sul divieto di sorpasso concordo…
    p.s.2 i semafori all’occorrenza si attivano

  12. Scritto da per sam

    quando c’è coda, alza i limiti quanto vuoi ma puoi solo incalzare inutilmente quello davanti (come succede da parte dei maleducati) e sorpassare anche dove non si può (come fanno gli irrispettosi del codice). Quando non c’è coda (di notte?) non ce n’è uno che vada entro i limiti , ma neanche a novanta all’ora! I semafori all’occorrenza si attivano? Tu pensi che si vedano se sono infangati?

  13. Scritto da SAM

    ..è scontato e superfluo indicare che se c’è coda è inutile incalzare la vettura che ci precede ;o)…ho anche ribadito che ove è posta la doppia linea continua non si sorpassa tanto è più vero in una galleria ma a maggior ragione sulla nuova strada della valseriana spacciata per “superstrada” che presenta diversi punti pericolosi…ciò non toglie che il limite dei 70kmh è semplicemente ridicolo…da ultimo se i semafori fossero infangati ok ma l’ultima volta che ho transitato non erano tali

  14. Scritto da lem x sam

    l’ultima volta che sei passato? quando? io ci sono passato un’ora fa…e quel che è scritto nella lettera è vero

  15. Scritto da SAM

    ..ho transitato da lì una settimana e mezza fa circa…non ho notato che i semafori fossero così sporchi….mettete in mora la Provincia!