BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Commissioni scontro incrociato su De Canio e Paganoni

Sulle commissioni consiliari a Palazzo Frizzoni gli accordi tra Pdl e Lega Nord reggono senza alcun problema. Al momento dell'elezione di Enzo De Canio (Pdl), Pd, Verdi e Lista Bruni lasciano l'aula: "E' vicino ai movimenti di estrema destra". La maggioranza replica ulla commissione trasparenza.

Più informazioni su

Sulle commissioni consiliari permanenti a Palazzo Frizzoni gli accordi tra Pdl e Lega Nord reggono senza alcun problema. Al momento dell’elezione di Enzo De Canio (Pdl) alla presidenza della quarta, però, Pd e Lista Bruni hanno lasciato l’aula in aperta polemica, dopo una dichiarazione unitaria di Carolina Marchesi (Pd): "E’ una candidatura che ci trova assolutamente contrari, data la vicinanza di Enzo De Canio ai movimenti di estrema destra. E’ un paradosso, soprattutto se pensiamo alla candidatura di Bergamo come capitale europea nel 2010". Dopo l’elezione, avvenuta a pieni voti da parte della maggioranza e con l’astensione di Beppe Mazzoleni (Udc), il neo presidente di commissione ha dichiarato: "Sono un vecchio militante della destra italiana. Ho avuto un mio percorso sul quale non sputo. Sono forse altri che dovrebbero vergognarsi del loro percorso politico iniziale".
La maggioranza ha giudicato l’atteggiamento del centrosinistra, "inammissibile e vergognoso", secondo il consigliere del Pdl Roberto Chiorazzi. E qualcosa è quindi accaduto al momento del voto per il presidente della commissione Trasparenza, dove c’erano in corsa Simone Paganoni (Lista Bruni) e Beppe Mazzoleni (Udc). Durissime le parole di Chiorazzi, in tutta risposta alla presa di posizione di De Canio: "Paganoni è malato di protagonismo e non ci dà garanzie di equilibrio alla presidenza della commissione. Mi chiedo se i consiglieri che hanno lasciato l’aula sulla commissione di De Canio in quella commissione siederanno ancora…".
Al momento dell’elezione alla presidenza della commissione Trasparenza, solo con i voti del centrosinistra e dell’Udc perchè Pdl e Lega hanno lasciato l’aula, Simone Paganoni ha parlato di un possibile avvicendamento con Beppe Mazzoleni, in futuro.
Il tutto al termine di un pomeriggio che era iniziato tranquillamente, con l’elezione alla presidenza della prima commissione Maurizio Allegrini (Lega Nord), della seconda Luciana Frosio Roncalli (Lega Nord), della terza Stefano Lorenzi (Pdl).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo

    De Canio ha esperienza culturale e capacità amministrativa: è la persona giusta al posto giusto

  2. Scritto da Antifascista

    To i difensori d’ufficio di FN Bergamo a dimostrazione che Di Canio con FN non ha nulla a che fare, oppla.

  3. Scritto da Luca

    Il professor Enzo De Canio è un’ottima persona nonchè un favoloso insegnante e storico. I voti che ha raccolto sono stati sudati e non raccattati. Ma sapete quant’è dura una campagna elettorale?!130 voti sono un gran risultato, soprattutto partendo dalle sue posizioni del passato e dai pregiudizi che potevano esserci. Faccio il mio in bocca al lupo al nuovo presidente di commissione, il Professor Enzo De Canio.

  4. Scritto da pignolo

    ma perche’ si èarla di decanio senza conoscerne le idee ? decanio e’ un convinto monarchico, il 25 luglio sarebbe stato col re contro musoline e dopo l’8 settembre avrebbe combatttuto i tedeschi e i fascisti della rsi. non ha niete a che vedere co l’ultradestra, se non per una curiosita’ intellettuale che gli impedisce di non approfondire culturlmente tutte le posiziioni. e’ un gentiluomo, onestoecorretto. le affermazioni della marchesi in commissione sono indegne. la sin non ha piu’ argomenti

  5. Scritto da FNBERGAMO

    C’è ancora troppa gente che con manie di protagonismo si elegge a difensore della democrazia senza che nessuno lo abbia minimamente incaricato di farlo

  6. Scritto da Bobbisolo

    Pignolo ma chi sei tu? Nostradamus all’incontrario? Il tuo discorso è insensato. De Canio per il peso politico della sua corrente ha una carica troppo alta.

  7. Scritto da marilena

    per pignolo: scusa il mio limite,ma non ho capito cosa gli impedisce la curiosità intellettuale. Forse vuol dire che studia la storia sia da destra che da sinistra? Cioè vuol dire che lui non è di destra? Che confusione, non è stato chiamato a testimoniare per la strage di brescia?

  8. Scritto da Controninfo

    Di Canio non ha un percorso nella destra radicale, è uno della destra radicale,. Infatti era presente (dice lui in veste di giornalista) anche all’innaugurazione della sede bergamasca di Forza Nuova. Suo l’unico commento, positivo, riportato anche sul sito di FN Bergamo sui fatti di quel giorno..
    Questa è la destra che governa Bergamo, auguri.

  9. Scritto da Popi

    sono d’accordo con 7 anche se nel merito non so se quello che dice delle commissioni e circoscrizioni è vero o no
    svegliaaaaaaaaaaaaaa…… i partiti quando devono spartirsi le poltrone se ne fregano di quanto uno è di destra, di sinistra etc. etc ragionano per accontentare questa o quella corrente, questo e quel personaggio….
    mettono uno di AN qui così AN non rompe di la mettono uno di CL qui così CL non rompe la mettono uno della Lega qui così la lega non ricatta di la…

  10. Scritto da Bob

    Il guaio non è che De Canio sia di destra ma il fatto che subentrato in Consiglio sia diventato con soli 130 voti raccattati,presidente di Com.in forza della quota del 30% recriminata da An.

  11. Scritto da conte statario

    caro Bob.. quelli che a te sembrano “soli 130 voti”, per molti assessori uscenti della giunta Bruni sono rimasti un miraggio..lontanissimo da raggiungere!

  12. Scritto da bob 2

    perchè non si fa alcun accenno di come è avvenuta l’elezione di paganoni a presidente della commissione trasparenza?

  13. Scritto da alen

    i 130 voti di De Canio sono sicuramente voti sudati e duri da conquistare viste le sue posizioni “radicali” molti altri non hanno nemmeno avuto il coraggio di candidarsi e si sono accomodati in poltrona da ssessore con ZERO voti presi.
    Altri sono assessori con 70 voti…. quindi non scandalizzatevi per De Canio che di certo non porterà il “fascismo” a Bergamo!!!

  14. Scritto da Bob

    Mi spiego : an è una corrente piccola di Pdl.Ma è sopradimensionata.Questo è il malcostume; non ha voti però strilla per avere ed ottiene cariche istituzionali.La posizione di DiCanio è simile a quella di Minuti e di Tentorio

  15. Scritto da un giovane dentro

    era ovvio che ci fosse una presidenza di commissione ad un ex an…. an ha rinunciato ad una presidenza di circoscrizione a favore dei 2 giorvani ex FI e quindi ha preteso una presidenza di commissione che sarebbe stata ancora di un ex FI…. così an è soddisfatta e forza nuova avendo un “amico” in una posizione “comoda” è più tranquilla e quieta.

  16. Scritto da Antifascista

    x un giovane dentro, mincia Cencelli chi era costui. Ma non si parlava delle capacità de del merito.

  17. Scritto da il contromoralizzatore

    Paganoni divenuto celebre per l’annuale pubblicazione delle presenze e degli interventi dei consiglieri per 5 anni si è limitato a fare il ragioniere appunto delle presenze…. Bene in un mese, da quando la giunta Tentorio si è insiediata, non perde occasione per architettare ogni tipo di accusa… mi domando come possa aver appoggiato Bruni e suoi sprechi dato che le commissioni costavano anche prima e le consulenze non si risparmiavano…. come mai caro Simone? hai bisogno di visibilità?