BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Blitz degli agricoltori alle frontiere e ai porti

Sono quasi centomila gli agricoltori che hanno lasciato le campagne e si sono uniti alla mobilitazione della Coldiretti a difesa del Made in Italy dal campo alla tavola che si è estesa a tutte le frontiere, ma anche ai principali porti di sbarco dei prodotti agricoli stranieri

Più informazioni su

Sono quasi centomila gli agricoltori che hanno lasciato le campagne e si sono uniti alla mobilitazione della Coldiretti a difesa del Made in Italy dal campo alla tavola che si è estesa a tutte le frontiere, dal Brennero al Tarvisio, dal Frejus fino alla dogana di Ventimiglia, ma anche ai principali porti di sbarco dei prodotti agricoli stranieri, da quello di Ravenna a Brindisi, da Ancona a Palermo, fino a Salerno.
È la stessa organizzazione agricola a dare conto dell’esito della protesta realizzata per rivendicare il diritto dei cittadini di conoscere il contenuto reale di ciò che mangia. Blitz degli allevatori anche negli stabilimenti di lavorazione della grande industria che trattano prodotti provenienti dall’estero come la Lactis di Albano S. Alessandro in provincia di Bergamo e Carnini di Villa Guardia in provincia di Como, entrambe del gruppo Parmalat, e Lat-Bri di Usmate Velate in provincia di Monza-Brianza. Produttori di frutta, vino, ortaggi, cereali e olio di oliva sono scesi al fianco degli allevatori con centinaia di trattori all’arrembaggio dei principali porti per difendere le coltivazioni Made in Italy.
Gli agricoltori della Coldiretti chiedono l’obbligo di indicare la provenienza in etichetta per tutti gli alimenti e maggiori controlli sui prodotti stranieri dei quali deve essere resa nota la destinazione, per combattere la speculazione che fa aumentare la spesa degli italiani mentre nelle campagne i prezzi sono crollati. "La spesa per i consumatori aumenta, ma i prezzi in campagna sono crollati", "il grano cala e la pasta aumenta", "stop alle truffe del falso olio Made in Italy", "in 24 ore i prezzi delle pesche aumentano di dieci volte dal campo alla tavola" sono alcuni degli slogan gridati dai manifestanti che si dicono pronti a proseguire ad oltranza la mobilitazione promossa dal presidente nazionale Sergio Marini e denominata "operazione verità sul Made in Italy".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cecco

    attenzione..arrivera quello che vi accuserà di “razzismo” e “xenofobia”