BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Vistalli e Juarez, staffetta d’argento agli Europei

Grande medaglia d'argento per i Marco Francesco Vistalli e Isalbet Juarez nella 4x400 agli Europei under 23 di Kaunas. Il numero uno italiano della stagione e l'italo-cubano hanno trascinato gli altrettanto bravi Domenico Fontana e Matteo Galvan sul secondo gradino podio.

Più informazioni su

Grande medaglia d’argento per i Marco Francesco Vistalli e Isalbet Juarez nella 4×400 agli Europei under 23 di Kaunas. Il numero uno italiano della stagione, già sesto nella gara individuale, e l’italo-cubano, che aveva il dovere di riscattare la deludente prestazione individuale, hanno trascinato gli altrettanto bravi Domenico Fontana e Matteo Galvan sul secondo gradino podio, a soli 5 centesimi dal titolo continentale, negatoci dal quartetto polacco: 3’03"74 contro il 3’03"79 degli azzurri, che per mezzo secondo hanno mancato il minimo per i Mondiali assoluti di Berlino. Una prova maiuscola, che ha permesso all’Italia di mettersi alle spalle fior di formazioni, a cominciare dalla Francia, bronzo con 3’04"06. Vistalli in prima frazione ha fatto il suo, considerato che, avendo centrato la finale individuale ed essendo quindi alla quinta gara in quattro giorni, era il più stanco dei quattro. Cronometrato in 47"07, ha dato il testimone a Juarez, che ha coperto il suo giro in 46"18 tenendo molto bene. Poi Fontana ha corso in 44"99 e Galvan si è superato volando in 44"49, ma purtroppo non è bastato per tenersi la Polonia alle spalle. Fatali gli ultimi metri, quando l’azzurro s’è visto superare da Jan Ciepiela, bronzo individuale e forte di un personale di 45"81. Niente medaglia, invece, per Marta Milani nella stessa gara femminile. Serviva peraltro un’impresa miracolosa per acciuffare il podio, sul quale sono salite, come da pronostico, le imbattibili russe (3’27"59) davanti a tedesche (3’29"21) e bielorusse (3’30"45), che per una manciata di centesimi hanno tolto il bronzo alle ucraine (3’30"78). Marta ha chiuso in quarta frazione, dopo le prove di Sirtoli, Bonfanti e Varisco, facendo fermare il cronometro a 3’32"92: tempo del tutto onorevole, che è valso alle nostre il quinto posto.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.