BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Truffava gli immigrati promettendo il permesso di soggiorno

Un 63enne di Bergamo prometteva di sveltire le pratiche vantando conoscenze in Questura. Ma un boliviano ha fiutato l'inganno e ha avvisato gli agenti, che si sono presentati all'appuntamento per la consegna del denaro: l'uomo chiedeva 1500 euro come ricompensa.

Più informazioni su

Prometteva agli extracomunitari di aiutarli a sveltire le pratiche per il rilascio del permesso di soggiorno, ma è stato smascherato dalla polizia che l’ha denunciato per truffa e millantato credito. C.Z.G., 63 anni di Bergamo, sbarcava il lunario ingannando gli stranieri: almeno una la vittima accertata, mentre una seconda ha sentito puzza di bruciato e ha avvisato la polizia, che si è presentata all’appuntamento per la consegna del denaro. Sabato mattina, poco dopo le undici, C.Z.G. aveva fissato un incontro con un boliviano di 43 anni, che da due anni era in attesa del permesso di soggiorno. Il sedicente mediatore gli aveva garantito di sveltire i tempi, vantando una conoscenza all’interno dell’ufficio immigrazione della Questura. Costo della sua "intercessione", 1500 euro. Alla Malpensata doveva esserci il versamento dei primi 500 euro, ma il boliviano ha capito l’inganno e ha avvisato la polizia, che ha atteso al varco C.Z.G. fermandolo poco dopo con la busta in mano. In macchina aveva persino la ricevuta da consegnare al boliviano. L’uomo si è giustificato dicendo di voler aiutare sinceramente l’immigrato, e di aver ricevuto la somma "senza impegno".
Lunedì mattina sul suo conto si è aggiunta un’altra denuncia: quella di una boliviana che, invece, aveva decisamente abboccato, versando 1050 euro per il suo permesso di soggiorno. Dopo aver atteso invano novità circa la sua pratica, per nulla accelerata, anche lei si è rivolta alla polizia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.