BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Pigna regala il Superenalotto: chi vince divide

Il presidente Jannone regala ai 430 dipendenti una schedina a testa. "Un augurio per l'estate, non potevcamo lasciarci sfuggire un foglietto..." Con un'avvertenza: in caso di vincita si far?? a met?? con l'azienda.

Più informazioni su

«Pigna è leader dal 1870 della cartotecnica europea, conta complessivamente nel mondo su circa
650 dipendenti e vanta un fatturato consolidato di circa 110 milioni di Euro. Fabbrichiamo da 140 anni milioni di quaderni e migliaia di tonnellate di carta e non potevamo perderci un foglietto… che può valere da solo come tutto il nostro fatturato». Giorgio Jannone, presidente e amministratore delegato della Pigna S.p.A., ma anche deputato da quattro legislature, spiega così la forma di saluto scelta «con l’approssimarsi della chiusura estiva».
«Abbiamo pensato – spiega il deputato Pdl – di fare un piccolo dono augurale ai dipendenti italiani del gruppo, divisi tra i 344 della sede di Alzano Lombardo, in provincia di Bergamo, e gli 86 dell’unità produttiva di Tolmezzo, in provincia di Udine».
Ovvero, 430 schedine del ‘Superenalottò, una per ciascun lavoratore, appunto, con una formula ‘creativà di compartecipazione tra impresa e dipendente. «L’eventuale vincita – precisa infatti Jannone – sarà divisa a metà tra il nostro lavoratore e l’azienda».
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cuìn

    5, sono allegrissimo, quindi posso prendere in giro l’iniziativa e chi l’ha pensata, no? essere un po’ meno musoni? l’avesse fatta, che so, l’ing. de benedetti, cosa avrebbe pensato?

  2. Scritto da Mirko Isnenghi

    Si! Ma la brioche la non arrivò mai. E se la vincita arrivasse???
    Ci sarebbero solo elogi al posto dello scherno. Ma purtroppo in Italia anche una simpatica iniziativa estiva, che serve a placare le ansie di un futuro incerto, è motivo di critica. Vogliamo mettere una volta per tutte da parte la tristezza e accettare con ottimismo ciò che il futuro ci riserva? Poi una vincita sarebbe di giovamento per tutti lavoratori dell’azienda. In tempi che ognuno pensa a se stesso…..

  3. Scritto da giannicameroun

    Che facciano milioni di quaderni ci credo, ma come fanno a fare migliaia di tonnellate di carta se hanno chiuso la CARTIERA?

  4. Scritto da lauro

    Perché non investire dando azioni ai lavoratori di modo che si sentano partecipi del destino dell’azienda!

  5. Scritto da Pigna Fruits

    Iniziativa simpatica, che denota ancora una volta le capacità a livello di promozione e comunicazione da parte dell’ on. Jannone.
    Sulle qualità imprenditoriali, invece, stendiamo un velo pietoso. La Pigna nel giro di 10 anni sarà scomparsa o sarà trasformata in un centro commerciale…con buona pace della sua tradizione ultrasecolare

  6. Scritto da walter

    A me pare una trovata simpatica…daltronde la crisi c’è x tutti…mica e colpa della solo dirigenza pigna

  7. Scritto da marilena

    l’utimo reddito dichiarato di Jannone: 616.000 euro|

  8. Scritto da Felice Motta

    “Dategli le brioches” diceva Maria Antonietta ai francesi affamati….

  9. Scritto da cuìn

    fa molto achille lauro!

  10. Scritto da marilena

    Spero che qualche dipendente abbia rifiutato un contentino(la brioche come bene ricorda felice)del genere. Uno che si comporta così probabilmente pensa di poter contare sulla perdita di ogni dignità da parte dei lavoratori. Su la testa, gente!

  11. Scritto da money

    che trovatona! manco fa un regalo che subito dice “Facciamo a metà”.