BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Scampanelliamoli”, la protesta in bicicletta

Sabato 18 Luglio alle 17 davanti al Comune di Bergamo parte l'iniziativa "Scampanelliamoli": le ragioni dei ciclisti urbani a difesa delle piste ciclabili, delle zone 30 e delle Zone a Traffico Limitato.

Più informazioni su

Sabato 18 Luglio alle 17 davanti al Comune di Bergamo parte l’iniziativa "Scampanelliamoli": le ragioni dei ciclisti urbani a difesa delle piste ciclabili, delle zone 30 e delle Zone a Traffico Limitato. Seguirà un giro scampanellante per la città con aperitivo finale. Una protesta a suon di campaneli a bordo delle due ruote a pedali che segue le dichiarazioni della nova Giunta Tentorio, in particolare dell’assessore Gianfranco Ceci il quale ha annunciato la volontà di abolire due piste ciclabili in centro città: quella di viale Papa Giovanni e quella di viale Giulio Cesare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maurizio

    Concordo pienamente con quanto scritto dal n°3.Uso la bici sia per lavoro che per divertimento ma, visto che le piste ciclabili sono in comune con i pedoni , che regole vigono in caso di incidente ? Che sicurezza c’è quando a percorrerle ci sono bambini che credono di avere uno spazio tutto loro oppure persone che quando escono dal portone di casa , pur essendo su un marciapiedi , dovrebbero guardar bene a desta ed a sinistra ? Ma che scampanellino pure !

  2. Scritto da Cesare Liguori

    sicuramente le piste ciclabili sono utili e servono; ma devono avere una logica. Vorrei sapere dai ciclisti come si fa a considerare pista ciclabile quella di viale Papa Giovanni; termina direttamente sulla fermata dell’autobus. Non può chiamarsi pista ciclabile 300/400 mt. di spazi alle stesse riservate. La nostra città ne offre paricche di questi esempi
    ci vuole pertanto logica nelle opere pubbliche, soprattutto le più piccole; ogni ulteriore commento è superfluo.

  3. Scritto da Manuela

    Lo slogan delle elezioni del Sindaco Tentorio annunciava una città più bella….Se tolgone le piste ciclabili e le biciclette che sono fra l’altro mezzi non inquinanti la città vi pare più bella?

  4. Scritto da felicemotta

    anche su fb c’è un gruppo in difesa delle piste ciclabili

  5. Scritto da Parsifal

    Ci vorrebbero un po’ di Critical Mass organizzati a dovere. Possibile che questa amministrazione cominci prendendosela con le fasce più deboli della viabilità, ossia le biciclette?
    Ma quando mai vieteranno le strade ai suv, o avranno il coraggio di chiusure nette del centro?? Come si fa a non pensare che quella di via Papa Giovanni non sia una sorta di sdebito verso i commercianti del viale? Alla viabilità quella ciclabile è solo comoda. Questo è ragionare per la salute dei cittadini?

  6. Scritto da karajan

    CHE BELLOOOO!!!!!! CI SARO’