BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sgarbi e Valentina Cortese all’inaugurazione

Venerdì 17 luglio apre i battenti l’VIII edizione del Festival Internazionale del Cinema d’Arte – Premio Le Mura d’Oro. L’appuntamento inaugurale vede la partecipazione di tre grandi personaggi: Vittorio Sgarbi, Presidente di Giuria, Mario Donizetti e Valentina Cortese, Premio alla Carriera dell’edizione 2009 del Festival.

Venerdì 17 luglio, apre i battenti l’VIII edizione del Festival Internazionale del Cinema d’Arte – Premio Le Mura d’Oro.
Venerdì 17 Luglio l’appuntamento inaugurale alla sala Curò del museo di Scienze naturali "Caffi" vede la partecipazione di tre grandi personaggi: Vittorio Sgarbi, Presidente di Giuria, Mario Donizetti e Valentina Cortese, Premio alla Carriera dell’edizione 2009 del Festival. Il primo, grande esperto ed estimatore d’arte, un critico in grado di cogliere in pochi istanti le sfumature anche più nascoste di un’opera d’arte e di trasmettere con la sua dialettica e la sua passione ciò che si cela dietro un capolavoro. Il secondo uno dei più importanti pittori di Bergamo, celebrato in tutto il mondo e famoso per i vizi capitali da lui dipinti nonché per i numerosi ritratti realizzati a noti personaggi. E infine lei, diva per eccellenza, icona di uno stile e un’eleganza di altri tempi, sofisticata interprete del cinema internazionale che ha portato l’Italia oltre Oceano: Valentina Cortese.
Una serata in cui l’Arte e il Cinema raggiungeranno l’apice estremo della loro rappresentazione con la proiezione del film “Effetto notte” di François Truffaut. 
Personaggi che conferiranno guizzo e mondanità alla serata di domani e a tutti il festival in sé.
Si proseguirà su questa scia, in una escalation di speciali appuntamenti, sabato 18 luglio con “Visioni di Lombardia”, un evento nell’evento dall’aplomb unico. La Lombardia con i suoi paesaggi, le sue tendenze e i suoi tratti distintivi saranno i protagonisti assoluti: Massimo Zanello – Assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia, Vittorio Feltri – Direttore di Libero, Luca Viscardi – Direttore programmi di Radio Number One e Don Antonio Mazzi – Presidente della Fondazione Exodus metteranno a confronto le loro opinioni, raccontando aneddoti e curiosità legati alla Città di Milano. E quindi le evoluzioni di cui sono stati protagonisti o i fatti importanti ai quali hanno assistito in prima persona. A seguire, quasi a sancire lo spirito di questa serata, verrò proiettato il film “La vita agra” di Carlo Lizzani, ambientato in una Milano degli anni ’60 con un eccellente Ugo Tognazzi protagonista.
Una serata speciale che denota gli intenti del Festival, ovvero una particolare visione al globale senza però tralasciare uno sguardo sul locale, sposando così una filosofia per così dire glocal.
E se il Festival denota la sua attenzione all’internazionalità che internazionale sia. Domenica 19 luglio è la volta del Paese Ospite, quest’anno il Brasile. Un momento di confronto e dialogo tra due culture, lo si potrebbe quasi definire una sorta di gemellaggio in cui i due Paesi, Italia e Brasile, uno di fianco all’altro si incontreranno e metteranno in comune i loro punti di forza e contatto. 
Una serata in cui la cultura brasiliana si presenterà nelle sue peculiarità, con i suoi suoni, io suoi colori, le sue immagini e le sue tradizioni.
Ospite d’onore l’Ambasciatore Luiz Henrique Pereira da Fonseca Console Generale del Brasile a Milano: personaggio importante per sancire l’istituzionalità e il prestigio dell’appuntamento.
Presente anche Luciana Druzina, direttore del Festival di animazione di Granimado, una figura illustre dell’attività cinematografica brasiliana. 
Seguirà il momento di spettacolo con l’esibizione della Banda Berimbau, gruppo di percussioni brasiliane, che proporrà ritmi e danze di origine afro-brasiliana, dal tipico samba enredo di Rio de Janeiro fino ai ritmi suggestivi dei blocos afro di Bahia e del Nord-Est (samba-reggae, maracatù, ijexà, funky). Un gruppo che ha avuto l’onore di collaborare con grandi musicisti del calibro di Gilberto Gil. 
Il programma della serata proseguirà con la proiezione del film fuori concorso “Il dio nero e il diavolo biondo” di Glauber Rocha, un capolavoro della cinematografia brasiliana a firma di uno dei più grandi registi del secolo. Un tributo al cinema di questo Paese fortemente voluto e condiviso dai figli dello stesso Rocha, Joao e Paloma, che si sono dimostrati vicini all’organizzazione del festival esprimendo parole di consenso e ammirazione per un’iniziativa di questo tipo che promuove e mostra l’arte e la cultura brasiliana.  
Un festival che già nelle prime tre sere concentra lo spirito che lo anima e che motiva gli organizzatori nella sua realizzazione.
L’evento si svolge in Piazza Mascheroni dal 17 al 25 luglio alle 21.00.
L’ingresso alle serate è libero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Sgarbato

    Certo che mettere un pregiudicato come presidente di giuria è un po il colmo……