BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Cerchiamo di capire cosa è successo”

La Segreteria della Uil di Bergamo invita i preposti a una rapida disamina delle modalità di accadimento dell’infortunio, e ad una verifica più dettagliata del rispetto delle norme di sicurezza esistenti in cantiere.

Più informazioni su

La segreteria della UIL di Bergamo, esprime le proprie condoglianze alla famiglia di  Mario Soggiu morto nel pomeriggio di oggi nel cantiere del nuovo ospedale di Bergamo.
Sottolinea che purtroppo questo infortunio mortale si assomma agli altri 5 casi che si sono verificati in provincia di Bergamo dall’inizio dell’anno.
Il lavoratore che era al suo primo giorno di lavoro nell’area del nuovo ospedale di Bergamo, è stato vittima di una caduta in un luogo che doveva essere per lui come per altri lavoratori inaccessibile.
Così non è stato. Naturalmente sentiremo ancora una volta parlare di fatalità, di disattenzione, di responsabilità rimpallate tra committenza e subappaltatore, uno scenario a cui purtroppo corriamo il rischio di assuefarci.
Ed è proprio alla rassegnazione sull’inevitabilità degli infortuni che dobbiamo sfatare.
Occorre con franchezza ricordare che tutti gli infortuni sono prevenibili, se ognuno dei soggetti coinvolti nel processo produttivo, matura il concetto che la sicurezza deve diventare una componente essenziale nel modo di lavorare e di produrre.
Pertanto raccolte alcune ipotesi sulla dinamica dell’incidente la Segreteria della UIL di Bergamo invita i preposti ad una rapida disamina delle modalità di accadimento dell’infortunio, e ad una verifica più dettagliata del rispetto delle norme di sicurezza esistenti in cantiere.
Per la Segreteria UIL Bergamo
Marco Cicerone Segretario generale UIL Bergamo
Amerigo Cortinovis  Segreteria UIL Bergamo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.