BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Ok a 150 all’ora in autostrada, ma non deve dipendere dal tutor” E voi cosa ne pensate?

Per il direttore dell'Aci, Barbara Aguzzi, come per Ivanni Carminati, presidente dell'Associazione delle vittime della strada, l'innalzamento del limite ?? possibile, ma non deve essere legato alla presenza del tutor, bens?? alle condizioni della strada. Ma voi cosa ne pensate? Mandateci un commento.

Da Bergamo, in particolare dall’Aci e dall’Associazione vittime della strada, gli "esperti" del settore non si stupiscono e non si scandalizzano della proposta che ha fatto più scalpore nel codice della strada che sta per essere varato dalla Camera dopo aver passato l’esame delle commissioni parlamentari: la possibilità di viaggiare a 150 chilometri all’ora in autostrada laddove è presente il tutor, il dispositivo che controlla la velocità media del viaggiatore.
Per il direttore dell’Aci, Barbara Aguzzi, come per Ivanni Carminati, presidente dell’Associazione delle vittime della strada, l’innalzamento del limite è possbile, ma non deve esere legato alla presenza del tutor. Spiega Barbara Aguzzi: "Ci sono autostrade in Italia dove questo dispositivo non  c’è, penso alla Gravellona Toce, ma dove la carreggiata e ampia e il traffico è sempre assai limitato. Qui ritengo sia possibile portare il limite a 150 all’ora. Le opportunità di muoversi velocemente senza rischi sono legate più alla tipologia dell’autostrada che al controllo in questa Italia dove la rete delle infrastrutture viarie è decisamente variegata". Simile il ragionamento per Ivanni Carminati: "Molto è legato al buonsenso dell’automobilista, alle condizioni del tempo, alle condizioni della strada. Il tutor peraltro segnala la media, ragion per cui qualcuno potrebbe toccare i 170 all’ora magari dove il tratto è rischioso. Questo aumenterebbe i pericoli".
La revisione del codice è peraltro ben vista dai due interlocutori: "Ormai, si sa – spiega Barbara Aguzzini – l’effetto patente a punti sta scemando. Ci si abitua a tutto e dopo sei anni l’automobilista si è abituato anche al taglio del punteggio sulla patente. Perciò bisogna tener alta l’attenzione (è proprio la disattenzione causata dall’abitudine a creare rischi) di chi viaggia: ben vengano nuove norme che da una parte semplificano il codice e dall’altra costringono a muoversi pensando a quello che si sta facendo". 

LE NOVITÀ DEL CODICE  Multe a rate e foglio rosa a 17 anni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Zeno Albertini

    I 150 km orari sono raggiunti da una qualsiasi auto di piccola cilindrata. Addirittura i furgoni superano questa velocità. Vi sono oggi gli ABS-ESP-Ecc che praticamente riducono gli spazi di frenata nonchè la stabilità. Purtroppo in Italia oltre ai buonisti dobbiamo subire anche chi scambia una autovettura moderna con un asino! E’ il guidatore che deve usare il buon senso, non deve esserci sempre qualcuno che deve dirci cosa e come fare!!.

  2. Scritto da giorgio

    non sono per niente daccordo ! … 150 km/h sono davvero troppi !!!
    Ci sono molte altre strade dove andrebbero rivisti i limiti di velocità, magari quando esci da un paese su una strada che sembra un’autostrada e trovi il cartello di 30km/h … questo si che è assurdo !!!!

  3. Scritto da ORSO45

    Io sono favorevole.
    I limiti di velocità sistemano la coscienza del legislatore ma non l’incoscienza di quegli utenti che se ne fregano.
    Molti anni or sono non c’erano limiti in autostrada e gli incidenti erano di gran lunga inferiori semplicemente perché giravano meno automezzi.
    E’ preciso dovere di ciascuno guidare con prudenza e valutare i rischi dei propri comportamenti, non saranno nè i limiti nè i divieti a ridurre gli incidenti quando i cavalli del mezzo li conduce un somaro.

  4. Scritto da lucky

    Per il 10 http://www.cafenero.ilcannocchiale.it
    quello che dici sull’asfalto drenante non è vero guarda qui:
    http://www.autostrade.it/pdf/Sicurezza_WEB_Mid_Res.pdf
    Comunque ben vengano i 150 su alcuni tratti e quelli che viaggiano in 2-3-4 corsia a 80 all’ora fate un piacere all’umanità state a casa vostra.

  5. Scritto da corti-novis

    Una sola risposta… ci saranno più incidenti…… ripassare la tabellina delle frenate di colpo per vedere quanti metri dura una fenata da 150 all’ora.

  6. Scritto da pm

    aumenteranno gli incidenti, i consumi e l’inquinamento.
    130 all’ora non sono poi pochi, aumentarli mi pare francamente poco intelligente.

  7. Scritto da A4

    in Germania l’80% delle autostrade non prevede limiti…dove ci sono e’ perche oggettivamente richiedono una guida piu’ prudente…c’e’ una bella differenza tra la milano- venezia…praticamente un rettileneo…e la Serravalle o la Cisa indubbiamente piu’ pericolose….150 all’ora mi sembra un limite giusto a secondo della tratta

  8. Scritto da Felice Motta

    Mi sembra la solita incapacità italiana di controllare: tanto ormai sulle strade e autostrade tutti corrono.. tanto vale alzare il limite di velocità alla faccia della sicurezza e degli incidenti.

  9. Scritto da daniele

    mi sembra più che ragionevole adattare i limiti alle nuove autovetture: quando è stato fissato il limite a 130 non c’erano ABS, Airbag e dispositivi di frenata e controllo vari e le auto stesse erano meno sicure.
    è inutile da un lato investire in tecnologie innovative e dall’altro mantenere una normativa antiquata.
    (ad esempio: come si fa a tenere il limite a 90 sulla tangenziale di milano??)

  10. Scritto da paolino

    le auto e le infrastutture (o almeno alcune di queste) non sono più quelle di 30 anni fa, ma i limiti sono gli stessi… è ora di adeguarsi, siamo nel 2009…
    poi basterebbe che quelli che vanno a 90 Km/h si levassero dalla terza e quarta corsia e ci sarebbero meno rischi…

  11. Scritto da ciaocrem

    Invece di adeguare i limiti di velocità alle nuove tecnologie, sarebbe necessario usare le tecnologie per far rispettare i limiti.
    Basterebbe un limitatore di velocità su tutte le auto, che impedisca di superare i 140 km/h. Perchè si devono produrre auto che non si possono utilizzare? Spendendo capitali per produrre mezzi veloci, inquinanti, inutilizzabili, che inducono in tentazione. E quindi costi per i controlli, per gli incidenti, per le cure mediche,,, ma certo, così si alza il PIL !

  12. Scritto da Manicheo

    Era ora.

  13. Scritto da Imerio

    Vorrei ricordare che gli incidenti stradali sono una delle prime cause di morte in Italia e la velocità è una delle prime cause di incidente mortale. Ha senso aumentare il rischio di morte per guadagnare qualche minuto di tempo per andare da bergamo a Venezia? Consiglio all’Associazione vittime di cambiare presidente.

  14. Scritto da www.cafenero.ilcannocchiale.it

    Corti-novis , sull’asfalto drenante presente sui tratti stradali sorvegliati dal “Tutor” lo spazio d’arresto è più breve.
    Ci sta, il limite a 150, ci sta tutto.
    Piuttosto è stato inasprito giustamente il Codice per contrastare la guida in stato di ebbrezza specie da parte dei giovani.
    Un ottimo provvedimento.

    http://www.cafenero.ilcannocchiale.it

  15. Scritto da Siro

    Le zone dove è già presente il tutor sono già le autostrade pi nuove e meglio mantenute della rete.Quindi mi sembra ragionevole utilizzare il tutor come discriminante.Riprendendo il messaggio di Paolino, concordo che sono molto più pericolosi quelli che viaggiano in terza o seconda corsia quando le altre sono libere, per non andare nella “corsia della vergogna”.Per adesso non ho mai sentito di una decurtazione di punti a carico di questi…E non solo in autostrada ma anche nelle varie super…

  16. Scritto da GABRIELLA

    credo che chi possiede una vettura con ottimi requisiti, possa circolare anche a 150 all’ora perche’ le auto moderne hanno una notevole sicurezza ed e’ molto giusto poter viaggiare a questa velocita’, chi viaggia ogni giorno ha il sacrosanto diritto di poter arrivare a destinazione in un tempo ragionevole, nell’arco di un anno lavorativo sono ore di vita da poter condividere in societa’ e non su una strada, per cui ritengo molto ragionevole aumentare a 150/km orari la velocita’ in autostrada….

  17. Scritto da lavoratore

    Matematicamente parlando, sono sicuro che qualche lettore faccia parte di quella categoria che non occupa la corsia a destra più libera.
    Ora chiedo gentilmente a queste persone di volere esporre le ragioni che lo inducono a non occupare correttamente le corsie dell’autostrada.

  18. Scritto da un automobilista

    siamo seri 150 all’ora diventano 160 limite di 10 concesso,ma passiamoci sopra anche una fiat 500 nuova ci arriva .Il problema siamo noi ,me compreso,siamo cosi attenti quando guidiamo a velocità eccessive,telefonini,radio,giornali,merendine stress stanchezza ecc ecc ecc ,un esame di coscienza sarebbe opportuno la vita degli altri dovrebbe valere più della nostra.le multe chi ha i soldi le paga,i punti invece dovrebbero essere uguali per tutti,sbagli vai a piedi,se ci sta a cuore l’inqinamento!

  19. Scritto da maurizio

    Nelle 4 corsie il limite di 150 kmh sarebbe meglio dei 150 kmh con tutor per evitare appunto che qualcuno vada anche a 170 kmh
    Di notte da solo 8senza traffico) con le 4 corsie a 130 kmh si rischia di addormentarsi ben vengano i 150 kmh che erano stati promessi da molti anni.

  20. Scritto da diego

    chi ha il coraggio di chiamare esperti quelli dell’aci ? sono solo un’associazione che raccoglie soldi non curando minimamente gli interessi degli automobilisti .