BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La storia raccontata dalla gente del lago

Pi?? di 500 gli interpreti che il 18 luglio scenderanno in piazza a Sarnico, sul lago d???Iseo, per raccontare la storia millenaria della propria citt?? e delle citt?? che lo affiancano. ???Scior, Picaprede e Pescadur??? ?? il titolo dell'iniziativa.

Più informazioni su

Più di 500 gli interpreti che il 18 luglio scenderanno in piazza a Sarnico, sul lago d’Iseo, per raccontare la storia millenaria della propria città e delle città che lo affiancano.
“Scior, Picaprede e Pescadur” alla sua terza edizione continua ad essere una rievocazione che coinvolge tutta la gente del paese, tutti attori rigorosamente non professionisti con un’età compresa tra i 4 e gli 80 anni, per rimettere in scena con grande maestria e partecipazione quella che negli anni scorsi si è rivelata una magnifica rappresentazione teatrale.
Un evento che ricostruisce la storia di dieci secoli, scandita da esperienze e vicissitudini che hanno caratterizzato l’evoluzione del paese sul lago Sebino e non solo. Molti sono infatti i riferimenti al legame con il territorio: dal rapporto con la città di Venezia, nato nel Rinascimento per ragioni commerciali (alla città veneta Sarnico forniva infatti la biada per i cavalli), al legame con Milano, o addirittura con la Francia per un fortunato legame commerciale nella produzione di burattini la cui testa veniva prodotta proprio con la rinomata pietra di Sarnico.
Ma all’imponente rievocazione storica che già lo scorso anno aveva catturato l’attenzione di oltre 15.000 persone la terza edizione dello spettacolo affianca anche per questa edizione un altro elemento: la suggestiva processione di barche illuminate “Stella Maris” organizzata dall’Associazione Marinai, che grazie alle architetture di luci create appositamente dal regista Oreste Castagna, renderà la piazza e il lungolago un vero e proprio palcoscenico a scena aperta. Particolarmente proficua è stata la collaborazione con i barcaioli della zona: infatti chiuderanno lo spettacolo appena prima dei fuochi artificiali ben 11 naec di Montisola insieme a 3 naec di Tavernola Bergamasca.
Ideato, scritto e diretto da Silvia Barbieri, regista e drammaturga del Teatro Prova di Bergamo, lo spettacolo si articolerà nella “contrada”, il centro storico del paese, oltre che nelle vie e sul lungolago. Qui il pubblico potrà assistere alle 18 scene che evocano lo scorrere dei secoli oltre che alla processione: gli spettacoli verranno ripresentati continuamente, ogni 15 minuti.
Proprio l’inizio e il finale dello spettacolo si terranno direttamente sul lago dove gli spettatori potranno sistemarsi lungo le due sponde del Sebino per ammirare lo spettacolo pirotecnico conclusivo (organizzato dalla Pro Loco) che, sul lago, assume tutto un altro fascino.
"Scior, Picaprede e Pescadur- ha commentato Franco Dometti, sindaco di Sarnico – è un evento che ci rende orgogliosi sia per la capacità di mobilitare tutta la popolazione con un coinvolgimento al suo interno diverso ma parimenti attivo, sia per la sua natura di spettacolo teatrale di grande livello".
E in effetti coinvolti nello spettacolo (che ha ottenuto il patrocinio dalla Provincia di Bergamo e dalla Regione Lombardia) ci sono davvero tutti: dai semplici cittadini impegnati come comparse a cantanti, musicisti, sarti, costumisti, attrezzisti, e associazioni locali come una rinomata scuola di danza o i preziosissimi barcaioli locali. "Insomma – ha continuato il primo cittadino- da una manifestazione di paese abbiamo creato un evento culturale certamente di spessore che se da un lato fa conoscere anche ai più giovani le radici del nostro territorio dall’altro attraversa mille anni di storia toccando altre città, altri Paesi che in un modo o nell’altro avevano stabilito un legame con il nostro lago".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco

    Anche “piergi” è nome e cognome? Visto che siete la stessa persona.
    Vedi Youtube dello scorso anno.

  2. Scritto da sirimbelli stefano

    Per lo meno io metto nome e cognome sul commento

  3. Scritto da Achille Bellini

    Vorrei invitare il sig. “piergi” a documentarsi prima di sparare delle cifre.La manifestazione dello scorso anno è costata molto meno di quanto da lui indicato.Poi, vorrei rinfrescare la memoria dell’amico Stefano.Una decina di anni fa, ho partecipato più volte alla processione di barche, ma il mio referente era il compianto Paolo Giudici, che con i marinai non aveva nulla a che fare.Comunque invito tutti a collaborare per la buona riuscita della manifestazione, per il bene della nostra Sarnico.

  4. Scritto da sirimbelli stefano organizzatore Stella Maris

    A prescindere dai numeri relativamente erronei – Evidenzio alcuni punti per me abbastanza importanti: la processione della Madonna Stella Maris è giunta alla sua 39a edizione organizzata dal gruppo Marinai e non ha niente a che fare con la rappresentazione teatrale comunale – l’abbinamento tra i due eventi è stato deciso unilateralmente dall’amministrazione – idem per la partecipazione non concordata dei nacc di Monteisola Tavernola – la processione è evento religioso e non teatrale

  5. Scritto da piergi

    ho letto i commenti e informo ke l’anno scorso la rappresentazione teatrale Sciorpicapesca è costata al comune di Sarnico circa 80.000 Euro x 2 ore di spettacoli -quest’anno non ho ancora notizie mah. speriamo costi meno. Le 15.000 persone erano a Sarnico per la Madonna Stella Maris e non certo per il teatro. La parola Madonna non appare mai nell’articolo. A sarnico serpeggia molto malumore per i due eventi abbinati.

  6. Scritto da Riky Sarnech

    Fantastica manifestazione! Ha contribuito a rilanciare quell’orgoglio Sarnicese per anni sopito ed ora più forte che mai.Ben vengano i neecc dei paesi vicini a dimostrazione dell’ospitalità e della giovialità di noi sarnicesi. Per dovere di cronaca e per spirito di simpatica rivalità ,vorrei rinfrescare le memore e ricordare che la processione fino alla scomparsa dell’indimenticabile Don john,venne gestita per parecchi anni dal Gruppo Alpini!!!!

  7. Scritto da Marco Dinelli

    Il Signor Sirimbelli parla di numeri erronei mentre il numero erroneo sono i 39 anni di manifestazione organizzata dai Marinai.
    Nel rispetto dei marinai (persone serossime e cordialissime peraltro che dovrebbero disgiungersi ufficialmente dal loro pseudo portavoce) vorrei ricordare che la manifestazione per tantissimi anni è stata cura dalla parrocchia (Don Giovanni ferraroli) e la Pro Loco (Domenico Savoldi). Il Sirimbelli la dovrebbe smettere una volta per tutte dal pontificare inutilmente.

  8. Scritto da Pierino La Peste

    a Sarnico c’è gente pronta a Rilevare l’attuale “presunto”organizzatore…….tutti sono utili…nessuno è indispensabile

  9. Scritto da Pierino La peste

    ovviamente organizzatore della Processione!!!!!!!!

  10. Scritto da Marco Danelli

    I primi a rilevarlo dovrebbero essere proprio i marinai.
    … Correggo il mio messaggio precedente.
    …cura dalla parrocchia (Don Giovanni ferraroli) , la Pro Loco (Domenico Savoldi) e il Gruppo Alpini (ma quelli sono sempre presenti a tutto e non polemizzano mai. Grandi)

  11. Scritto da neny sarnech

    evviva scior picaprede e pescadur, evviva la madonnina , evviva la gente di sarnico, evviva i marinai ( di tutti i paesi), evviva gli organizzatori ……….
    e ricordiamo che la festa della madonnina è di tutti…non solo dei marinai….soprattutto non è proprietà del sirimbelli….

  12. Scritto da julius

    bravissimi tutti, chi ha concepito l’evento e chi lo ha realizzato.
    l’arte non ha tempo, colore, appartenenza: è di tutti.

    complimentissimi