BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La Regione spreca soldi e umilia i Riuniti di Bergamo

"Per quale ragione ?? stata affidato a Infrastrutture Lombarde Spa il completamento del nuovo ospedale e la vendita del vecchio? Per quale ragione buttare via milioni di euro per una 'commissione' a Infrastrutture Lombarde Spa?"

“I Riuniti di Bergamo sono ridotti come, e forse anche peggio, del Niguarda di Milano”: secondo il consigliere regionale dei Verdi Marcello Saponaro che ha presentato un’interrogazione relativa all’affidamento a Infrastrutture Lombarde spa di una serie di funzioni prima esercitate direttamente dai Riuniti e che si prepara a trasmettere la nota anche alla Corte dei Conti a al Ministero.
“Regione Lombardia ha umiliato gli Ospedali Riuniti, affidando a Infrastrutture Lombarde funzioni già svolte con competenza da strutture interne all’azienda ospedaliera di Bergamo – ha detto Saponaro – Per quale ragione è stata affidato a Infrastrutture Lombarde Spa il completamento del nuovo ospedale? Per quale ragione è stato affidato a Infrastrutture Lombarde Spa la vendita del vecchio? Non è forse vero che i Riuniti avevano già gestito senza problemi gli appalti di progettazione e di costruzione? Per quale ragione allora buttare via milioni di euro per una ‘commissione’ a Infrastrutture Lombarde Spa?”.
Nello specifico e in relazione all’alienazione della vecchia area dei Riuniti, l’azienda ospedaliera dovrà ora pagare a Infrastrutture Lombarde oltre 5 milioni di euro per l’attività di Responsabile unico al procedimento, a cui si vanno a sommare le commissioni sulla vendita: un altro 1,5% sul valore della vendita agli immobili per l’attività di advisory e di un altro 3% sul valore totale di vendita degli immobili, questo a carico dell’acquirente che lo considererà tra i costi del capitolato. Sui cittadini ricadrà lo spreco di quasi 10 milioni di euro, che si sarebbero risparmiati se a gestire l’appalto fossero stati gli stessi Ospedali Riuniti”.
In particolare, evidenzia l’interrogazione, il 3% a carico dell’acquirente fa assomigliare un’azienda pubblica, che gestisce un bando pubblico, ad una normale agenzia immobiliare e alle sue legittime commissioni.
“Sulla questione non mi accontento di ottenere una generica risposta tra molti mesi – aggiunge Saponaro – invierò il testo dell’interrogazione anche all’ispettorato del Ministero delle Finanze e alla Corte dei Conti della Lombardia. Facciano loro chiarezza”.

 
Pochi mesi fa dubbi analoghi sono stati sollevati da questi due organi a proposito dei conti dell’Ospedale Niguarda per la gestione degli appalti, delle consulenze, delle nomine e, soprattutto, per il ruolo di Infrastrutture Lombarde Spa.
 
Nell’annuale relazione sull’esternazionalizzazione dei servizi, la Corte afferma “inoltre, il sistema di valutazione di congruità della spesa sostenuta dalla Regione Lombardia per gli affidamenti alle società prescinde da un’analisi degli effettivi costi sostenuti dalle medesime (…). Ciò permetterebbe un riscontro ed una valutazione dell’effettiva economicità dell’affidamento, soprattutto dal momento che, nel modello in house, che riguarda la maggioranza delle società partecipate dalla Regione Lombardia, è di fatto impossibile una valutazione economica attraverso il confronto con il mercato concorrenziale”.
 
In riferimento all’Ospedale Niguarda l’Ispettore del Ministero dell’Economia e delle finanze ha osservato che “IL.SPA non è un organismo della pubblica amministrazione in generale ma è un organismo funzionale alla sola Regione Lombardia” e pertantodice Saponaro “l’Azienda Ospedaliera non può essere sostituita nelle sue funzioni, autonome, da Infrastrutture Lombarde”.
 
“Avere una buona sanità non basta – conclude Saponaro – Con i soldi che costa ai cittadini lombardi questo è il minimo! Si deve cominciare anche a premiare il merito, rispettare le autonomie, organizzare i controlli e garantire la trasparenza. In questo la Lombardia non è sufficiente”.
 
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da angelo

    per marilena: premesso che personalmente non faccio mai largo a nessun “malpensante” cattolico o non cattolico che sia, l’acredine nei confronti di CL non la capisco; se mediamente il lavoro che svolgono i dirigenti nominati è ben fatto, qual’è il problema?

  2. Scritto da R.Trussardi

    Infrastrutture Lombarde è un feudo di CL. Questo da risposta alle domande di Saponaro. E’ vergognoso che il centro sin. (Saponaro a parte) non abbia mai sollevato la questione, che pure è risaputa da anni. Purtroppo nel PD i “compagni delle opere” vivono in simbiosi con Formigoni, in particolare a BG.

  3. Scritto da Paolo

    In “Infrastrutture Lombarde” gravitano personaggi come Gianpietro Omari già coinvolto in un giro di mazzette, ( reato caduto ovviamente in prescrizione) per il caso dell’Ospedale di Lecco nel 1990-1991 con i suoi amici ex DC (Severino Citaristi – Gianstefano Frigerio – Simone Antonio ) e PSI (Pierluigi Polverari). Ecco perchè importanti incarichi vengono dati a tale società. Per la Professionalità delle persone che ne compongono il Consiglio di Gestione.

  4. Scritto da Alfredo Morandi

    CL domina a tal punto la sanità da permettersi questo e altro. In fin dei conti Formigoni ha consegnato le ASSL di Seriate ad AN, di Treviglio alla Lega e appunto di bergamo a CL.
    Tutti lo sanno, ma è una realtà non facile da superare, naturalmente soprattutto se ci si limita a declarare nel deserto come Trussardi.

  5. Scritto da angelo

    Vi è stata pochi giorni fa la pubblicazione del giudizio positivo della Corte dei Conti sulla sanità lombarda e ancora si cerca la polemica a tutti costi. Capisco fare opposizione, ma così si rischia il ridicolo….

  6. Scritto da Controninfo

    La corte dei conti guarda ai conti, noi al servizio che riceviamo. Altro che polemiche inutili, in Lombardia tutta la sanità è in mano ai soliti noti.
    O non ci sarebbe un assessore a Bergamo casulmente di AN e csualmente dipendente dell’ASLL di Seriate!

  7. Scritto da angelo

    ma a me sembra proprio che i conti siano in linea con il servizio…

  8. Scritto da marilena

    per la direzione. come mai questo articolo non è in prima pagina?

  9. Scritto da marilena

    per alfredo morandi: scusa , ma cosa può fare di più Trussardi? Se la politica attuale sta zitta, se ci sentiamo dei don chisciotte è tutta colpa nostra? Finchè gli italiani non reagiscono, anzi la maggioranza ha votato per questo governo c’è poco da fare! CL è un feudo della chiesa e in un paese di cattolici benpensanti le cose vanno così.

  10. Scritto da c.zap.

    La notizia è stata in prima pagina per tutta la mattinata e fino al primo pomeriggio. La si trova tranquillamente nelle news in breve (in fondo alla prima pagina) e nella pagina della città. La stessa notizia è su tutti i quotidiani di oggi. Pensa che possa bastare o serve un’edizione straordinaria?

  11. Scritto da angelo

    per marilena: piuttosto che i non cattolici malpensanti, meglio i cattolici benpensanti…o no?

  12. Scritto da marilena

    per angelo. non far finta di non capire cosa significa benpensanti. Vuoi difendere a tutti i costi un’organizzazione come CL che ha messo le mani dappertutto per arricchirsi(vedi EXPO Milano e formigoni) con buona pace di tanti cattolici : è questa la coerenza con il messaggio cristiano? Quindi largo ai non cattolici malpensanti che criticano lo strapotere di CL sulla sanità in Lombardia.