BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alla “Ugo Mara” la giornata più lunga “là ci sono i nostri”

Il maggiore Francesco Cosimato: «Abbiamo 150 colleghi a Kabul. Oggi è un giorno triste ma la risolutezza della nostra missione non cambia»

Più informazioni su

E’ stata una giornata difficile quella vissuta all’interno della caserma della Nato "Ugo Mara" di Solbiate Olona (foto a sinistra) dopo che le prime agenzie hanno cominciato a battere la notizia della morte del soldato italiano impegnato nella missione Isaf Alessandro Di Lisio, caporalmaggiore dei parà della Folgore.

A parlare del clima che si respira in caserma oggi è un ex-parà, il maggiore Francesco Cosimato oggi a capo dell’ufficio stampa della struttura militare che conosce molto bene l’Afghanistan: «Abbiamo 150 colleghi a Kabul – racconta – lei può capire la trepidazione appena è uscita la notizia. Il telefono è diventato bollente, eravamo alla ricerca di notizie certe su dove, come e soprattutto chi questa volta ha perso la vita». Il soldato ucciso nell’attentato questa mattina a circa 50 chilometri a nord-est di Farah faceva parte di una pattuglia di paracadutisti della Folgore e del Primo Reggimento Bersaglieri ed è la 14esima vittima italiana dall’inizio della missione: «Siamo sgomenti – racconta il militare – in Afghanistan è un momento delicato, c’è il cambio di strategia in atto e c’è massima attenzione perchè i Taliban sono evidentemente preoccupati da quello che sta succedendo».

Da quando il vertice delle forze Usa è cambiato è mutata anche la strategia: prima ci si limitava al controllo del territorio mentre oggi i soldati americani sono impegnati nella ricerca delle base operative della guerriglia. La notizia non è nuova e nei giorni scorsi è stata accompagnata da molti articoli e video che hanno raccontato di questa nuova strategia: «La situazione che si sta venendo a creare è questa – precisa il Cosimato – siamo di fronte ad un conflitto asimmetrico e queste azioni rientrano nel quadro che noi conosciamo. Sono stato a Mogadiscio nel ’93 con i parà e la situazione non è molto diversa». E’ quasi toccato in prima persona il maggiore che racconta anche dei suoi colleghi dentro la caserma: «Può bene immaginare che cosa voglia dire per tutti qui, qualsiasi sia il Paese di provenienza, quando muore un collega in quella terra – ha commentato ancora Cosimato – è uno di noi e siamo vicini alla famiglia in queste ore terribili. Una cosa è certa, la nostra risolutezza non è in discussione. Siamo lì per fare del bene all’Afghanistan anche se c’è una parte che non ha interesse che arrivino la democrazia e la sicurezza».

Da
febbraio di quest’anno gli uomini della base solbiatese sono tornati in Afghanistan e, a differenza della precedente missione, che interessava un’area di responsabilità relativamente ristretta, la missione ISAF 2009 prevede l’estensione della giurisdizione a tutto il territorio afghano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.