BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Truffavano assicurazioni: 23 denunciati video

Le indagini, condotte dalla polizia stradale di Seriate, sono scaturite dalla segnalazione di un'investigatrice privata. Sono state così scoperte agenzie fittizie che noleggiavano autovetture in Francia e Germania e a bordo di questa auto provocavano tamponamenti.

Più informazioni su

Maxi truffa ai danni delle assicurazioni scoperta a Bergamo: 23 le persone denunciate, residenti in varie province del Nord Italia. Molte di esse sono imparentate tra loro: sono tre i nuclei familiari coinvolti nell’operazione denominata appunto "Family Affairs". Le indagini, condotte dalla polizia stradale di Seriate, sono scaturite dalla segnalazione di un’investigatrice privata che aveva notato anomalie sul risarcimento danni per incidenti stradali. Sono state così scoperte tre studi fittizi, domiciliati anche in città (Is Italy, Studio Due G e Studio tecnico Gallo),  che noleggiavano autovetture in stati esteri, Francia e Germania e con queste auto provocavano tamponamenti. Poi inviavano false fatture di riparazioni e cure mediche alle assicurazioni del danneggiante.
In tutto sono stati
ricostruiti 150 falsi sinistri. La Polizia ha calcolato che l’organizzazione aveva incamerato circa 750.000 euro. Nel corso dell’indagine sono stati sequestrati conti correnti bancari, computers, scanners, cellulari, chiavette USB, contratti noleggio delle autovetture, bancomat e carte di credito.
Consolidata e ben studiata la truffa che veniva messa in atto. L’automobilista "esca" si aggirava su una strada di provincia, in un terreno "di caccia" piuttosto ampio, corrispondente in pratica all’intero Nord Italia, Bergamasca compresa. Di colpo frenava, provocando il tamponamento. Poi, sceso dall’auto, convinceva il "pollo" di turno a firmare la constatazione amichevole, senza chiamare la polizia. La messinscena avveniva su strade a due corsie, per evitare di provocare ingorghi che potessero richiamare l’attenzione delle forze dell’ordine. A questo punto entravano in gioco gli studi tecnici, che si mettevano in contatto con le assicurazioni inviando il conto dei finti danni fisici e materiali. 

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.