BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Se il meteo annuncia pioggia la bretella va chiusa, in anticipo fotogallery

La bretella di Colognola ?? stata consegnata a maggio con gravi ritardi e ad ogni acquazzone il sottopasso alla ferrovia si allaga. L'Anas non interviene e la strada viene chiusa quando le previsioni del tempo annunciano acqua. E' successo negli ultimi due giorni.

Più informazioni su

La bretella di Colognola va chiusa al traffico in anticipo se il meteo dice che pioverà. Progresso della tecnica di costruzione delle moderne infrastrutture. L’Anas ha consegnato quell’opera a maggio, dopo gravi ritardi, e dopo pochi giorni la Provincia di Bergamo, che la gestisce ma non può apportare modifiche strutturali, si è resa conto che il sottopasso alla ferrovia si allaga non appena piove un po’ troppo. Non funziona l’impianto di scolo, non ci sono pompe adeguate a portare via l’acqua, che puntualmente crea un laghetto in mezzo alla strada, lasciando strascichi di fanghiglia.
La Provincia ha quindi sollecitato l’Anas ad intervenire, per apportare modifiche, per sistemare le pompe e fare in modo che una strada aperta nel 2009 possa rappresentare un passo avanti rispetto ad una strada del ’59. Non c’è stato nessun intervento. Quindi, su suggerimento di Anas, si è arrivati ad una soluzione provvisoria: quando le previsioni del tempo dicono “pioggia” la bretella va chiusa, soprattutto la sera nel caso in cui la notte si annunci tempestosa (un bel disastro per questo primo scorcio d’estate). Così è stato fatto tra le 18 del 6 e le sette del 7 luglio, quando c’è stato un mega acquazzone e, in caso di non chiusura, gli automobilisti avrebbero rischiato di restare bloccati nel pantano-bretella.
Ma ci sono anche chiusure che si rivelano inutili, come quella della notte scorsa, tra le 18 del 7 e le 7 dell’8 luglio: una chiusura precauzionale che non è servita dato che l’acquazzone di mezza sera non ha creato intoppi particolari. Ci sono giorni, quindi, in cui per precauzione si vanifica l’utilità dell’opera, perché mancano pompe che si bevono l’acqua. Le comunicazioni sulla chiusura dipendono dal settore Viabilità della Provincia di Bergamo. Peraltro, nel passaggio di consegne tra un’amministrazione e l’altra, dev’esserci stata un po’ di confusione. La sera del 7 luglio la polizia locale di Bergamo non sapeva nulla della situazione e due agenti erano sul posto per capire i motivi della chiusura.

Il commento: Tentorio e Pirovano trovino una soluzione

Il video, l’Asse interurbano diventa un fiume

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Vivi Bergamo

    nb il responsabile del procedimento non è della Provincia. L’opera è stata eseguita dall’Anas e poi data in gestione alla Provincia.

  2. Scritto da Unoqualunque

    V E R G O G N O S O !!!!!!!!!!!

  3. Scritto da s.g.

    Quelli dell’Eco sono arrivati anche loro, buoni secondi. Gli rifilate un buco al giorno a quei maestrini del giornalismo da pravda. Bravi, continuate così. Molta gente si sta accorgendo della differenza tra la vera informazione e la pedagogia di paese.

  4. Scritto da marilena

    sono d’accordo con s.g. Non vi viene il dubbio che tante volte si sbagli di proposito per poter avere altro lavoro da fare e altri appalti per guadagnare? “fare e disfare è sempre lavorare”!

  5. Scritto da milosevic

    Già, ma quale metereologo ascoltare? Regazzoni? Stiamo freschi, anzi no, allagati

  6. Scritto da Gianni Locatelli

    Incredulo, non so se piangere o ridere…
    Però mi pongo e pongo ai lettori, una domanda semplice.
    C’è un responsabile? Sicuramente si, perchè qualcuno avrà pur firmato un pezzo di carta.
    In barba alla privacy, pubblicate foto e nome e che sia immediatamente licenziato.

  7. Scritto da cecco

    oltre a un direttore lavori (privato) c’è pure un responsabile del procedimento (della provincia) quindi ci sono due persone che dovevano supervisionare l’opera.. naturalmente a maggio erano entrambi presenti al taglio del nastro! ora che ne paghino le conseguenze, visto che prima a pagare siamo stati noi con i soldi e ora con il disservizio!!!

  8. Scritto da stefano

    ok con cecco e aggiungerei che ci sono anche le garanzie da presentare x la buona esecuzione dell’opera inoltre sarebbe interessante sapere a che prezzo è stata appaltata l’opera e se sono state presentate varianti economiche…così il quadretto è fatto! ma tutto si insabbierà come al solito….banana repubblic

  9. Scritto da Takunda

    scandalosi, ovunque vadano: in valle Seriana, in città e chi più ne ha più ne metta…

  10. Scritto da mm

    CHE VERGOGNA. 30 ANNI X CONSEGNARE UNA STRADA DI
    NEANCHE 2 KM E CHE SI ALLAGA AL PRIMO TEMPORALE
    POVERA ITALIA ALTRO CHE G8, VIVIAMO IN UN PAESE DEL 3°
    MONDO

  11. Scritto da stefano

    d’accordo con mm….paradossale… siamo in lombardia nella repubblica delle banane