BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Noi ci fidiamo dell’Asl, il lago ?? pulito”

Legambiente mostra perplessit?? per l'"improvvisa pulizia" del lago, ma Angelo Pezzetti di Endine e Maurizio Trussardi di Monasterolo non hanno dubbi: "Sono anni che l'acqua non viene sporcata grazie al collettamento. E sono anni che viene monitorata per verificare se davvero si ripulisce".

Più informazioni su

"Magari sono un po’ appesantito, ma un tuffo nel mio lago adesso lo farò". Così Angelo Pezzetti, sindaco di Endine, dimostra che lui dell’Asl e dei parametri che danno il lago d’Endine balneabile si fida e risponde in pratica a Legambiente. L’associazione ambientalista mostra perplessità per l’"improvvisa pulizia" del lago, ma i primi cittadini dei Comuni rivieraschi non hanno dubbi: "Sono anni che l’acqua non viene sporcata grazie al collettamento progressivo e alla depurazione. E sono anni che viene monitorata per verificare se davvero si ripulisce – prosegue Pezzetti -. Se l’Asl, che è l’organismo deputato ai controlli, certifica che rientra nei parametri, allora a noi sindaci non resta che apprestarci a preparare i cartelli con le specifiche per le varie spiagge (eccellente, buona, sufficiente, scarsa) certi che non ci siano pericoli per la salute di chi si bagna".
La qualità non è cambiata, semplicemente ci si rifà adesso a parametri europei, più blandi rispetto a quelli italiani, insiste Legambiente. E il primo cittadino di Monasterolo del Castello, altro centro turistico che sorge sulle rive del piccolo lago, Maurizio Trussardi, non ci vede nulla di male o sconveniente: "Non è che in Europa ti lasciano tuffare dove c’è il rischo di prendere delle malattie. E poi sia chiaro che l’Asl ha monitorato negli ultimi 4 anni per 24 volte l’acqua ed è il risultato di ogni singolo controllo quello che garantisce la balneabilità". Negli ultimi vent’anni, spiega Trussardi, la situazione è profondamente cambiata da queste parti: "E’ stato un passaggio lungo e complicato perché il problema del lago d’Endine è che non ci sono corposi affluenti che garantiscono il ricambio, ma gli interventi depurativi sono ora ben funzionanti. Certo non è detto che i tuffi siano sicurissimi, ma più per problemi di pericolosità legati alla profondità del lago che per i batteri".
Intanto i sindaci confidano che questa novità 2009 porti una boccata d’ossigeno al turismo locale: "Da tempo stiamo abbellendo il nostro lago – concordano Trussardi e Pezzetti – e adesso siamo pronti. Certo l’inizio dell’estate non è stato proprio vincente visto il maltempo, ma il bello dovrebbe arrivare da ora in poi".  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.