BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Insonorizzazione, siamo ancora all’anno zero video

Gianluigi Mologni del Comitato Aeroporto scrive per denunciare che gli interventi di insonorizzazione annunciati non andranno a beneficio di nessuno perchè non sono ancora state stabilite le curve di isolivello.

Più informazioni su

Con l’arrivo dell’ estate aumenta il rumore e l’inquinamento prodotto dagli aerei. Più voli, con aerei più rumorosi (charter) e tenere le finestre aperte per il caldo diventa un dramma. Bambini, anziani e ammalati i più colpiti.
Siamo un ben strano paese, dove si utilizzano soldi pubblici per pagare la cassa integrazione a Malpensa e poi si aumentano i disagi e si utilizzano soldi pubblici (SACBO è a stragrande maggioranza pubblica) per pagare qualche briciola per cercare di rifondere in piccolissima parte i danni creati.
Abbiamo un aeroporto in mezzo alla città che continua a incrementare voli (Orio) e ne abbiamo uno in mezzo alla campagna (Montichiari) che si sta svuotando, come Malpensa. E la Regione Lombardia, come le stelle, sta a guardare (anzi, no, vuol fare il treno per Orio invece dei collegamenti con  Milano per i pendolari). 
In questi giorni è stato pubblicato il bando  per la realizzazione di opere di fonoisolamento nelle strutture private delle aree vicine all’aeroporto di Orio al Serio. Tutto bene? Macchè! 
L’intervento riguarda gli immobili che rientrano nelle aree all’interno delle curve isolivello 65 e 75 dB   e di Bergamo non risulterebbe essercene neppure uno. Come mai, se ci sono tanti cittadini che si lamentano?
Semplicemente perché si sta violando ancora una volta la legge, cercando di passare per fessi i cittadini.
Le curve di isolivello semplicemente non esistono, perché la Commissione Aeroportuale che doveva adottarle “entro 6 mesi” dal 2003 non è ancora riuscita a partorirli.
Come mai? Perché qualcuno li vuol fare sulla base di un “modello matematico” dei dati del 2006, e non sui dati reali di oggi che sono molto più alti di quelli previsti dal modello (che quindi non funziona).
SACBO si rifiuta di fornire i dati reali,  e neppure il Comune (che pure è azionista) è mai riuscito ad averli (così dicevano, speriamo che con la nuova amministrazione cambi qualcosa!).
Il Decreto con il quale il Ministero nel 2003 autorizzava il Piano di Sviluppo Aeroportuale prevede la insonorizzazione, climatizzazione (spese di installazione e funzionamento) per tutte le abitazioni superiori a 60 db, con precise prescrizioni che hanno valore di legge, e addirittura per la fascia superiore ai 65 db è prevista la “delocalizzazione” (pagare un’ altra casa in un posto diverso).
I dati SACBO (parziali e non verificabili) certificano che la centralina posta sopra l’asilo nido di Campagnola evidenzia una media mensile di 64,7 db (che è più del doppio del limite dei 60 perché sono valori logaritmici) eppure ai cittadini non toccherà un euro!
In questi anni c’è stato un incremento di voli in decollo verso ovest e quindi il rumore è aumentato di più sulla città, mentre l’ utilizzo di dati vecchi e non riscontrabili può portare al paradosso che verranno dati soldi a chi non ne ha più diritto a scapito di chi subisce un attentato alla salute.
Provincia e Comune di Bergamo finora sono stati attenti solo agli interessi economici (veri o presunti) che alla salute e sicurezza dei cittadini. Le elezioni hanno espresso una volontà di cambiamento. Speriamo di vederne presto i risultati (almeno nella trasparenza dei dati).
Anche il Prefetto si era impegnato a sostenere la compatibilità ambientale dell’ aeroporto, coinvolgendo anche i cittadini. Finora i risultati vanno nella direzione esattamente opposta. 
Cordialmente
G. Mologni
Comitato Aeroporto

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco Brembilla

    Caro Guido, hai perfettamente ragione. Io non sono scomparso, esisto ancora. Per cui ti invito a contattarmi perchè dal nome mi riesce difficile capire chi sei. Parliamoci e vediamo cosa fare.

  2. Scritto da Guido

    Caro Marco Brembilla: sono un tuo vicino di quartiere da sempre. Apprezzo le tue scuse e perciò mi permetto di farti un’osservazione normalissima: di solito, quando si fa un mea culpa poi si deve anche cercare di compensare il danno causato dalla propria mancanza (per es. se uno ruba, non basta chiedere scusa; bisogna anche restituire il maltolto). Sarebbe bello se tu potessi fare qualche azione concreta, magari coinvolgendo o informando gli abitanti della zona.

  3. Scritto da corti-novis

    Robi guarda che è della SEA il programma di postare in montichiari o verona il cargo, se sei uno che lavora non è Mologni che vuole postareil cargo e lavoratori a montichiari, ma è la sea che ragiona(ogni tanto) per suo interesse ed è una realtà perchè Più di così l’areoporto non puo allargarsi, i lavoratori dovranno confrontarsi non con Mologni ma chi dirige l’areoporto,, cavolo e per fortuna esiste chi pensa alla salute e all’incolumita di tutti e il buon senso vero robi?

  4. Scritto da MBB

    robi,o,robo.Tranci giudizi pensando solo ai tuoi interessi.
    Ammesso, e non concesso ,che la maggiorparte dei Bergamaschi amino Orio, Io non ne sarei cosi sicuro,tutti gli altri,almeno 30000 cittadini ;hanno il diritto di non dormire la notte perchè da quando esiste l’aeroporto commerciale,fino al 1980 era militare 1 volo a settimana,chi lo gestisce non rispetta le regole.?.O fa carte false pur di fare interessi economici senza tener conto dll’inquinamento che propina a 30.000 cristiani.?,sic.

  5. Scritto da corti-novis

    AMABERGAMO era l’unica che nel programma elettorale diceva chiaramente che i voli andavano ridimensionati come l’areoporto. Robi sei uno dei tanti della maggioranza adesso che non ci ha votato e molti altri hanno preferito votare bruni e tentorio, ebbene la gente di quei posti colognola malpensata va bene così, si tenga tutti i suoi rumori anche alle tre di notte che sento anch’io abitando a monterosso perchè la maresano fa cassa di risonanza.mediazioni non ci sono. ora lo capisce anche la sea.

  6. Scritto da robi

    appunto Ama bergamo ha preso meno di 2000 voti, tu cortinovis ne hai presi 16, quindi evidentemente la stragrande maggioranza di Bergamo non vuole alcun ridimensionamento dell’aereroporto che a tutt’oggi è una delle poche cose buone di bergamo ,che non ha treni all’altezza, non ha autostrade all’altezza, non ha lo stadio all’altezza e nemmeno il palazzetto, almeno l’aereoporto lasciatelo sviluppare e portare ricchezza e turismo.

  7. Scritto da olmo

    Marco Brembilla ritira il mea culpa, è tardivo. Hai avuto 5 anni e dovevi fare qualcosa.
    Robi ma che cappellate racconti? certo che ci servono aeroporto, tram, palazzetto, stadio, treni e autostrade. Se si realizzano, bisogna fare in modo che non distruggano la nostra vita. Non penso che saresti felice se ti costruissero un treno che passa a 5 metri da casa tua. Ma se decidessimo che ti passa sulla testa, mi batterei affinchè tu fossi compensato con opere adeguate alla tua protezione e …

  8. Scritto da olmo

    …e alla protezione della tua esistenza. Oppure vorrei che ti compensassero il disagio, con soldi o con migliorie.
    Non credo che ci voglia un’intelligenza speciale per capirlo.
    Spero che la giunta attuale faccia meglio e più della precedente.
    Che palle i mea culpa fuori tempo massimo.

  9. Scritto da robi

    mi pare che la intelligenza speciale faccia difetto a te…
    infatti io non ho detto che spero che l’aereoporto dia fastidio con il rumore ai quartieri vicini…
    ben diverso è cio’ che propone Ama bergamo e cioè un ridimensionamento dell’aereoporto…o alcuni propongono addirittura unospostamento nelle campagne di Montichiari.
    Su questo il No è categorioc non solo il mio ma quello della stragrande maggioranza dei bergamaschi.
    ultima cosa, hannlo titolo di protestare i cittadini di campagnola

  10. Scritto da robi

    san tomaso ecc.. che risiedono li da 30 anni..quelli che hanno comprato casa precedentemente all’avvio dell’aereoporto…chi ha comprato dal 1990 in poi direi che se l’è un po cercata, è ovvio che vicino ad un aereoporto ci sranno sempre rumori…cosi come se compro una villetta fronte A4.

  11. Scritto da Marco Brembilla

    Per Olmo: più di quello che ho scritto che devo fare? Io non critico mai nessuno e ci metto i miei pensieri con nome e cognome. Tu, come troppi, ti nascondi dietro lo pseudonimo. Comodo.

  12. Scritto da pino

    non voglio essere discriminato, io ho il trno che passa sotto casa mia e non ho gli stessi diritti di che ha l’aereoporto ??

  13. Scritto da Guido

    Il problema del rumore è veramente isopportabile a Campagnola dove la mia famiglia vive da 100 anni (quindi ben prima che l’aeroporto esistesse). Sarebbe bello che chi fa giustamente business con quest’industria cercasse di diminuire il più possibile il disagio a chi vi abita, invece sembra proprio che questo non interessi. Perchè non si fanno questi studi? Il problema è l’egoismo di chi occupa posizioni che mai avrebbe dovuto occupare e a noi cittadini che glielo permettiamo.

  14. Scritto da robi

    mologni sei quello che ha preso 2 voti alle ultime elezioni comunali?parli di soldi per favorire Orio e non i treni dei pendolari, ti scordi di ricordare che tu stranamente sei pure del comitato pendolari.
    la sostanza è una sola Orio non si tocca, serve a tutti i bergamaschi e lombardi, in una cosa almeno abbiamo fatto meglio di Brescia ed è l’aeroporto e tu ora proponi di spostarlo in campagna a Montichiari…

  15. Scritto da Luca

    Oltre all’inquinamento acustico, vorrei sapere qualcosa sul vero livello di inquinamento atmosferico provocato da questa ininterrotta serie di decolli su aree densamente abitate. Ci sono monitoraggi? A chi bisogna rivolgersi per informazioni? Grazie a chi mi potrà fornire indicazioni.

  16. Scritto da Marco Brembilla

    Devo fare un doveroso mea culpa. Negli anni non abbiamo fatto abbastanza per ridurre il problema, particolarmente sentito nei quartieri di Campagnola, Colognola e S. Tomaso. Nessuno vuole la chiusura dell’aeroporto, ci mancherebbe, ma perchè non vengono rispettati gli orari? Puntualmente i decolli sulla città avengono oltre le 24 con un limite fissato alle 23. Ripeto, anch’io ho la mia parte di responsabilità, ma il problema qui è pesante!

  17. Scritto da MBB

    Robi dovresti essere spostato tu in campagna…..quella elettorale,che fai x l’aeroporto di Orio.!.Ti auguro che ti facciano passare la TEB sotto casa.Anzi dentro la camera da letto cosi impari a rispettare la gente che ha un mucchio di disagi creati dall’aeroporto.!