BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Concerto degli U2, tanta musica e tanta politica fotogallery

?? partito con un omaggio a Michael Jackson per terminare con critiche al Presidente del consiglio Silvio Berlusconi il concerto degli U2 tenutosi ieri sera allo Stadio Meazza di Milano.

Più informazioni su

È partito con un omaggio a Michael Jackson per terminare con critiche al Presidente del consiglio Silvio Berlusconi il concerto degli U2 tenutosi ieri sera allo Stadio Meazza di Milano. Nella prima delle due date italiane, San Siro si è trasformato in una stazione spaziale in cui il rock dominava a 360° per uno degli eventi musicali più attesi dell’anno che ha riversato nello stadio una folla di 77mila persone, con altrettante previste per il bis di oggi. La band irlandese, capitanata da Bono Vox, si è esibita in una scenografia avveniristica e imponente, l’ormai celebre ‘The Claw’, cioè ‘l’artigliò, il gigantesco palcoscenico circolare con quattro bracci, attorniato dal pubblico, permettendo così di vedere i musicisti da ogni lato. Bono e compagni, che hanno dato il via al ‘360ø Tour’ lo scorso 30 giugno a Barcellona, sono saliti sul palco alle 21.15, fra una miriade di palloncini con i colori dell’Irlanda e striscioni che recitavano ‘Bono Nobel’ piuttosto che ‘Bono Papà, proponendo una prima tranche di brani tratti da ‘No Line on the Horizon’, il loro ultimo disco. È stato un susseguirsi di brani nuovi e di grandi classici, di puro rock alternato a melodie romantiche, da Vertigo, a Beautiful day, a Sunday bloody sunday, a One. Immancabile, nel giorno dei suoi funerali, è arrivato l’omaggio a Michael Jackson che Bono e compagni hanno ricordato con ‘Angel of Harlem’, originariamente scritta per Billie Holiday.
Dopo il tributo al Re del Pop, gli auguri per i 18 anni della figlia Eve e l’appello in favore della leader birmana Aung San Suu Kyi, è stata la volta delle critiche che Bono ha rivolto al premier italiano Silvio Berlusconi, a pochi giorni dal G8, dedicandogli la canzone ‘Onè. «Si sa che ho avuto delle divergenze col vostro primo ministro per le promesse fatte e non mantenute verso i poveri del mondo – ha detto il frontman – Non mancherei mai di rispetto agli italiani o al suo partito, nè a lui come persona. Ma come presidente del consiglio, in questo momento, non lo rispetto" ha dichiarato Bono, usando il termine ‘disrespect’. Immediato il boato del pubblico quando il leader degli U2 ha aggiunto "nei prossimi giorni, al G8, il vostro presidente deciderà quale posizione prendere. Se pensate che dovrebbe mantenere le sue promesse, aumentando gli aiuti ai poveri del mondo, dovete dirglielo perchè non lo sta facendo". "Io scrivo canzoni – ha concluso – ma lui scrive la storia e può ancora farlo aumentando gli aiuti, domani o dopodomani, non è troppo tardi".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da genu

    be gia’ dai primi anni 90 o forse anche prima gli u2 hanno predicato contro la poverta’ nel mondo in particolare per l’africa con una piccola differenza che l’africa e’ diventata sempre piu’ povera e loro sono diventati sempre piu’ ricchi,

  2. Scritto da angelo

    C’erano biglietti anche a 35 euro…. informati prima di parlare, please!

  3. Scritto da wka

    ma questo bono non è la stessa persona che va in giro a predicare per la savaguardia dell ambiente?qualcuno che conosca il problema inquinqmento mi saprebbe dire quanto ha influito il concerto a riguardo?questo robin hood dei poveri personalmente fa qualcosa di concreto per il terzo mondo ?

  4. Scritto da Sorga di Fiume

    Se facesse lo stesso con Obama negli Usa, gli negherebbero il visto d’ingresso per i successivi 40 anni. Come si può essere così storditi da imputare al capo del governo italiano tutti i problemi del terzo mondo? Ceda al terzo mondo una quota dei diritti d’autore che gli consentono di vivere da nababbo, questo galantuomo dal cuore d’oro. Poi potrà permettersi di impartire lezioni a chicchessia. Prima di allora, taccia.

  5. Scritto da Roberto

    che ognuno faccia ciò che gli riesce meglio…. Bono continui a scrivere canzoni (peraltro bellissime) senza mischiare argomenti in luoghi e momenti inopportuni…

  6. Scritto da Magnificent

    Bono lancia messaggi. Non tutti sono in grado di capirli. Men che meno chi scrive commenti a vanvera su BgNews. Bisognava esserci, per afferrarne la portata. Ma forse per molti non sarebbe bastato. Forse perchè non siamo abituati a uno che parla dei problemi senza far polemica. Quanto alla querelle sul costo dei biglietti, non c’entra nulla. E’ il suo lavoro e lo fa bene, dunque guadagna. Parlare di certe cose non glielo fa fare nessuno, non ha certo bisogno di pubblicità.

  7. Scritto da angelo

    Maury, te lo ripeto, informati prima di parlare, giusto per evitare figure barbine…. tutti i biglietti per il 3° anello di San Siro costavano 35 euro (circa 20.000 biglietti).
    Io ieri sera al concerto c’ero, e ti posso dire che non ho sentito nessuno lamentarsi del costo del biglietto, e non mi risulta ci fosse un solo posto invenduto…
    Riguardo a quanto abbia realmente detto Bono puoi cercare su Youtube la registrazione dell’intervento. Le ipocrisie sono quelle di chi promette e non fa!

  8. Scritto da Magnificent

    Gonza, c’ero anch’io e ti dico che forse il tuo orologio non funziona. In tutto hanno suonato più di 20 canzoni, per due ore abbondanti. Il bis c’è stato: Ultraviolet, With or Without you e Moment of Surrender. Sarai mica uscito/a prima? Quanto al prezzo dei biglietti, una partita a san siro può costare anche di più. E poi se uno pensa che i biglietti siano troppo cari può anche stare a casa.

  9. Scritto da gonza

    Parte 2. Vero che sono stati messi in vendita biglietti a 35 euro, però ditemi voi cacchio si vede dal terzo anello?E poi la differenza è stata pagata da tutti gli altri… Cmq diamo atto a Bono di essersi impegnato per coloro i quali non hanno finanze per permettersi un concerto del genere. Direi voto 6 (politico) sul discorso costo biglietti
    Spettacolo: 2 ore scarse di spettacolo senza bis e chiusura triste. Voto 5. Memorabile però “I still..” e “Party girl”.

  10. Scritto da gonza

    Politica: Bono si è sempre schierato dalla parte dei più bisognosi (terzo mondo) ed è stato uno dei primi a parlare di azzeramento del debito. Nei concerti ha sempre lanciato messaggi in tal senso.Da diversi mesi si parla addirittura di nobel. Il governo Berlusconi aveva fatto una promessa a delle persone che stanno morendo di fame e non l’ha mantenuta. Giusto pertanto che Bono dica la sua e si faccia sentire. Ricordo che al Papi il signor Bono ha dedicato “One”, mia pagnutine…

  11. Scritto da gonza

    Chi l’ha detto che solo i politici possono lanciare messaggi di pace? Ognuno di noi dovrebbe farlo e credo che Bono faccia bene ad usare la sua posizione per farlo in modo da raggiungere più gente possibile e soprattutto sensibilizzare coloro i quali non sono a conoscenza di certi problemi. Voto: 10

    ps Ridatemi gli U2 Voce+Basso+Chitarra+Batteria. Meno luci e meno spettacolo, alla fine è la musica che conta (e i messaggi di pace!)

  12. Scritto da gonza

    Magnificent, forse allora non sai cosa vuol dire bis: la gente che fischia, il gruppo che si fa attendere e poi esce (20 canzoni a 5 min di media fa 1 h e 40 quindi al massimo hanno suonato 2 ore. poi conta tutti i tempi morti + discorsi ecc). Il Boss per esempio non va mai sotto le 2 ore e mezza (di puro rock, un pezzo dietro l’altro, impressionante!!!).Non hanno fatto nemmeno un pezzo acustico,un po’ di atmosfera, mi sono sembrati freddi.

  13. Scritto da gonza

    Bha: io con 50 euro ho visto Inter-Manchester di Champion (partita di m…). Non li trovo così cari però è solo un punto di vista. D’accordo con te: con il senno di poi, visto quello che ho speso, era meglio starmene a casa. L’ultimo di San Siro invece mi era piaciuto: meno tecnologico e appariscente e più musica. Questo mi ha ricordato quello di Reggio Emilia e anche quella volta ero rimasto deluso. vedremo il prossimo (costo dei biglietti permettendo) :-)

  14. Scritto da Magnificent

    Guarda caro Gonza/o, si vede che hai visto un altro concerto. Io invece ti posso dire che gli U2 li ho visti 4 volte e ho visto pure il Boss, quindi so cos’è un bis e so cos’è un concerto. La prossima volta scendi dal terzo anello. magari vedi e senti meglio. Io mi sono emozionato, mi spiace non ti sia capitato altrettanto.

  15. Scritto da Magnificent

    Freddini? Scarsa atmosfera? Ma In A Little while l’hai sentita? E Stand by me?