BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Nessuna traccia di Al?? nell’abitazione, ?? innocente” fotogallery

La difesa del principale accusato, il senegalese Al?? Ndiogou, fa emergere nuovi particolari: "La vittima aggredita fin dal piano superiore dell'abitazione, tracce di sangue anche in camera da letto, ma all'interno della casa nessuna traccia del nostro assistito, nonostante la cruenta aggressione. E' innocente"

Più informazioni su

La difesa di Alì Ndiogou (nella foto), il senegalese di 41 anni accusato dell’omicidio di Maria Grazia Pezzoli il 24 luglio 2008 a Vertova, ribadisce con fermezza la propria linea e fa emergere nuovi particolari sul caso, a distanza di quasi un anno: "Alì Ndiogou è innocente, non c’entra con l’omicidio – ha dichiarato l’avvocato Giovanni Fedeli -. Non basta la prova del dna che fa corrispondere un paio di gocce di sangue trovate fuori dalla casa della vittima con il profilo genetico del mio assistito. L’aggressione alla donna, cruenta e durata almeno quattro o cinque minuti, è avvenuta all’interno dell’abitazione. E ci sembra impossibile che una persona, presumibilmente ferita, mentre aggredisce e sferra 30 coltellate ad una donna non perda nemmeno una goccia di sangue. Perchè il punto è qui: non è stata trovata alcuna traccia biologica di Alì Ndiogou in quella casa di via Cinque Martiri. E non sono state trovate impronte digitali. Il sangue fuori dall’abitazione non è assolutamente sufficiente a dimostrare la presenza di Ndiogou sul luogo del delitto, ovvero all’interno della casa, dove c’è sangue della vittima ovunque: fin dal piano superiore, a partire dalla camera da letto, per poi scendere lungo le scale, arrivare al piano terra e allo studio vicino all’ingresso dove il corpo della donna è stato ritrovato".
Sangue un po’ ovunque in quella casa, secondo la difesa. Particolare, quest’ultimo, che non era mai emerso e che anche la difesa di Giuseppe Bernini, marito della vittima che trovò per primo il cadavere, questa mattina in tribunale (3 luglio) non ha negato del tutto: "Dalle carte processuali non risulta la presenza di sangue anche al piano superiore o sulle scale" ha commentato laconico l’avvocato Antonio Cassera, ribadendo "dalle carte processuali". Ma l’avvocato di Alì Ndiogou ha parlato con certezza di foto scattate sul posto dagli investigatori che dimostrerebbero la scia di sangue dalla camera da letto alle scale e al piano inferiore.
"Non è dimostrabile la presenza di Ndiogou e ricordo che, dalle testimonianze raccolte, si parla di due persone di colore che sarebbero state viste uscire dall’abitazione – ha aggiunto l’avvocato Fedeli – vestite in modo diverso. Chi erano? Se uno dei due è l’assassino per noi non si tratta certo di Alì. Andremo al processo per ribadire questo".
Le dichiarazioni degli avvocati sono arrivate dopo la puntata dell’udienza preliminare, di fronte al Gup Vittorio Masia, svoltasi il 3 luglio in tribunale. Il pubblico ministero Carmen Pugliese ha ribadito che secondo l’accusa l’operaio senegalese è colpevole dell’omicidio, e la prova del dna (sangue fuori da casa ma anche sudore di Ndiogou su un lembo di pantaloni impregnati di sangue della vittima) sarebbe schiacciante.
L’udienza è stata aggiornata al 15 luglio. Tra gli indagati, per favoreggiamento personale, anche il marito della vittima Giuseppe Bernini e un connazionale di Ndiogou, che aveva ricevuto dall’amico una telefonata e gli aveva prestato un motorino, proprio in quei giorni; di falso ideologico e concorso in sottrazione di cose sottoposte a sequestro dovrà invece rispondere Ignazio Grinciari, maresciallo comandante della stazione di Fiorano al Serio (il sabato successivo all’omicidio permise a Bernini di entrare in casa a prendere alcuni indumenti).

Ultimo articolo e link ai precedenti sul caso

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.