BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Aria nuova alla Cultura Ma non lascer?? Team Italia”

Il neo-assessore Claudia Sartirani spiega come intende gestire il suo nuovo incarico: "Aprir?? le porte a tutti, dobbiamo valorizzare le energie della citt??". S?? ai grandi eventi e rilancio della Carrara. "Conflitto di interessi? Non ho scheletri nell'armadio".

Più informazioni su

La sua nomina è stata la più discussa. Per giorni è giorni il suo nome è rimbalzato dalle sedi dei partiti alle pagine dei giornali. E solo quando si è sbloccato il suo caso, il sindaco Franco Tentorio ha annunciato la composizione della Giunta. Di cui lei, Claudia Sartirani, 42 anni, è l’assessore alla Cultura. 
Il suo nome è stato ed è sulla bocca di tutti. Ma chi è Claudia Sartirani? Provi a presentarsi…
E’ una persona semplice che, nonostante non sia più giovanissima, ha molta voglia di fare e soprattutto di mettersi in discussione. Mi piacciono le sfide, amo realizzare progetti nuovi.
Da dove è spuntata?
Dalla mia attività imprenditoriale che svolgo da parecchi anni ormai. Sempre a contatto con le strutture pubbliche, ma stando dall’altra parte. 
In che cosa consiste esattamente la sua attività imprenditoriale?
Organizzare e promuovere, con la società Team Italia fondata con Roberto Gualdi, eventi culturali e sportivi, collaborare con la Rai per la realizzazione di documentari, fondare e gestire il festival del Cinema d’arte. Attività e competenze che mi hanno consentito di meritarmi un posto nella Fondazione Cineteca nazionale. 
Quindi, malgrado le maldicenze, non è digiuna di cultura?
No, è il mio mondo da anni. A volte sono stata fruitrice, a volte fornitrice. Con gli enti pubblici c’è sempre stato un rapporto diretto, anche se a volte ho dovuto sbattere la testa contro la burocrazia. 
E non solo, se è vero che con il suo predecessore, Enrico Fusi, non ci sono mai state occasioni di collaborazione.
Confermo, non mi ha mai voluto ricevere, nonostante abbia avanzato diverse richieste, per ragioni che non mi sono mai state spiegate. A me pare che un assessore debba essere a disposizione di tutti. Sarà poi lui a giudicare l’eventuale bontà dei progetti e delle proposte che gli vengono sottoposte. Non è accettabile vedersi chiusa la porta in faccia a priori. 
Lei cambierà atteggiamento?
Non ci devono essere più discriminazioni nei confronti di nessuno. Nemmeno nei confronti degli operatori privati che, a fronte di oneri assunti, si vedono qualificati come palancai. Bisogna smetterla di pensare che la cultura sia appannaggio solo dell’ente pubblico. Anche i privati possono e debbono fare la loro parte. Invece, specie in questa città, c’è chi si ostina a pensare che certe cose non si possono fare se non c’è l’ente pubblico. 
Non è così?
Il mondo, non solo quello culturale, si muove anche grazie alle aziende. Verso la cultura c’è una grande sensibilità da parte del mondo imprenditoriale. Se si mettono a punto progetti validi è possibile trovare aiuti. Smettiamola di guardare sempre al profitto. Può anche darsi che qualche volta ci sia, ma se ciò fa risparmiare soldi dei cittadini, che male c’è?
C’è un conflitto di interessi con la sua attività privata?
La nostra società non ha mai preso un centesimo dal Comune. Non ci hanno mai inserito nemmeno nel cartellone di Bergamo Estate. Non abbiamo avuto alcun beneficio, né ci siamo mai lamentati per questo. Siamo andati avanti per la nostra strada. 
Sì, però stavolta lei sta dall’altra parte della barricata. Controllato e controllore identificati nello stesso soggetto: sicura che non ci siano problemi?
Se ho accettato l’incarico che mi ha proposto il sindaco non è per farmi mettere sulla graticola. Non voglio creare fastidi a Tentorio e nemmeno a me stessa. Di una cosa sono certa: non ho scheletri nell’armadio. 
Cosa farà, quindi?
Mi dimetterò dalla presidenza del Festival del Cinema d’arte. 
E basta? Niente dimissioni da Team Italia?
No, continuo a rimanere socia e a fare il lavoro che ho sempre fatto, senza aiuti né agevolazioni, come è stato fino ad oggi. 
Non rischia di essere una situazione imbarazzante?
Dare le dimissioni per poi rientrare non appena finito l’incarico è ridicolo. Sa di presa in giro. Queste sono le mie attività, io non ho nulla da nascondere. Credo, anzi, che siano un piccolo patrimonio per la città. Certo non chiudo un’attività che mi è costata sacrifici e sudore solo perchè sono diventata assessore. Perchè, forse, non ci possono essere conflitti di interesse anche per chi fa l’avvocato o il commercialista? E perchè solo a me chiedono conto?
Veniamo ai programmi. Come intende gestire l’assessorato?
Vorrei provare a fare sistema. Tutti ne parlano, ma nessuno lo fa concretamente. 
Che eredità ha ricevuto?
Non lo dico io, basta sentire le associazioni e le realtà del territorio: non c’è stato ascolto, è mancata l’attenzione. A me piacerà sentire cosa bolle in pentola in questa città. Qui ci sono competenze e capacità eccezionali che devono essere valorizzate. 
Quali i suoi primi progetti?
Il rilancio dell’Accademia Carrara, che deve tornare ad essere il faro della cultura cittadina. 
E poi?
Programmare una stagione di eventi in cui coinvolgere tutte le realtà del fertile territorio bergamasco. 
Nel dibattito su grandi eventi-piccoli eventi lei dove si colloca?
Bergamo deve essere ambiziosa. Serve una proposta qualificata e qualificante, soprattutto ora che si sono resi disponibili grandi spazi. Ciò non significa trascurare le piccole realtà. Sarebbe già sufficiente dar loro spazio. 
E’ favorevole alle grandi mostre?
Mi piacerebbe riaprire quella stagione. 
E al Teatro Donizetti ha pensato?
Non ho una risposta. Devo studiare prima di esprimermi. E’ una delle prime cose di cui mi occuperò. 
Ha un pallino in testa?
Non voglio abbandonarmi ai sogni o ai facili proclami di chi si appresta ad iniziare un’avventura. Bisogna pensare a lavorare seriamente, cercando anzitutto di portare avanti quanto di buono ci è stato lasciato. 
Le fa impressione sentirsi chiamare assessore?
Come dice lo stesso sindaco, si prova piacere, non c’è dubbio. E’ umano. Soprattutto per chi ha vissuto questi mondi dall’altra parte, a volte scontrandosi con pregiudizi o con timori reverenziali non sempre giustificati. Ci tengo a sottolineare un punto fermo: chi ha proposte serie e professionali da avanzare non abbia timore a farsi avanti. So cosa vuol dire non avere udienza. Io mi comporterò molto diversamente. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Carol Reed

    e del Bergamo Film Meeting, glorioso quanto sempre sul punto di tirare la cinghia per mancanza di ossigeno (vedi finanziamenti), che ne dice la bella signora? sa che esiste? non è che gli anteporrà l’Orobie film festival? una targa qua, una targa là e gli eventi di Team Italia sono serviti accontentando tutti gli amici e conquistandosene altri. Mentre chi con fatica lavora davvero nella cultura da decenni viene sempre più messo nell’impossibilità di lavorare.

  2. Scritto da buonsenso

    Credo che la firma si intenda per coloro che buttano veleno, ovvio…..anche perchè se lo fanno e si nascondono sono dei codarti!!!
    Sono d’accordo con Lara, le critiche servono per crescere ma tramite un confronto se no rimane aria fritta! Oppure chiedere un colloquio personale con l’Assessore………per fugare ogni dubbio!

  3. Scritto da Parsifal

    @Luca. Mi confermi che il criterio delle offese personali, ha margini di discrezione e giudizio, anche diverso da quello della redazione. come la tua valutazione in merito. Su questo son d’accordo.
    P. S. Mi risulta che il dirett di BgNews, si sia preso una bella selva di critiche per la sua presunta “difesa” del neoassessore…

  4. Scritto da luca

    ….penso che questi blog debbano essere gestiti con più severità, è giusto aver la libertà di pensiero ma se si offende la persona credo si esca dagli schemi di legittimità, per questo la firma deve essere autentica in questo caso perchè è giusto poter controbattere se la cosa la si ritiene fuori luogo! Nessuno di noi accetterebbe titoli di neessun genere senza reagire.

  5. Scritto da Un Bergamasco

    Si Parsifal, e anche una “selva” di congralutazioni…! Vi meritereste per tutta la vita Ongins e il bugiardino per calmare la vostra voglia di informazione a senso unico. Ma che dico unico. Unico e represso. Libertà di scrivere e dissentire. Soprattutto di dissentire se hai delle valide motivazioni, non dei reflussi gastrici post voto.

  6. Scritto da Parsifal

    Bravi redaz BgNews..altro che le notizie a senso “unico e represso”. Le pubblicazioni di mail come la 60 e 61, se ce ne fosse bisogno, sopno l’ennesima testimonianza.
    ..Piccola lezione di libertà (di divegere nei pensieri e opinioni) e diciamolo pure, democrazia.

  7. Scritto da Lara

    Perdonatemi….ma perchè in questi commenti non appare un nome? Solo nomi di fantasia! Non per altro ma trovo corretto che chi critica deve avere almeno il coraggio delle proprie azioni, e chi le riceve sa con chi si deve confrontare…il confronto serve per migliorarsi…..nessuno è nato imparato, ma sputare sentenze è poco produttivo!!…in bocca al lupo Claudia!

  8. Scritto da Parsifal

    @Lara, non occorre perdono.. Sbaglio o anche lei non si firma per esteso? E’ fin troppo evidente che pochi possono dire quel che si può senza poi pagarne il conto…Bergamo è citta piccola.
    A prescindere che qualcuno si firma, mi risulta che una redazione filtri con criterio (espresso: niente calunnie e offese personali) le mail.
    Dov’è il problema? Che poi il tempo e il lavoro diranno, come lei dice, mi sembra la questione e la SOSTANZA. E diranno anche del peso dei commenti in questo blog.

  9. Scritto da Luca

    Parsifal mi spiace ma le mail non vengono pubblicate con criterio, ci sono anche offese personali……..

  10. Scritto da Marcutio x bergamasco

    Guarda che ti sbagli.
    So per certo che l’assessorato alla cultura ha rifiutato un semplice patrocinio a un privato per la sua iniziativa culturale.

  11. Scritto da BUONSENSO

    CONCORDO E SOSTENGO I PUNTI 31- 32- 33- 36- sARTIRANI SE ONESTA DEVE LASCIARE L’INCARICO- BASTA BARALDI-GUALDI R. TEAM ITALIA- SARTIRANI E’ DURATA TROPPO E MI CHIEDO COSA C’E DIETRO DA NON POTERLA FERMARE!

  12. Scritto da Luca

    Non vi va bene nulla. Se son politici sono ladri, se sono imprenditori sono interessati e ladri, se non sono nessuno sono nessuno ma ladri, se sono qualcuno se la tirano e rubano. Popolo di Giuda baciapile, massa di rozzi bergamaschi che li avete votati…date retta all’arciere paneter(un grande onore e dovresti esserne orgoglioso) o al drazen che dimora sulle piante più alte della Brembana…dimenticavo…tra cinque anni potete candidarvi. Sì sì, anche voi!

  13. Scritto da antonella

    Riferimento N.14 Robe…..
    Condivido il tuo pensiero, se Tentorio e il suo gruppo avessero scelto mediante l’elezione popolare rispettando la meritocrazia tanti problemi non sarebbero nati…Minuti, Sartirani?????…..credo che lo sfogo di altri candidati si riferisse a queste cose…la politica non segue logiche ma raccomandazioni!!…Invernizzi! Perchè ripescarlo da Arcene? Su 125 persone a disposizione della lista penso che avrebbero coperto con democrazia tutte le cariche!

  14. Scritto da Orietta

    DRAZEN N: 43
    Complimenti nelle tue parole leggo la logica, lo sai che han dato a Minuti l’assessorato più importante? Cosa sa di sport; giochi della gioventù, società sportive, federazioni, disabilità e aggregazione, eventi, doping, tutela dei diritti degli sportivi, finanziamenti dal Credito sportivo, conoscenze delle discipline, promozione sportiva nell’ambito scolastico….e quant’altro!! …dove andrà a prendere finanziamenti?…c’era una persona e l’hanno bruciata!!….peccato!

  15. Scritto da un concorrente

    Anche io ho un’agenzia concorrente a Teamitalia e purtroppo vedo che l’ignoranza impera. SArtirani ha lavorato bene e non parlo di Soap Box Rally o Maratona che non organizza lei in prima persona ma del Festival del Cinema d’Arte, del Premio Mondadori di Ostiglia, delle collaborazioni con la RaiEducational e di altre decine di lavori nel campo culturale. E’ membro della cineteca Nazionale del cinema. E’ onesta e aggressiva quanto basta per tener dritta la schiena di fronte ad attacchi assurdi.

  16. Scritto da un organizzatore di eventi

    Quanti commenti assurdi e privi di conoscenza del settore ! complimenti innanzitutto alla Signora Sartirani ,una professionista nel suo settore con la P maiuscola VE LO ASSICURO !(è mia concorrente )
    Trovo giusta la scelta di Tentorio di dare a lei la gestione di quel Assessorato pensateci bene:una volta tanto che al settore cultura e spettacolo abbiamo una persona che da 15 anni svolge questa attività con grossi risultati lasciamola lavorare E NON INIZIAMO A PARLARE DI CONFLITTO D’INTERESSI

  17. Scritto da un concorrente 2

    e aggiungo che da oggi ci sarà più spazio per tutte le altre agenzie non meno. Questo dice la logica e i fatti lo dimostreranno. Anche il fatto che l’agenzia della Sartirani e del Gualdi lavora bene lo è e infatti lavoravano più degli altri. Con Bruni. Quindi più controllo, più accesso a eventi, più competitività, più competenza. Dov’è il problema? E tra 5 anni si giudica.

  18. Scritto da buonsenso ma disinformato

    Buonsenso, il Sig. Baraldi è tanto felice e interessato alla carica della Sartirani da essere uno di quelli più ferocemente negativi nel Pdl al punto di minacciare già una crisi. Informarsi prima di scrivere inesattezze macroscopiche.

  19. Scritto da comunicattivo

    L’unica impressione positiva che finora m’ha lasciato la sig.ra Sartirani è che veste bene: si è sempre presentata agli incontri ufficiali con dei begli abiti. Per il resto è fin troppo legata alla suo lavoro da conflitto d’interessi e dice già le bugie: i suoi eventi non sono nel BergamoEstate? Ma lei l’ha mai preso in mano??? No, perchè io vedo il suo evento proprio a metà del libretto! Come vedo anche tutti i suoi eventi sull’Agenda… Bah!

  20. Scritto da burkino

    Finalmente una persona competente perchè la conosco avendoci lavorato assieme è sempre pronta ad ascoltare, cosa che per esperienza diretta gli altri di prima non hanno saputo fare. Si sono arroccati sulle loro posizioni politiche di sinistra, arrogandosi il diritto a questo malcostume che la cultura debba essere solo di sinistra !! Ma la cultura invece è trasversale alla politica e Claudia è la persona giusta. ciao Claudia e buon lavoro

  21. Scritto da Michele Forchini

    Dalle parole promette molto bene, spero vivamente vengano mantenute!

  22. Scritto da staremoavedere

    Forza, cultura “non di sinistra”, fatti vedere….

  23. Scritto da Giovanni Castellana

    Perchè il sindaco Tentorio dichiara di lasciare la carica come revisore dei conti o sindaco nei c.d.a dalle soc. da lui seguite e un assessore alla CULTURA e ATTIVITA’ produttive non si prende “una sana aspettativa” dalla sua carica in Team Italia?
    Controlleremo tutto!

  24. Scritto da paolo

    non la conoscevo prima, ho sentito solo le critiche di questi giorni, ma leggendo l’intervista mi ha fatto un’ottima impressione! forse sarebbe corretto conoscere le persone prima di criticarle.
    buon lavoro!

  25. Scritto da digheretdelbu

    hmmm…. non ha mai preso un centesimo dal comune dice la bella Sartirani…. magari lei personalmente no, ma lo sanno tutti che la “sua” azienda teamitalia e’ stata pluriorganizzatrice di eventi, promozioni materiale multimediale per il comune sin dagli anni ’90!
    Certo che se è cosi’ brava con i giochetti di parole avra’ sicuramente un bel futuro in politica. Complimenti per l’esordio!

  26. Scritto da corti-novis

    ma non lascerò team italia…… sono tutti volontari parole di Tentorio

  27. Scritto da JJ

    le auguro di fare bene, è una persona a modo, assolutamente ancora giovane, ma non si potrà lamentare se sarà guardata con sospetto. Per ogni evento cittadino organizzato da team italia il sospetto ci sarà sempre, perchè c’ è un potenziale conflitto di interessi. Poi se cambiaerà la giunta potrebbe venire ostracizzata in quanto ex assessore, insomma chi glielo ha fatto fare. Un consiglio al nuovo assessore, gestisca bene l’ agenda degli eventi, eviti le sovrapposizioni del passato.

  28. Scritto da Gaziantep

    Intervista drammatica: fare sistema, rilanciare l’accademia (che per ora è chiusa per restauri) sono le uniche risposte della signora: ovvero le banalità del più banale dei politici che non sa che dire. Un vuoto pneumatico di idee.

  29. Scritto da Corno di bassetto

    Brava, a parlare è abile come un professionista della politica. vedremo il fare. Esser + disponibili all’ascolto del suo ex Fusi non è poi così difficile.
    Colpiscono almeno 2 cose:
    1. I progetti di max citati girano da almeno 20 anni pressochè simili. Anche Fusi aveva fede nel “fare sistema”
    2. Dice: “Non ho una risposta x il teatro Donizetti. devo studiare prima di esprimermi”. Ma se il suo ambito professionale, x cui è stata scelta, è la cultura, non sa rispondere sul teatro cittadino???

  30. Scritto da Robe

    Tentorio dovrà spiegare agli elettori percé ha voluto a tutti i costi dare il posto di assessore alla cultura alla Sig.ra Sartirani che dalla intervista rilasciata non sembra avere al momento idee da concretizzare nel settore che dovrebbe gestire. Tentorio ha un concetto alquanto strano della democrazia visto che le indicazioni delle urne lui le ha sovvertite: v.Sartirani e Minuti,autentico sconosciuto,espressione della corrente di an nel pdl che non ha voti.

  31. Scritto da Scettico

    Aria fritta chiunque si interessi di cultura sa che qui si parla di aria fritta,
    Per gestire eventi e creare flussi ci vuole altro che la porta aerta (che Fusi aveva oggettivamente sbarrato) ci vogliono idee e queste qui sono del tutto assenti.
    Se poi una che lavora nel settore deve riflettere sul Donizetti cosa fara col Sociale, ma per piacere.

  32. Scritto da Marcutio

    Difficile dare un opinione sul conflitto d’interessi, e quel che dice la Sartirani è comprensibile. Andrà giudicata per l’operato.
    Se si vuole un tecnico, non si può pensare che il tecnico abbia le competenze zenza averle maturate da qualche parte,
    Più che altro si deve ricordare che cultura non sono solo eventi (e grandi eventi), ma anche biblioteche grandi e piccole (cui servono finanziamenti e organizzazione), e spazi culturali decentrati (es. sale espositive) di cui la città è carente.

  33. Scritto da Giovanni

    Quando le interviste a tutti gli assessori?

  34. Scritto da Palazzoli

    se si ascolta tutti e poi non cambia niente è perfettamente inutile ascoltare.
    è vero che Fusi forse non era simpatico a tutti soprattutto a quelli che venivano toccati nel vivo e che vedevano messa in discussione le loro rendite di posizione, ma in questianni è stato espresso un progetto forte e coerente.

  35. Scritto da Palazzoli

    Dall’ultimo sondaggio di opinione quasi il 70% dei bergamaschi ha valutato positivamente il risveglio della cultura a Bergamo, consideri anche ciò signora Sartirani e sia cauta a fare la maestrina dalla penna rossa.
    Buon lavoro

  36. Scritto da geronimo

    Questa e’ una delle scelte di Tentorio che proprio non condivido senza nulla togliere alla qualita’ del resto della giunta e alla buona fede della sig.Sartirani.
    Trasparenza e autonomia dell’amministrazione avrebbero dovuto suggerire scelte diverse.

  37. Scritto da ureidacan

    Come mai almeno quattro eventi sponsorizzati da Teamitalia negli ultimi anni portano lo stemma del Comune di Bergamo, cioè hanno ottenuto il patrocinio? E’ un bizantinismo dire che Teamitali non ha ricevuto sovvenzioni. Le sovvenzioni le hanno ricevute i singoli eventi, che hanno provveduto a pagare tutti i loro creditori, tra i quali Teamitalia.

  38. Scritto da ambersmith

    che lasci la carica non importa, sarebbe inutile, il vero problema che chi organizzerà i prossimi eventi non siano gli amici degli amici, per partito preso.
    cosa che dubito succederà, scommettiamo che prossimamente nasce una nuova azienda che organizza eventi?
    heheh la bella sartirani ha un santo in paradiso e parlano di Veline! anche noi le abbiamo un po passate ma sedute in comune con 70 voti!!!
    ora vediamo prepariamoci a controllare a chi vanno i soldi delle varie organizzazioni…

  39. Scritto da geronimo

    Apprezzo Tentorio e senza nulla togliere alla qualita della giunta e alla buona fede e capacita della Sig.Sartirani la decisione di nominarla assessore alla cultura proprio non la condivido.
    Su un’amministrazione non dovrebbe neanche lontanamente gravare il sospetto di conflitto di interesse al contrario andrebbe garantita la massima trasparenza. Questa nomina non va in questa direzione

  40. Scritto da FF

    Finalmente ora anche Bergamo è come il resto del paese: razzismo e xenofobia, conflitti di interessi e confusione tra pubblico e privato, bugie e disinformazione, totale apatia o connivenza dei cittadini. Il paese è in declino, il medioevo avanza, ma badate che a pagarne le conseguenze non sono mica solo quelli di sinistra. Ci vediamo tra 30 anni, quando la Cina staccherà un assegno e si comprerà quel che resta del paese.

  41. Scritto da Alberico

    ma quel Giovanni Castellana che promette di controllare tutto è lo stesso candidato sindaco per la Lista di Beppe Grillo che ha sbagliato nella raccolta firme facendosi ricusare poi la lista.
    Se controlla tutto come ha controllato le firme raccolte siamo a cavallo!!

  42. Scritto da Marcutio x geronimo

    Temo quello scritto da amber… non è la figura di un assessore a generare conflitti di interessi. Può comodamente esserci un rappresentante a fare gli interessi dei propri rappresentati, o degil amici degli amici.
    Se Sartirani fosse semplicemente un consigliere e al suo posto ci fosse qualsiasi altro, credi sarebbe diverso e non ci sarebbero contatti dubbiosi? In questo modo sono espliciti e quindi forse si è più garantiti e contraollati, rispetto a contatti sotterranei

  43. Scritto da ol Giopì castigamacc

    Idee zero.Arroganza molta (v.conflitto d’interessi).Si comincia bene.

  44. Scritto da seriatese

    Giovanni,quello di Seriate?
    ma, ancora si fanno rappresentare da lui i grillini?

    Dopo la figuraccia delle firme ma controllassero a casa loro.

  45. Scritto da Sergio

    l’assessore dice: mai avuto niente con il Comune di Bergamo e poi sul sito di Teamitalia, tra le referenza, troviamo niente altro che il Comune di Bergamo.
    C’è qualcosa che non va…

  46. Scritto da capitano

    @ol Giopì castigamacc: non ho capito: “Idee zero.Arroganza molta” è il sottotitolo al tuo nome e “si comincia bene” il tuo intervento?

  47. Scritto da ambersmith

    x24
    vero, infatti visti i voti e il poco raccimolato in circoscrizione
    non ha senso metterla in campo, del resto di gente capace ce ne stava a josa, si applicato male il concetto della scelta, e il fatto stesso che alcuni siano stati predestinati dall’alto fanno capire che in realtà non si è composta una giunta per lavorare sereni ma di cambiali in bianco, o se preferisci imposta.
    Credo che presto succederà qualcosa…
    sia a livello politico che istituzionale il povero saffiotti sta cercando

  48. Scritto da ambersmith

    2
    di tenere botta, ma il malumore echeggia, e qualcuno è pronto a sbattere la porta, inconsapevoli che era lo scotto da pagare con le scramucce degli ultimi anni, Pagnoncelli ha fatto molto piu male di quanto si crede, e senza accorgersi hanno dato in mano il partito alla lega.
    era la volta buona di avere una giunta capace, lo hanno fatto intendere con le candidature e ora la gente vede sconosciuti seduti…
    non va cosi e da che mondo è mondo qualcosa succede mi spaice per tentorio
    e per saffiot

  49. Scritto da Drazen

    Trovo l’approccio della Sartirani molto sbagliato. La “cultura cittadina” può essere gestita solo dal “pubblico” e cioè da chi ha la sensibiltà, la conoscenza della storia passata e presente della nostra terra e della nostra cultura appunto e la rende disponibile alla collettività senza altro interesse di profitto. Teamitalia, che E’ stata ricevuta da Fusi, ha semplicemente utilizzato la città ed il territorio per realizzare i propri legittimi interessi economici realizzando eventi “culturali”

  50. Scritto da Drazen

    Questo è il motivi di base per cui il vecchio assessore non ha ritenuto di poter proseguire il rapporto con Teamitalia. Proprio a motivo di una scelta chiara..e cioè che le manifestazioni culturali cittadine dovessero essere ispirate alla sola messa a disposizione della collettività dell’evento. Senza che alcuno debba ricercare profili di profitto.Mi sembra che la collettività, nel tema specifico, abbia gradito questa impostazione.Ecco perchè la scelta della Sartirani è assolutamente inopportuna

  51. Scritto da Robe

    Tentorio ne capisce di cultura tanto quanto la sua assessora di fiducia: Sartirani.Per il neo sindaco fare cultura significa organizzare eventi canori o sportivi; avendo questa idea in testa si è battuto come un leone per avere la Sartirani in giunta pur essendo stata bocciata dagli elettori.Altro caso è l’assessore Minuti, il quale non è stato eletto,ma si ritrova in giunta, non perché esperto di problemi scolastici o sportivi, ma perché della corrente di An al quale spetta il 30% dei posti.

  52. Scritto da Manicheo

    Non ti curar delle malelingue ma guarda e passa. Presto o tardi la lingua gli si asciuga. In bocca al lupo e buon lavoro.

  53. Scritto da Drazen

    Beh anche il caso Minuti merita qualche riflessione. Diciamo che il neo sindaco aveva nelle sue file figure molto più autorevoli cui affidare l’assessorato alla cultura (diciamo il prof.Pratalia?). Il problema è che Pratalia non ricadeva nella quota PdL. Vogliamo dire che l’interesse della collettività è stato sacrificato a quello delle correnti politiche?. Ma ve lo vedete Minuti, 33 anni, esperienza scolastica pari a zero, che si confronta coi Presidi di scuola in tema di programmi educativi??

  54. Scritto da Riccardo

    Perchè Team Italia ha tra le referenze il Comune di Bergamo?
    Basta vedere il sito di Team Italia come lo diceva Sergio 27…

  55. Scritto da un bergamasco

    Referenze del Comune di Bergamo?!?!Ma sapete che l’ignoranza è una brutta malattia?. Nel senso che ignorate il fatto perchè incompetenti che il patrocinio del Comune di Bergamo viene assegnato a qualsiasi e dico qualsiasi avvenimento organizzato che non abbia requisiti chiaramente contrari all’ordine pubblico, compreso sagra della polenta. E negli ultimi 5 anni i patrocini sono stati assegnati da Bruni non da Saffioti! A beneficiarne gratuitamente decine di migliaia di Bergamaschi.

  56. Scritto da luca

    Per Drazen. Fusi ha fatto quello che secondo la sua logica di cultura voleva. Legittimo considerare solo il pubblico…2 appunti…il 90% degli eventi sportivi, culturali e intrattenimento senza privati non ci sarebbero…l’assessore ha il dovere istituzionale di ascoltare tutti. Ricevere un membro della Cineteca Nazionale è un obbligo anche se si dissente totalmente da quello che fa. Per un uomo che si professa anche di sinistra chiudere porte è anche incredibilmente assurdo. A prescindere.

  57. Scritto da arcierebergamasco

    35
    Petralia!!!!
    Di nomi ne possiamo fare a josa
    Il buon bonomo, ottimo assessore in provincia e sacrificato nella seconda legislatura per motivi politici, perchè pericoloso!!
    Scotti Foglieni, e tutta una schiera di giovani, ma si sa che il rinnovamento è lungo ad arrivare
    Ciò che è sicuro che troppe persone hanno preso posti pur non meritandoli!!

  58. Scritto da Parsifal

    Postit per Drazen35? PETRALIA intendi??? (non il prof.Pratalia credo)??? Teniamoci Sartirani stretta!!! Chiedere ai suoi studenti del Suardo e docenti x avere qualche dritta…e ….non dico altro…Per carità!
    La Cultura e spettacolo a costui????

  59. Scritto da Drazen

    Petralia non Pratalia scusate. Si ma il punto non è che Petralia o un altro siano bravi professori o no. Io intendevo dire che l’interesse pubblico vuole che ogni incarico sia affidato alla persona più competente. (E’ banale ma è così). Ora io penso che l’assessore cui viene affidata competenza sul sistema scolastico possa preferibilmente venire da quel mondo. Il Minuti non ha assolutamente esperienza in tal senso e non è la persona adatta (ma questo lo sanno bene anche all’interno della magg..)

  60. Scritto da Drazen

    Allora risulta evidente che, per piegarsi a logiche di divisione degli incarichi tra correnti, si è sacrificato (ancora una volta) l’interesse della collettività. Punto e basta. Questo è! Piaccia o non piaccia. Se poi Minuti farà bene (così come la Sartirani) io pur avendo votato per Bruni sarò solo CONTENTO. Perchè sono bergamasco e non mi auguro che la giunta attuale operi male solo per dimostrare che era meglio la precedente. Siccome non esistono contrapposizioni ideologiche tra dx e sin…

  61. Scritto da Drazen

    io vorrei che le persone più idonee per la città assumessero gli incarichi pubblici, e vorrei che poi facessero bene.. anche se personalmente non le ho votate. Mi sembra questo uno spirito assolutamente democratico no?. Questo spirito, AL MOMENTO, è stato disatteso da Tentorio con due nomine (Sartirani e Minuti) AL MOMENTO scellerate e prive di logica nella peggior tradizione partitica da prima Repubblica. Non voglio essere autoreferenziale ma trovo le mie affermazioni ineccepibili. PS. Mi

  62. Scritto da Drazen

    risulta che la sig.ra Sartirani sia invece stata inizialmente ricevuta, come altri d’altronde, in assessorato. Non trovando poi motivo di coincidenza i suoi progetti con quelli di Fusi probabilmente la frequentazione non si è poi ripetuta.