BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alla Persico spa accordo raggiunto per 21 esuberi

Accordo raggiunto alla Persico spa di Nembro sugli esuberi annunciati all’inizio del mese scorso: la firma di FIOM-CGIL, FIM-CISL e dell’azienda metalmeccanica è arrivata martedì 30 giugno, dopo un incontro in Confindustria. La procedura di mobilità era stata aperta l’8 giugno per 21 lavoratori sui 208 in organico.

Più informazioni su

Accordo raggiunto alla Persico spa di Nembro sugli esuberi annunciati all’inizio del mese scorso: la firma di FIOM-CGIL, FIM-CISL e dell’azienda metalmeccanica è arrivata martedì 30 giugno, dopo un incontro in Confindustria. La procedura di mobilità era stata aperta l’8 giugno per 21 lavoratori sui 208 in organico.  “La forte crisi che sta colpendo il mondo del lavoro non risparmia nemmeno la Persico stampi di Nembro, azienda che produce stampi prevalentemente nel settore dell’automotive e nautica, entrambi mercati in forte calo” commenta Severino Masserini della FIOM-CGIL di Bergamo. “L’accordo sottoscritto prevede l’accompagnamento alla pensione tramite la mobilità per otto persone. L’azienda integrerà l’assegno erogato dall’INPS fino ad un importo pari al 75% del cud dell’anno 2008. Per i restanti esuberi, l’intesa prevede che siano volontari con un incentivo all’esodo che varia tra i 10.000 e i 40.000 euro  in base all’età anagrafica ed all’anzianità di fabbrica”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da angelo c.

    Concordo pienamente sull’ultimo punto.
    Mi permetto di aggiungere alla platea degli evasori anche tutti i lavoratori che pretendono le straordinarie pagate in nero , per non parlare dei turnisti che poi fanno una seconda giornata per non parlare poi dei pensionati che arrotondao la pensione in nero ovviamente.
    Ovviamente non tutti i dipendenti e pensionati sono degli evasori ma questo concetto deve valere anche per i lavoratori autonomi.

  2. Scritto da Marcello P.

    Io le pago ma non perchè sono il più bravo. Solo che i lavoratori dipendenti sono obbligati alla fonte nel pagare le tasse. Dato che in Italia c’è moltissima evasione……fai tu il conto di chi non paga….(professionisti, artigiani, imprese,ecc). Comunque, Angelo C. se ti interessa non sono mai stato comunista, anche se non mi sembra disonorevole esserlo. Disonorevole è non pagare le tasse e vivere alle spalle di chi paga onstamente.

  3. Scritto da angelo c.

    Caro Marcello è vero, c’è una buona fetta di evasione fiscale ( P.iva,operai,pensionati ). Le tasse non le paghi solo Tu ! Anche gli Imprenditori onesti le pagano e ti assicuro che sono al limite della decenza rispetto agli altri paesi. Scrivere tanto per far polemiche non risolve il problema.Di sicuro , da buon comunista pensi che la verità e l’onestà si trovino sempre dalla tua parte.

  4. Scritto da Marcelllo P.

    Che pena. questi sono padroni che hanno fatto i soldi fino a ieri sera. e adeso le tasse sono alte…….si ma per gli operai che le pagano tutti i mesi.
    Angelo e n.1. per favore

  5. Scritto da un operaio che ci crede...

    Persico, Fassi, Honegger, Albini,ecc.ecc. sembra una lenta agonia per Bergamo e L’Italia. Spero cambi qualcosa. Forza Pierino Persico, Silvio Albini, Zambaiti , Fassi ecc.ecc. tenete duro per Bergamo e noi tutti. Certo il 40 e passa per cento di tasse da pagare allo stato italiano sono tante, ma L’ORGOGLIO BERGAMASCO…….FORZA.PER NOI TUTTI…………….

  6. Scritto da angelo c.

    Finalmente qualcuno che non demonizza i “padroni “.
    Se le aziende vanno bene di conseguenza anche i dipendenti vanno bene.
    Le tasse da pagare sono purtroppo troppo alte ( oltre il 65% ) e l”imprenditore che non è un fesso trasferisce le unità produttive in paesi dove le tasse sono più umane. I piccoli come il sottoscritto subiscono le GABELLE dello stato per poi chiudere.