BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Lussana contro internet E Marco Travaglio la attacca

L'onorevole leghista ha presentato una legge vorrebbe difendere il cosiddetto "diritto all'oblio", cio?? la possibilit?? che immagini, testi e altri contenuti relativi ad una persona o ad una vicenda vengano cancellati dal Web. Guarda il video di Travaglio.

Più informazioni su

I vecchi giornali finiscono al macero, le trasmissioni televisive smettono di trattare un argomento appena l’audience non risponde più positivamente; il Web invece non dimentica nulla, le pagine HTML rimangono in Rete virtualmente per un tempo indefinito. Questa capacità di Internet di rappresentare una nuova forma di conservazione della memoria degli eventi non piace a tutti, così l’onorevole bergamasca Carolina Lussana della Lega Nord ha presentato una proposta di legge per porre rimedio a quello che qualcuno percepisce come un problema. L’onorevole vorrebbe difendere il cosiddetto "diritto all’oblio", cioè la possibilità che immagini, testi e altri contenuti relativi ad una persona o ad una vicenda vengano cancellati dal Web passato un certo periodo di tempo; gravi sanzioni sarebbero previste per chi dovesse agire in violazione alla legge. Secondo la Lussana, la permanenza di deteminate informazioni nella Rete potrebbe arrecare pregiudizio alle persone interessate, la sanzione dovrebbe quindi essere commisurata al danno provocato.
L’esperto di diritto Guido Scorza sul suo blog lancia il nuovo allarme: "Attraverso il disegno di legge si intende circoscrivere temporalmente la possibilità per ogni sito internet di pubblicare informazioni e notizie non solo di natura giudiziaria relative a persone coinvolte in procedimenti giudiziari nonché a vietare ai gestori dei motori di ricerca di indicizzare tali contenuti. Ai sensi di quanto previsto all’art. 2 del disegno di legge, l’interessato, potrà, trascorsi intervalli di tempo predeterminati, chiedere al gestore del sito internet o del motore di ricerca di rimuovere i dati che lo riguardano o di eliminarli dall’indicizzazione". E conclude: "Neanche la storia di Jack lo squartatore potrebbe essere tramandata, se passasse un siffatto Ddl". E anche il giornalista Marco Travaglio passa all’attacco (leggi la trascrizione dell’intervento). Guarda il video.

Scarica la proposta di legge in formato pdf
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mario Alberti

    Una boiata del genere me la sarei aspettata dal qualche becero benpensante dell’udc o pdl non di certo dalla lega. Questa proposta disonora l’impegno di trasparenza del partito. Cosa vorranno mai nascondere poi? Come si fa a combattere una tecnologia poi?

  2. Scritto da hi

    brava.

  3. Scritto da Mr.wonderfull

    Interessante questa legge.
    Vale anche per gli avi.
    Potremmo cancellare dai libri di storia le colpe di Hitler, Stalin, Mussolini etcc…
    così da non giudicarli.

  4. Scritto da ex

    In questo caso non c’entra nulla se il parlamentare è Padano o no (e in mi piacerebbe sapere se l’interessata è ancora padana visto che vive a Roma..) qui si tratta di far sparire informazioni anche storiche e cisarebbero moltissimi compagni che farebbero firme false per far passare questa legge!

  5. Scritto da ex elettore

    @padania cosa vuol dire se è stata sottoscritta anche dal Pd? E se fosse?
    E’ sempre uno schifo uguale, i cittadini onesti sono stanchi sia di dx e di sx è ora di finirla, questo paese è uno schifo, non vi è distinzione di partito.

  6. Scritto da cuìn

    39, ho scritto che a sx qualcuno potrebbe essere d’accordo. la demenza regna ovunque, ma soprattutto tra i parlamentari padani.

  7. Scritto da cuìn

    mitica! che? si vergogna di aver fatto le scampagnate sul po, comizi da osteria, passato gli esami a napoli?

  8. Scritto da asterix

    Questa è troppo forte!!!
    E spero che su queste cose non si cominci con destra/sinistra semplicemente perché chiunque proponga una cosa una cosa del genere propone semplicemente una scemenza.
    Perché non bruciare anche i libri e i giornali?
    Se c’è qualcosa da querelare in una notizia, su una pagina web o altro lo si querela, ma cancellare la memoria delle cose che non piacciono è inaudito e contro qualsiasi spirito liberale.

  9. Scritto da la redazione

    La redazione invita tutti ad attenersi al tema della discussione e ad invitare inutili attacchi personali. In caso contrario si vedrà costretta ad intervenire o censurando il commento o chiudendo la discussione.

  10. Scritto da manuel rodigari

    Ha ragione che dice/scrive/pensa che i politici parlino una lingua diversa da quella della gente, mirata SOLO ad incrementeare i propri utili e a nascondere le loro malefatte. Finchè dura….. Ma la gente, sebbene non se ne siano accorti, è molto stanca e inizia a mugugnare. Tornando all’argomento, dico Bravo Travaglio o chi come Lui, nei brevi spazi che sono Loro concessi dalla censura, ci informa di tutto ciò che, pur riguardandoci, ci viene nascosto ad arte.
    On. Lussana e famiglia: vergogna!

  11. Scritto da corti-novis

    su Facebook sono stato cancellato, mi avevano detto che era impossibile cancellarmi , invece l’obblio politico c’è già ,basta che chi gestisce non è della parte politica. Lussana è in linea con Berlusconi per i suoi interessi personali vuole mettere delle regole ( a pagamento) per internet ( contra le libertà).

  12. Scritto da csw

    Evidentemente il presidente Mahmud Ahmadimejad ha molti proseliti……..

  13. Scritto da Pol.sco.

    Che esagerazione!
    La proposta della Lussana non mi pare del tutto sprovvista di giustificazioni
    Non c’è certo bisogno di insultarla per aver detto la sua
    C’è o non c’è libertà di dibattito?

  14. Scritto da mauro

    il prossimo passo sarà bruciare i libri in piazza…..
    internet fa paura ai politici…..non è come i quotidiani o i telegiornali che si possono comprare e indirizzare a piacimento…..
    internet è libero….permette a tutti d’avere un punto di vista più obiettivo……
    cara carolina……neanche tu riuscirai a uccidere la libertà…

  15. Scritto da pm

    Cancellare le notizie “vecchie” su internet (e chi stablisce quandop sono “vecchie”) – delegare la gestione dei voli di stato ai servizi segreti così saranno inaccessibili i nomi dei passeggeri… Anzichè comportarsi decentemente, evidentemente, i politici preferiscono nascondere. Chissà come mai…

  16. Scritto da corti-novis

    Va bene che ha vinto la lega , oblio anche in Bergamonew, deve obbedire ai suoi padroni? uno qualunque.

  17. Scritto da WWW.ILPRINCIPE.EU

    Brava Lussana, una proposta di legge interessante a tutela della privacy dell’individuo, da valutare con calma per capire tutte le implicazioni del caso.
    Travaglio non mi interessa, è un rigirgito della rivoluzione francese, con quella faccia poi…

  18. Scritto da c.zap.

    Egr. sig. Cortinovis, in Bergamonews c’è tanto oblio da ospitare decine, se non centinaia, di suoi interventi. Abbiamo invitato ad evitare attacchi personali, specialità che qualche volta vede anche lei partecipe, non chiuso la discussione su un tema che è invece molto delicato ed importante. Si tratta di intendersi, se si vuole…

  19. Scritto da cuìn

    vorrei sapere dall’avv. quali sono le giustificazioni. una potrebbe essere che è stata fatta da una precisa parte politica. anche se ritengo che a sx qualcuno potrebbe essere d’accordo.
    comizi da osteria è un insulto? guardatene alcuni su youtube. si ridacchia!

  20. Scritto da gualtiero

    che differenza c’è tra la memoria del WEB e quella, ad esempio, degli archivi dei quotidiani, come quello depositati nella Angelo Mai in Città Alta. Anche qui ci sono i ricordi relativi a persone e fatti. Allora, seguendo il “Metodo Lussana”, bruciamo anche questi archivi, e poi, di conseguenza, anche i libri, dove si fa riferimento a persone ancora in vita. …. e poi la Lega è dalla parte del popolo: certo, a condizione che rimanga nell’ignoranza

  21. Scritto da corti-novis

    http://WWW.ILPRINCIPE.EU….tutela della privacy dell’individuo….??? .su Facebook sono stato cancellato… eppure ero NUDO della mia privatcy….. nessuna richiesta di essere cancellato….ma solo che davo fastidio perchè chi gestiva Facebook …. e so chi è era dalla opposta mia parte politica e davo fastidio… come vedi l’oblio diventa un pretesto per togliere la libertà a pari mezzi comunicativi anche se sono “gratis”

  22. Scritto da www.ilprincipe.eu

    Per ciò che riguarda l’articolo ancora un (brava!) a Carolina Lussana: qualcuno ha letto la proposta di legge che Zapperi ha linkato?
    Evidentemente no: ed è un peccato d’ignoranza.

    Molto interessante il diritto all’oblio dopo tot anni a seconda del reato commesso: non è giusto che il web ti faccia pagare un reato (dai motori di ricerca) per il resto dei tuoi giorni.

    Grazie alla Lega Nord per questo ulteriore elemento di civiltà (dopo il decreto intercettazioni) proposto nell’ordinamento.

  23. Scritto da Nerazzurro

    Cortinovis, per favore, non dica stupidate. Sono un utente di FB e posso assicurarle che la cancellazione di un account non dipende dalle sue posizioni politiche, ma dall’uso che fa del mezzo. Troppe richieste di amicizia, troppi inviti in gruppi, troppi commenti possono avere scocciato qualche altro utente che ha deciso di segnalarla. Lei avrà prima ricevuto un avviso, poi, vista la perseverazione nell’uso smodato di FB, è stato cancellato.
    Quale complotto? Ma mi faccia il piacere…Suvvia

  24. Scritto da cuìn

    il principe è sicuro che la sua faccia non sia registrata da una delle centomila-e-centomila telecamere messe un po’ ovunque?

  25. Scritto da www.ilprincipe.eu

    Assolutamente si utente, la mia faccia è registrata come d’altronde la sua e quella di tutti gli altri cittadini.
    D’altronde la videosorveglianza come ci ha dimostrato Bruni e l’assenza contestaria del Paciana è accettata ampiamente e trasversalmente.

    Ancora grazie per una luce in un epoca di barbarie giustizialista ben rappresentata dai Travaglio & friends: dopo le necessarie e dovute modifiche si spera che la legge in oggetto passi. Saluti

  26. Scritto da acido

    La politica è come una soap opera: dopo tre giorni e ventisette puntate non ti ricordi più. Questa per i politici è una garanzia di impunità: possono raccontare e fare qualsiasi stupidaggine sapendo che cadrà nell’oblio. Internet però ha una memoria di ferro, come gli archivi dei giornali, solo che è comodamente accessibile e con un’assoluta facilità di ricerca.
    Voterò per chiunque proporrà una legge per appendere in piazza chiunque voglia limitare la libera circolazione delle notizie in rete

  27. Scritto da cuìn

    eh, principe. per la privacy, no alle intercettazioni ma sì alle telecamere. come la mettiamo? mah (preciso, che mi filmino o che intercettino i miei “butta la pasta” non mi fa nè caldo nè freddo). e saluti!

  28. Scritto da jet

    In ossequio alla Costituzione pare proprio che, come per le pronunciazioni su Eluana Englaro, il decreto intercettazioni e il bavaglio alla stampa, non saranno nè di questo, nè di tutti i governi che cercheranno di censurare la libera infomazione, decretazioni ampiamente sconfinanti i principi di libertà e diritto alla informazione.

  29. Scritto da Farfarello

    Il principe, o meglio il paladino dell’innocentismo, mi potrebbe cortesemente spiegare perchè i reati penali di cui si sono macchiati determinati invidividui o le indagini penali di cui sono stati oggetto non dovrebbero essere di dominio pubblico? Anche a distanza di tempo dai fatti?
    Per esempio, per me elettore è importante sapere che un politico è stato inquisito o condannato per tangenti o reati vari 15-16 anni fa e che lo stesso politico si ricandida come se nulla fosse…

  30. Scritto da corti-novis

    In svezia è nato un partito per la libertà ASSOLUTA per internet, è la seconda volta che si presenta ed è passato da 2% al 6%. Oggi la presidenza all’europa è in mano alla Svezia e per sei mesi possiamo stare tranquilli. Berlusconi al G8 ci proverà ha mettere nell’agenda una proposta politica alla legge-lussana e divieto di scaricare musica e film come reato con pene severe. Se nasdce un partito chiamato internet-libero in Italia prendere 8% a destra e sinistra e voti anche lega. Forza Lussana

  31. Scritto da www.ilprincipe.eu

    Internet non deve essere anarchia pura, benvengano lacci e giri di vite. Come admin di un magazine d’informazione sono favorevole, con degli emendamenti doverosi, alla legge proposta dall’on. Lussana.

    Perchè? Semplice: se una ruba una “mela” a 20 o 46 anni, o compie una stupidaggine qualunque, addirittura non da codice penale, è barbarie marchiarlo a vita.

    La stupidità del mondo-web è d’altronde riproposta da questo episodio: giudizi di pancia, che scattano in automatico, omologazione.

  32. Scritto da asky

    Rubare una mela è come aver passato un esame di stato in territorio extrapadano? Come la Lussana?

  33. Scritto da jet

    “se una ruba una “mela” a 20 o 46 anni, o compie una stupidaggine qualunque, addirittura non da codice penale, è barbarie marchiarlo a vita.”

    chi lo stabilisce la Lussana con il principe.eu anonimo ? Vigliacco se mette nome e cognome una volta.
    Meglio affidarsi alla Costituzione con gli ossequi del 21.

  34. Scritto da cuìn

    ma sì principe, siamo tutti stupidi pecoroni. ossequi a lei e a tutta la sua corte.

  35. Scritto da p.eu

    Cuin per favore, non offenda i pecoroni.

  36. Scritto da cuìn

    si è offeso…

  37. Scritto da asky

    Si è offesa la Lussana? Come la Gelmini?

  38. Scritto da www.ilprincipe.eu

    Cuin & C.: i pecoroni non sono così omologati come tante persone che professano “vivacità intellettuale”: riescono ad articolare una volontà eterogenea e complessa all’interno del gruppo ovino.
    La corte la ringrazia e ne approfitta per bandire e proporle un salario da palafreniere comprensivo di protezione regia.
    Risponda al mio assistente, è l’ora della caccia con il falcone.

  39. Scritto da cuìn

    grazie, altezza! mi saluti il nobil uomo luigio guastardo della radica “ah! la tauromachia!” :)

  40. Scritto da ex elettore

    Anche qui pubblicano solo cio che gli fa comodo!

  41. Scritto da asky

    Principe scenda dalla pianta, la grù è pronta per l’operazione chichibio

  42. Scritto da Libera informazione

    A me piu’ che un principe me sembra un suddito.
    Speriamo passi la censura……….

  43. Scritto da Parsifal

    Se pensiamo ai recenti, attuali, casi di regimi che imbavagliano l’informazione, Internet è un mezzo preziosissimo, aspesso l’unico! tutto il resto del’informazione è bloccato.
    Iniziare a introdurre l’idea di un controllo del mezzo è molto rischioso.
    Le tv, la stampa (forse appena meno) la radio, sappiamo che non sono “liberi” ma rispondono a editori-produttori.
    Allora, sono più i pro o i contro a questa LIBERTA’ di internet? A buon senso, direi proprio i PRO, pur con tutti i limiti.

  44. Scritto da mela cotogna

    Io se rubo una mela non posso fare un concorso in un ente pubblico, loro se hanno rubato una mela, o se la rubano possono sedersi tranquillamente in parlamento, qualcosa non torna…..

  45. Scritto da padania

    ma prima di sparare ca… , non è il caso di verificare se è stata sottoscritta anche dai parlamentari del PD

  46. Scritto da tonio

    Questa è peggio della logica creativa: tremonti interviene per adeguarsi alla ue sulle pensioni delle donne ma continua a pagare soldi dei cittadini per rete4 e le sanzioni europee