BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il giallo dell’estate 2008

Il delitto di Vertova si consumò nel primo pomeriggio del 24 luglio, tra le 14 e le 15, nell'abitazione di via Cinque Martiri, dove l'imprenditrice Maria Grazia Pezzoli era sola, in attesa del marito Giuseppe Bernini.

Più informazioni su

Il delitto di Vertova si consumò nel primo pomeriggio del 24 luglio 2008, tra le 14 e le 15, nell’abitazione di via Cinque Martiri, dove l’imprenditrice Maria Grazia Pezzoli era sola, in attesa del marito Giuseppe Bernini, del quale era anche socia in affari nell’azienda Valcop (coperture metalliche) e prima in altre ditte. L’attenzione mediatica sul caso fu subito alta, e durante tutto agosto non mancarono i colpi di scena: il 6 agosto fu il giorno dell’arrivo dei Ris di Parma in quel di Vertova e in quello stesso giorno, in un cantiere nel padovano, morì in uno strano incidente sul lavoro un dipendente di Bernini, di origini senegalesi. Già il 26 luglio, però, gli inquirenti avevano individuato reperti che si sarebbero poi rivelati determinanti, ma dei quali si parlò alla stampa solo parecchi giorni dopo: ad Albino furono ritrovati un porta foto, altri oggetti e un lembo di pantaloni, sui quali c’erano tracce di Alì Ndiogou, operaio senegalese di 40 anni, domiciliato a Gandino, che era stato dipendente di Giuseppe Bernini. Quelle tracce, in particolare il sangue sui pantaloni, corrispondevano al dna di alcune gocce di sangue lasciate sul luogo del delitto il 24 luglio.

LE TAPPE DEL GIALLO

24 luglio 2008 Mistero a Vertova, donna uccisa in casa

30 luglio 2008, il marito della vittima interrogato per cinque ore

6 e 7 agosto, il doppio sopralluogo dei Ris

9 agosto, il marito torchiato per 9 ore

11 agosto, terzo sopralluogo dei Ris

29 agosto, la svolta, in carcere il presunto colpevole

30 agosto, le prove che incastrano Alì Ndiogou

30 settembre 2008, il marito della vittima: di Ndiogou non ricordavo nulla

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.