BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quando i “lumbard” fanno grande Reggio Calabria

Il senatore varesino del Pd, Paolo Rossi: «Il capoluogo calabrese sarà considerato "città metropolitana" perché la Lega ha votato contro il nostro emendamento. Come era avvenuto con Catania»

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo l’intervento in aula del Senatore varesino Paolo Rossi (Pd) in merito alla bocciatura di un emendamento nell’ambito della discussione tenutasi in Senato circa il Federalismo fiscale.

Ieri, nell’ambito del voto sul Federalismo fiscale, la Maggioranza ha bocciato un emendamento del Parito democratico (23.1), in base al quale si chiedeva di eliminare Reggio Calabria dal novero delle città metropolitane, così come proposto nel disegno di legge dalla stessa Maggioranza.

Non vi è, naturalmente, alcunché contro Reggio Calabria, nello specifico, e tuttavia inserire tale città in un elenco di Comuni metropolitani (fra cui si contano: Torino, Milano, Venezia, Genova, Firenze, Bari, Napoli) è operazione che sembrerebbe rispondere chiaramente a un mero opportunismo di facciata.
La Lega ha votato compattamente contro l’emendamento, assumendo una posizione che ben si coniuga con i finanziamenti devoluti a Roma capitale e i milioni destinati a Catania.
Il Partito democratico, com’è ampiamente noto, si è dimostrato favorevole, in linea di massima, al progetto federalista e comunque è sempre stato disponibile a un confronto costruttivo sul tema.
Lascia a dir poco perplessi l’atteggiamento di un Partito come la Lega che, a dispetto dell’esibito rigore nei riguardi di alcuni temi, cede in Parlamento a logiche diverse, lontane da quella specchiata moralità e dal bene del Paese che dice di voler professare.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.